Archivi categoria: Invio immediato

Conferenza venerdì 3 giugno: “Le marcature: la comunicazione segreta dei nostri cani”

Le marcature sono un mondo ancora in parte inesplorato perché molto complesse da decifrare. Perché il mio cane si struscia sulle superfici? Perché raspa con le zampe dopo aver fatto la pipì o la cacca? Sono domande che molti proprietari si pongono e per capire qualcosa in più su questo sistema di comunicazione ENPA di Monza e Brianza propone per la serata di venerdì 3 giugno un nuovo interessante incontro: “Le marcature: la comunicazione segreta dei nostri cani”.

La relatrice sarà la Dott.ssa Mariani Elisabetta, biologa e istruttrice cinofila con approccio cognitivo zooantropologico. La conferenza è aperta a tutti, in particolare ai proprietari di cani, ai dog sitter e a chi opera nel campo del volontariato animalista.

L’incontro si svolgerà alle ore 21,00 sia in presenza sia in diretta online. Sarà inoltre possibile richiedere in seguito la registrazione dell’incontro.

Programma della serata

Come noi comunichiamo parlando con chi incontriamo per strada o al parco, così per il cane l’atto di marcare costituisce un modo per comunicare molto importante. Per lui fare la pipì non significa semplicemente di svuotare la vescica, è una vera e propria comunicazione olfattiva. Tuttavia, i cani non dialogano solo di cose frivole ma anche di cose importanti, per esempio del loro stato emozionale: si chiedono “come stai?”, oltre a “chi sei?”.

Di questo e tanto altro parleremo insieme durante l’incontro.

Modalità per partecipare

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

  •  in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti. I partecipanti devono essere muniti di mascherina FFP2;
  • online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.

Sarà inoltre possibile richiedere la registrazione diretta della serata, disponibile successivamente. Anche in questo caso è necessario compilare il Form (che rimarrà sul sito anche dopo la serata del 3 giugno).  

La partecipazione all’evento è a offerta libera (sia per la partecipazione vera e propria sia per ricevere la registrazione); sul Form troverete tutte le modalità per versarla.

Il ricavato della serata sarà devoluto a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

Pubblicato il 17 Maggio 2022

FotoCiotola Day, domenica 29 maggio torna a Monza l’iniziativa benefica. Aperte le iscrizioni!

Dopo il successo delle scorse edizioni, torna al rifugio di Monza la coinvolgente manifestazione benefica FotoCiotola Day.

Nata dal desiderio della fotografa ritrattista Claudia Rocchini di sostenere le attività dei rifugi per animali tramite raccolte alimentari, l’iniziativa vanta la collaborazione di Foto Tecnica Trentani, Sony Italia, EIZO, EIZO Academy, Profoto, PM Studio News e la rivista FOTO Cult.

Modelli per un giorno

Come funziona? Domenica 29 maggio – previo appuntamento e fino a esaurimento posti – vi potrete recare al rifugio di Monza in via San Damiano 21 con il vostro pet (cane, gatto, coniglio o altro) per usufruire del servizio fotografico professionale di 15 minuti offerto da Claudia Rocchini e di una stampa dell’animale 15×20cm offerta da Foto Tecnica Trentani di Pavia.

Ai partecipanti è richiesto solo di portare all’appuntamento cibo per animali del valore di almeno €25 che sarà donato a ENPA Monza e Brianza. In fondo trovate un elenco di alimenti che più servono agli ospiti del rifugio.

Come partecipare

  • Per prenotare il vostro servizio fotografico, registratevi a questo LINK e compilate il Form di Partecipazione. Vi sarà chiesto di indicare la tipologia di animale, la taglia e di inserire una sua fotografia: tutte informazioni indispensabili per permetterci di organizzare al meglio gli appuntamenti, le riprese e l’allestimento del set!

Una volta chiuse le iscrizioni, sarete ricontattati e vi verrà comunicato l’orario di sessione che vi preghiamo di rispettare, sia per non creare assembramenti in sede, sia per evitare incontri/scontri tra i modelli a quattrozampe. Tutti i partecipanti (umani) dovranno essere muniti di mascherina FFP2.

  • I lavori si svolgeranno a partire dalle ore 9,30.
  • Attenzione: la sessione fotografica non prevede scatti a umani+animale e sarà ritratto un solo animale per proprietario.
  • Le stampe saranno inviate al Rifugio di Monza entro 15 giorni dallo svolgimento dell’evento, dove potranno essere ritirate.

Cosa aspettate? Collegatevi e prenotate la vostra sessione fotografica!

Nelle foto, alcuni dei ritratti realizzati da Claudia Rocchini nelle precedenti edizioni dell’iniziativa. 

GLI ALIMENTI CHE PIÙ SERVONO IN QUESTO PERIODO

Per gatti e gattini:

  • cibo umido o secco “gastrointestinal” per kitten e adulto
  • secco di qualità per kitten (es. Monge super premium, Pro-Life, Farmina, Almo Nature, Shesir, Purina Beyond)
  • umido di qualità per adulti e kitten (es. Almo nature, Shesir, Beyond Purina, Monge super premium, Pro-life, Natural Trainer, MjAMjAM kitten …)

Per cani:

  • cibo umido specifico per cuccioli (es. Royal Canin Starter Mousse Mother & Babydog)
  • umido di marca per adulti
  • biscotti

Grazie di cuore!

Pubblicato il 17 Maggio 2022

Ucraina, continua l’impegno di ENPA

Fin dai primi giorni della guerra in Ucraina è iniziato l’impegno di ENPA a portare aiuto a questa martoriata terra con una distribuzione capillare di cibo, farmaci e attrezzature per animali e ciò nonostante le comprensibili difficoltà burocratiche e logistiche.

Vi avevamo lasciato con la bella notizia degli aiuti finalmente arrivati ad Andrea Cisternino e al suo rifugio Kj2 di Kyiv ma l’attività dell’associazione è andata ben oltre, aiutando anche famiglie in difficoltà, rifugi e i volontari che alimentano i tanti animali vaganti sul territorio.

Sono state raggiunte Dmitrivka, Kherson (Cherson), L’viv (Leopoli)  e moltissime località della regione di Kyiv fino al confine con la Bielorussia, Myrnohrad (nella regione di Donetsk, nel Donbass, in un territorio direttamente interessato dagli aspri combattimenti tra russi e ucraini), Odessa, Chernomorsk e la periferia Nord di Kyiv, dove molte famiglie non avevano più pet food e avevano cominciato a dividere il poco cibo a disposizione senza alcuna distinzione tra alimenti per umani e alimenti per animali.

ENPA i suoi partner

Tutto questo è stato reso possibile grazie alla collaborazione di partners come Mirnograd Animal Protection Society, SaveUkraine.City, A-Himsa, UAnimals, Veg4dogs.

Ai primi di maggio è partito da Bra (CN), sede del Centro Nazionale Comunicazione e Sviluppo ENPA, un Tir diretto all’hub di SaveUkraine di Kiev, che garantirà un continuo flusso di beni in tutta l’Ucraina centrale e settentrionale, grazie anche alla sensibilità di due grandi aziende come Arcaplanet e Purina, mentre un’importante donazione di farmaci e antiparassitari per circa 700 animali è stata resa possibile grazie all’azienda farmaceutica Ceva.

Le cifre

Con l’ultima missione la quantità di aiuti spediti da ENPA è arrivata a ben 173 tonnellate, mentre sono 142 gli animali ucraini giunti in Italia in osservazione sanitaria.

Anche ENPA di Monza e Brianza ha dato il suo contributo, raccogliendo presso il parco canile di Monza quasi 5 tonnellate di alimenti, presidi sanitari, kennel e trasportini, forniti anche dalle sedi ENPA di Merate (LC) e di Voghera (PV). Inoltre ENPA Monza ospita tre gatti giunti con la loro proprietaria da Kyiv nei primi giorni di guerra, e anche quattro cani recuperati da ENPA sul confine e giunti con una staffetta in Italia per passare un periodo di osservazione sanitaria prima dell’affido.

Vedi in fondo alla pagina l’infografica “ENPA per Ucraina”

I delfini, vittime innocenti della guerra

In ogni guerra ci sono quelli che vengono chiamati “effetti collaterali” e anche in questa non sono mancati: più di ottanta delfini sono stati trovati, morti spiaggiati, sulle coste turche e altrettanti in Bulgaria. La conferma è arrivata dal quotidiano britannico The Guardian, che sulla questione ha intervistato Bayram Ozturk, il presidente della fondazione turca di ricerca marittima Tudav. I delfini muoiono perché l’intensa attività delle navi da guerra nel Mar Nero produce una gran quantità di segnali sonar che li disorientano, finendo nelle reti da pesca oppure sulle spiagge. A causa del conflitto in corso, purtroppo, non è possibile avviare alcuna azione di protezione.


Gli ultimi arrivi

In questi ultimi giorni sono arrivati in Italia, dopo un lungo viaggio dal confine tra la Polonia e l’Ucraina, 20 cani e 25 gatti. Si tratta di animali domestici che sono stati lasciati temporaneamente ospitati in un rifugio della zona di confine. Il viaggio è stato reso possibile grazie all’impegno di ENPA che ha anche trovato stalli di destinazione a Verona, Pordenone e Trento per la necessaria osservazione sanitaria.


Grazie ad Arcaplanet una nuova campagna pro Ucraina

L’obiettivo è donare 200mila pasti a cani e gatti in difficoltà in meno di due settimane. Tutto questo sarà possibile partecipando, dal 16 al 29 maggio, a “Foodstock Ucraina”, la raccolta alimentare interamente dedicata all’Ucraina realizzata in collaborazione fra Arcaplanet e l’Ente Nazionale di Protezione Animali.

La campagna è attiva fisicamente nei 390 Pet Store del gruppo Arcaplanet, acquistando i prodotti contrassegnati dall’etichetta “Foodstock Ucraina” oppure in versione online con il sacco “Donazione Foodstock” al prezzo speciale di 3€. Arcaplanet metterà la differenza per donare insieme un sacco del valore di 9€

Una volta acquistati i prodotti verranno donati a ENPA che provvederà a consegnarli ai rifugi bisognosi o ai centri di accoglienza dedicati.

Pubblicato il 17 maggio 2022

4 passi a 4 zampe, appuntamento domenica al Parco!

Ricordiamo che la nostra tradizionale camminata al Parco di Monza torna dopo due anni di stop causa pandemia!

Vi diamo quindi appuntamento domenica 22 maggio alle ore 14,30 all’interno della Porta di Vedano (MB), l’ingresso principale per l’autodromo.

Lì troverete il tavolo delle iscrizioni, 10€ per ogni cane, che riceverà in omaggio un’elegante bandana con il logo ENPA ricamato, che quest’anno abbiamo voluto realizzare nei colori della bandiera ucraina.

Per tutti i dettagli, leggi l’articolo qui.

Pubblicato il 17 maggio 2022

Villasanta, riccio caduto in un tubo: la segnalazione arriva da un gruppo di giovanissimi

La cronaca ci ha abituati a notizie di crudeltà gratuite verso gli animali e di disordini tra bande dove i protagonisti sono dei giovanissimi. Proprio per questo grande è stata la sorpresa, domenica 7 Maggio, nel vedere chi aveva con una telefonata allertato l’ENPA di Monza e Brianza, segnalando un riccio in fondo a un lungo tubo conficcato nel terreno, situazione dalla quale l’animale non avrebbe mai potuto tornare in libertà.

Infatti i due volontari accorsi sul posto, Mattia e il presidente ENPA Monza, Giorgio Riva, si sono trovati di fronte a un nutrito gruppo di adolescenti intenti a passare una serena domenica pomeriggio sul campetto di basket dei giardini pubblici di via Segantini a Villasanta (MB).

I ragazzi hanno condotto i volontari presso il tubo. Sdraiandosi a terra e infilando tutta la lunghezza del braccio, uno dei volontari è riuscito ad afferrare il riccio (con una mano ben guantata) e a riportarlo in superficie. I ragazzi sono stati felici della riuscita del salvataggio ed ENPA è stata altrettanto felice per la sensibilità e l’attenzione mostrata da questi giovanissimi cittadini.

Il riccio, un esemplare adulto che purtroppo non versa in buone condizioni di salute (non si sa da quanto tempo fosse imprigionato e quindi da quanto tempo non si nutrisse) è stato ricoverato presso lo speciale reparto del Parco Canile di Monza.

Pubblicato il 12 Maggio 2022

Monza, rocambolesco recupero di una famiglia di germani

Non si contano ormai più i recuperi di intere famigliole di germani: l’ultimo in ordine di tempo è avvenuto mercoledì 4 maggio in una corte di via San Gottardo a Monza.

Un condomino, accortosi di mamma e piccoli, è riuscito a mettere i 10 anatroccoli in una scatola ma mamma germana, come spesso accade, se ne è andata via, volando sul terrapieno sotto al palazzo proprio a fianco delle rotaie della ferrovia. Daniele, un altro condomino, ha chiamato ENPA per chiedere aiuto.

Il vento complica le cose…

Mentre le operatrici ENPA Lara e Federica si recavano sul posto, la scatola che conteneva i piccoli, posta incautamente su un muretto, per una folata di vento era caduta anch’essa su terrapieno proprio dove si trovava la mamma. A questo punto il problema per le due “salvatrici” era come scendere e raggiungere la famigliola in una zona interdetta al pubblico, perché posta a lato della linea ferroviaria. È stato a questo punto necessario chiedere l’intervento urgente dell’ufficio manutenzione di Rete Ferroviaria Italiana (RFI).

Alla chiamata hanno risposto Carmelo e Angelo, due tecnici della RFI che aprendo un cancello hanno consentito a Lara e Federica di scendere e recuperare mamma e piccoli, trovati in buone condizioni nonostante la caduta, anche se molto assetati.

Per fortuna la mamma è stata bravissima durante il recupero ed è rimasta tutto il tempo vicino ai suoi piccoli.

Ci mancava il serpente!

Si è trattato quindi di un recupero davvero rocambolesco anche perché, mentre i piccoli erano nella scatola, uno dei condomini si era accorto della presenza di una grossa biscia nelle vicinanze e si è adoperato per tenerla lontano dai piccoli germani.

ENPA ringrazia i condomini che si sono attivati affinchè tutto finisse al meglio e i tecnici della manutenzione di RFI per la loro tempestività e disponibilità.

L’intera famigliola è stata immediatamente portata nel Parco di Monza e liberata in una zona tranquilla del fiume Lambro.

Pubblicato il 12 Maggio 2022

Fauna selvatica, sabato 7 maggio un banco in centro Monza

Siamo ormai a maggio e le specie selvatiche sono in fermento. La primavera è per molte di loro il momento della cova e del parto, nuove generazioni di uccelli e mammiferi nascono e il ciclo vitale si perpetua. Molti piccoli riusciranno a cavarsela senza problemi, per i più deboli o meno predisposti, la natura sarà implacabile. Capiterà qiundi, come ogni anno, che alcuni di questi piccoletti dovranno essere “aiutati” a sopravvivere.

Sabato 7 maggio i volontari ENPA saranno presenti, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 orario continuatosotto i portici dell’Arengario di Monza in Piazza Roma con un banco dedicato proprio alla fauna selvatica. Qui troverete utili informazioni su questo magnifico mondo, sulle abitudini delle specie più comuni nel nostro territorio e su cosa fare ma anche su cosa non fare per aiutarli quando sono in difficoltà.

Qui sotto alcuni animali selvatici soccorsi da Enpa in questi ultimi mesi

Saranno a disposizione tanti gadget a tema animale e sarà anche l’occasione giusta per acquistare “Attimi di Natura”, lo splendido libro fotografico di Samuele Parentella: 102 pagine di affascinanti immagini, tra animali selvatici e incantevoli paesaggi e vegetazione, dalla Brianza all’Africa, all’Artico.

Apprezzato fotografo naturalista e appassionato di animali selvatici, Samuele aveva donato all’ENPA alcune copie del suo libro per la LotterENPA 2022. E sabato ci farà visita al banco dalle 10 alle 12, disponibile a fare quattro chiacchiere con il pubblico e firmare il libro, e magari scrivere una dedica, per chi lo acquista.

Sarà naturalmente possibile iscriversi all’ENPA o fare un’offerta all’associazione.

Pubblicato il 2 Maggio 2022

Ennesimo recupero di una famiglia di germani

Non si contano ormai più le famigliole composte da mamma germano e dai suoi piccolini che vengono trovate vaganti lontane da corsi d’acqua che dovrebbero costituire il loro habitat naturale.

L’ultimo recupero in ordine di tempo risale a martedì 26 aprile, protagonista una mamma con 10 germanini in via Monte Pasubio a Monza, nel quartiere San Rocco.

Dopo aver ricevuto la segnalazione da parte della Polizia Locale, le operatrici dell’Enpa di Monza e Brianza Federica e Lara si sono recate in serata sul posto e hanno recuperato l’intera famigliola, che è stata messa in un trasportino e trasferita al Parco, dove i piccoli potranno crescere nel loro ambiente naturale.

Nei video qui sotto, i momenti della reimmissione in acqua di mamma germano e dei suoi piccoli

Pubblicato il 2 Maggio 2022

Agrate Brianza, volontari per un giorno: aperte le iscrizioni

Sarà un weekend decisamente alternativo per i giovani studenti che diventeranno volontari per un giorno, notte compresa! È l’esperienza che potranno provare, l’11 e il 12 giugno, 20 alunni delle classi quinte della scuola primaria Istituto Bontempi.

L’iniziativa – “Night Camp Experience” – è organizzata dal Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Agrate Brianza con la collaborazione della Croce Rossa Italiana sezione Agrate, l’ENPA di Monza e il Teatro Pedonale e si svolgerà presso la sede CRI di Agrate Brianza in Viale delle Industrie 77.

L’iniziativa si inserisce in un percorso più ampio interno alle scuole della cittadina brianzola. Il 2 maggio infatti, verrà proposto alle classi terze di Agrate un incontro teorico dinamico dedicato alla Protezione Civile con la simulazione di emergenza. “L’obiettivo è di estendere, in futuro, il progetto a più bambini” spiega il responsabile della Protezione Civile di Agrate, Danilo Penati.

È richiesta una quota di partecipazione di 20 euro che sarà interamente devoluta a ENPA di Monza e Brianza.

È possibile iscriversi, entro e non oltre martedì 10 maggio, rispondendo tramite mail alle domande del questionario disponibile scansionando il QR code presente sul volantino. L’evento di giugno sarà preceduto venerdì 20 maggio invece alle ore 21.00, presso il centro Sulé nel parco Aldo Moro, da una serata informativa per i genitori.

Il programma

– Sabato 11 giugno: alle ore 20.00 l’accreditamento presso la sede della protezione civile e il trasferimento al campo della Croce Rossa dove i bambini, con l’aiuto di un volontario, impareranno a montare le brandine e le tende nelle quali passeranno la notte (per regola interna, i bambini non avranno con sé il cellulare).

Sarà poi la volta poi dell’alzabandiera alla presenza del Sindaco di Agrate. In serata gli istruttori cinofili di ENPA parleranno del loro mondo e del recupero e gestione di animali in emergenza e daranno utili consigli sul giusto approccio con gli animali. Saranno presenti anche alcuni quattrozampe ospiti del rifugio di via San Damiano 21. A tutti i partecipanti ENPA donerà “Amici Cucciolotti 2022”, l’album di figurine che aiuta gli animali.

Infine il Teatro Pedonale farà degli sketch anticipatori delle attività del giorno seguente con il coinvolgimento dei bambini.

Domenica 12 giugno: alle ore 08.30 sveglia, colazione e sistemazione della tenda. Alle ore 9.30 inizia il percorso formativo al campo con esercitazioni pratiche idrologiche, logistiche e di primo soccorso. Qui i piccoli volontari potranno giocare a bowling con le autopompe, imparare a fare i nodi con il cordino regolamentare, fare prove radio e gestire il campo.

Per le ore 12.00 previsto l’ammainabandiera che sancirà la chiusura dell’esperienza. Durante tutte le attività della domenica mattina saranno ammessi ad assistere anche i genitori.

Al termine del weekend, ai bambini verranno consegnati un attestato di partecipazione, un braccialetto e uno zaino.

Per info:

Per maggiori informazioni è possibile contattare la segreteria di GCVPC Agrate Brianza al 328 0412192 o mandare una mail a questo indirizzo: procivagrate@gmail.com

Pubblicato il 2 Maggio 2022

L’ochetta ferita torna in famiglia – guarda i video!

Dopo 4 giorni di cure (antibiotici e anti infiammatori) presso un reparto specializzato del parco canile di Monza, l’ochetta che era stata aggredita da un cane (un fratello della medesima covata era stato ucciso) è tornata a casa.

Due volontari dell’ENPA l’hanno riportata nel suo habitat presso il laghetto della Villa Reale di Monza, attesa dai Park Angels che l’avevano soccorsa e da una piccola folla di amici degli anatidi che frequentano questo specchio d’acqua.

Dopo un primo, comprensibile, momento di esitazione, accolta dai vocalizzi delle oche adulte, il piccolo è stato subito accolto nel gruppo e ha ripreso il suo posto insieme a fratelli e sorelle.

Un lieto fine che ci ha commossi e che ci auguriamo non debba più essere rovinato da comportamenti irresponsabili di taluni frequentatori di questa splendida oasi verde.

Sopra: il video del rilascio in libertà dell’ochetta presa in cura da ENPA Monza
Sotto : il video dell’ochetta che si “tuffai” in acqua e qualche immagine scattata dalla fotografa Chiara Bresciani

La Wish List ‘Primo Soccorso’

Chi desidera aiutare ENPA ad accudire i numerosi animali di ogni specie che stanno arrivando al rifugio di Monza in questo periodo, spesso giovanissimi, feriti o in condizioni di salute precarie, può farlo tramite l’apposita Wish List sulla piattaforma Amazon. Qui troverete numerosi prodotti fondamentali per il primo soccorso di tutti gli animali che arrivano all’ENPA.

Grazie per il prezioso aiuto!

Pubblicato il 28 Aprile 2022

Conferenza venerdì 6 maggio: hai ancora tempo!

Ti è sfuggita la notizia dell’interessante conferenza di venerdì 6 maggio, “To vet or not to vet?”, sulle emergenze dei nostri amici a quattro zampe? Don’t panic: hai ancora tempo per iscriverti!

Tutti i posti in presenza sono esauriti ma è possibile partecipare in diretta sulla piattaforma Zoom, o richiedere la registrazione della conferenza che sarà disponibile in seguito.

Per tutte le informazioni, leggi l’articolo qui o vai direttamente al Form di Iscrizione.   


Pubblicato il 2 maggio 2022

Conferenza venerdì 6 maggio: “To vet or not to vet?”

Quante volte, noi proprietari di animali, di fronte a un presunto malessere del nostro amico a quattro zampe ci chiediamo se è il caso di portarlo dal nostro veterinario di fiducia?

Per capire come agire in determinate situazioni, ENPA di Monza e Brianza propone un nuovo incontro per la serata di venerdì 6 maggio dal significativo titolo: “To vet or not to vet?”.

Relatrice sarà la Dott.ssa Anna Tomain, medico veterinario che collabora con ENPA e che avete già conosciuto a febbraio in occasione della serata “Nonno Micio”. La conferenza è aperta a tutti, ed è particolarmente indicata per i proprietari di cani e gatti e per chi opera nel campo del volontariato animalista.

L’incontro si svolgerà alle ore 21,00 sia in presenza sia in diretta online. Sarà inoltre possibile richiedere in seguito la registrazione dell’incontro.

Programma della serata

L’incontro riguarderà principalmente i cani e i gatti e la Dott.ssa Tomain affronterà diversi temi quali

  • nozioni di primo soccorso veterinario
  • come gestire le principali emergenze
  • quando è necessario l’intervento del veterinario.

Toccherà una ampia gamma di casi dal morso di vipera o di insetto all’ingestione di corpi estranei, dalle ferite alla torsione gastrica, senza dimenticare il modo migliore di contenerlo per evitare ulteriori danni all’animale e a noi stessi. 

Ci sarà come sempre l’opportunità per il pubblico di porre domande – senza naturalmente esigere una “visita virtuale” del proprio pet!

Modalità per partecipare

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

  • in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti. I partecipanti devono essere muniti di Green Pass e mascherina FFP2;
  • online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi  i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.   

Sarà inoltre possibile richiedere la registrazione diretta della serata, disponibile successivamente. Anche in questo caso è necessario compilare il Form (che rimarrà sul sito anche dopo la serata del 6 maggio). 

La partecipazione all’evento è a offerta libera (sia per la partecipazione vera e propria sia per ricevere la registrazione); sul Form troverete tutte le modalità per versarla.

Il ricavato della serata sarà destinato interamente a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

.

Identikit della relatrice

Laureata a pieni voti presso la facoltà di Medicina Veterinaria di Milano, Anna Tomain fa parte dello staff medico della Clinica Veterinaria Nobili di Meda (MB). I suoi interessi comprendono l’oftalmologia e la citologia e ha svolto il tirocinio e la tesi presso il Centro Recupero Animali Selvatici di Vanzago (MI). Figlia d’arte (papà Walter è direttore sanitario del rifugio di Monza), Anna si occupa con grande passione degli ospiti del nostro rifugio. Sito Clinica Nobili.

Pubblicato il 24 Aprile 2022

Due piccoli di oca aggredite dai cani: c’era da aspettarselo…

Siamo stati fin troppo facili profeti quando, appena qualche settimana fa, denunciavamo per l’ennesima volta il malcostume di proprietari di cani che, in barba al regolamento, continuano imperterriti a lasciare liberi i propri animali all’interno dei giardini della Villa Reale di Monza, quando non arrivano addirittura ad aizzarli contro gli animali ospiti dei giardini, approfittando della mancanza di vigilanza.

L’ennesima aggressione era, quindi, nell’aria ed è diventata purtroppo realtà nella prima mattinata di venerdì 22 aprile con il ritrovamento di un piccolo di oca morto e di un altro con una vistosa ferita alla coda, vittime entrambi di un’aggressione da parte di un cane libero. Il pulcino ferito si è salvato con gli altri fratelli rifugiandosi in acqua, ma le sue condizioni hanno consigliato i Park Angels (che fin da subito hanno segnalato questo bruttissimo episodio) di ricoverarlo presso la struttura del Parco Canile di Monza gestito dall’Ente Nazionale Protezione Animali. Qui è stato visitato e sottoposto a terapia antibiotica in ambiente riscaldato e protetto: le sue condizioni vengono monitorate dai veterinari e volontari dell’ENPA. Analogamente è stato esaminato dai veterinari il corpo della giovane oca uccisa, confermando la presenza di un morso profondo di cane.

I responsabili? Certamente non i cani, che seguono il loro istinto predatorio di razza, ma padroni che continuano a ignorare i regolamenti e si dimostrano insensibili al benessere di altri animali.

Padroni incivili, controlli inesistenti

La mancanza di rispetto della fauna ospitata nei pressi del laghetto non finisce qui: nel periodo pasquale una folla incontrollata ci ha buttato dentro di tutto, pezzi di colomba, di pizza e persino di torta Sacher. Anche in questo caso le persone si sono dimostrate del tutto irrispettose di un regolamento che, in diversi punti dalla grande area verde, ricorda che è vietato dar da mangiare agli animali, in particolare con prodotti che possono risultare estremamente nocivi alla loro salute.

Le possibili soluzioni

ENPA ribadisce nuovamente l’invito alle autorità affinché vengano istituite pattuglie di controllo, magari in borghese, per identificare i proprietari di cani che, ci viene segnalato, sono spesso sempre gli stessi e entrano nella Villa Reale negli stessi orari.

Finché non saranno intensificati i controlli e multati i proprietari di cani sarà difficile far fronte a una situazione che appare ormai stagnante e, forse, quelle aree di sguinzagliamento all’interno del parco, tanto auspicate, potrebbero portare a un miglioramento e far tornare la zona del laghetto quell’oasi di pace che dovrebbe essere. 

Pubblicato il 25 Aprile 2022

Selvatici a primavera, inizia l’emergenza… e un banco dedicato a loro

Finora la primavera è stata decisamente capricciosa, con precipitazioni praticamente assenti ma notevoli sbalzi termici, una situazione che ha messo a dura prova i selvatici, tanto è vero che presso il rifugio ENPA di via San Damiano 21 a Monza si sta registrando l’ingresso di molti animali in condizioni di salute critiche: ricci debilitati dal periodo post letargo, minilepri, nidiacei e adulti di merli, cince, colombacci, piccioni, gazze e tantissimi germani.

Questi animali vengono soccorsi da volontari ENPA, dalle forze dell’ordine, ma anche da cittadini premurosi che li portano poi al nostro rifugio, dove trovano veterinari e volontari esperti in grado di prestare loro le prime cure.

Un banco a tema…

Sabato 7 maggio, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 orario continuato, a Monza sotto i portici dell’Arengario di Piazza Roma sarà allestito un banco dedicato proprio alla fauna selvatica, dove potrete trovare utili informazioni su questo magnifico mondo. Troverete gadget a tema animale e sarà anche l’occasione giusta per acquistare lo splendido libro fotografico di Samuele Parentella, “Attimi di natura”.

Ulteriori dettagli a breve.

Soccorso sì, soccorso no!

Ma quando è opportuno recuperare un animale e quando è meglio invece lasciarlo sul posto? Ecco qualche informazione:

> I merli e le cornacchie ormai costruiscono i nidi nei nostri giardini e, per loro natura, è normale che escano dal nido quando sono ancora incapaci di volare e alimentarsi autonomamente, ma ciò non vuol dire che siano in difficoltà! I genitori, anzi, li seguono a distanza e li nutrono regolarmente finché non sono in grado di rendersi autonomi e volare via con loro. Quindi, se sospettate che il piccolo possa essere abbandonato, osservatelo da una certa distanza (senza quindi spaventare eventuali genitori) per almeno un paio di ore; se in questo lasso di tempo nessun adulto si presenta per nutrirlo, allora, e solo allora, è il caso di intervenire, così come nel caso di una minaccia diretta rappresentata da cani o gatti.

I ricci sono animali notturni, quindi vanno sicuramente raccolti se trovati a vagare con la luce del sole, perché significa che sono in uno stato di denutrizione tale da essere spinti a cercare cibo anche di giorno, sia adulti che cuccioli.

Vanno raccolti anche ricci malati, che non si chiudono a “riccio” appunto, infestati da zecche o con ferite evidenti. Ma anche se si trovano nelle vicinanze di tombini aperti, piscine, strade troppo trafficate, reti metalliche o cantieri di lavoro: in questo caso bisogna allontanarli dalla fonte di pericolo, ma non troppo per non disorientarli.

Al contrario invece, non vanno disturbati se incontrati di sera/notte in zone tranquille.

ATTENZIONE: se raccogliete un riccio adulto sano perché magari in mezzo alla strada, non allontanatelo troppo perché potrebbe essere una femmina e se non riuscisse più a tornare alla tana, i cuccioli lasciati soli sarebbero condannati a morte.

> I cuccioli di lepri e minilepri, che non nascono in tane come i conigli selvatici ma tra la vegetazione, spesso vengono raccolti erroneamente senza essersi assicurati che siano orfani, perché la mamma li lascia in un posto considerato da lei sicuro e li va a trovare ogni tanto per allattarli. Anche in questo caso è bene aspettare qualche ora prima di raccogliere il piccolo e assicurarsi che sia davvero orfano.

È importantissimo NON toccare a mani nude i cuccioli di mammiferi, per non contaminarli con il nostro odore di uomo, perché il loro olfatto sensibile porterebbe all’abbandono da parte della madre che non li riconoscerebbe più come suoi. Questo non vale per gli uccelli, ma è comunque sconsigliato toccarli e disturbarli inutilmente se non c’è reale bisogno di salvataggio.

Per evitare sbagli, prima di raccogliere un selvatico, è sempre meglio chiedere consiglio al CRAS di Vanzago (MI), gestito dal WWF, allo 02-9354 9076.

Ecco come soccorrerli

Naturalmente tutte le situazioni sopraelencate non valgono in caso di ritrovamento di un selvatico che sia implume a terra incapace di movimento, ferito, malato o in una situazione di pericolo (strada trafficata, presenza di gatti o cani nella zona, bambini dispettosi o pericoli artificiali). In questo caso è bene raccogliere subito l’animale e riporlo in una scatola di cartone con fori per l’aria e imbottita con della carta.

Non somministrare assolutamente all’animale alcun tipo di alimento (ad esempio pane e latte che spesso le persone danno ai piccoli ritrovati, potrebbero causare la morte degli stessi), ma solo acqua con un po’ di zucchero (data goccia a goccia facendola filtrare dai lati del becco assicurandosi che sia stata ingerita prima di darne ancora) per alzare il livello glicemico. E’ comunque fondamentale portarlo immediatamente in strutture idonee – vedi indirizzi e numeri sotto.

Dopo il recupero non tenetelo a casa!

Purtroppo sono ancora troppe le persone che dopo aver fatto l’opera buona di salvare un animale selvatico, se lo portano a casa per diverse ore o addirittura giorni, prima di consegnarlo a chi di dovere, causandone la possibile morte per carenza di cure e cibo adatti, o compromettendo per sempre la sua reimmissione in natura.

Altri addirittura, non pensano minimamente a portare l’animale ritrovato in una struttura idonea e lo crescono in casa costringendolo a vivere una vita inadeguata.

Ricordiamo a tutte queste persone che la detenzione di fauna selvatica protetta e la loro cattura (anche se fatta in buona fede), è vietata per legge. Gli animali selvatici nascono liberi ed è giusto che vivano liberi.

Cani al guinzaglio!

Mai come in questo periodo raccomandiamo di tenere sempre al guinzaglio i vostri quattrozampe e di lasciarli liberi solo nelle apposite aree per lo sguinzagliamento, perché è facile che in questo periodo dell’anno si imbattano in cuccioli di minilepre, lepre, riccio, scoiattolo o nidiacei di uccello.

INDIRIZZI UTILI

Parco Canile-Gattile di Monza (via San Damiano 21, Monza): 039-835623 dalle 14.30 alle 17.30. Per emergenze riguardanti la fauna selvatica, il canile è aperto tutti i giorni della settimana dalle ore 9.00 alle ore 18.30, festivi compresi.

– Pagina Facebook ENPA Monza e Brianza per consigli e informazioni.

Polizia Provinciale di Monza e Brianza (Via Donegani 4, Cesano Maderno) / tel. 0362-641725.

Polizia Provinciale di Milano (viale Piceno 60, Milano) / tel. 02-77405805 tutti i giorni H24.

ENPA di Milano (via Pietro Gassendi 11, Milano) – tel. 02-97064220 (tutti i giorni, domenica e festivi compresi, dalle 9.00 alle 24.00) / mail info@enpamilano.org Per info utili sui selvatici, consultare il sito

LAC (Lega per l’Abolizione della Caccia) Milano (sede nazionale) Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano cell. 333-9206116 – tel. 02-47711806 / mail info@abolizionecaccia.it Per info utili sui selvatici, consultare il sito.

CRFS (Centro Recupero Fauna Selvatica) “La Fagiana” della LIPU, Via Valle – 20013 Pontevecchio di Magenta (MI) cell: 338-3148603. Accettazione animali tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:30, chiusura definitiva cancelli ore 17:00 / mail crfs.lafagiana@lipu.it / Sito Lipu Magenta.

CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici) del WWF, in via Delle Tre Campane 21 a Vanzago (MI) – Tel 02-93549076 / sito. Il CRAS è aperto tutti i giorni dell’anno nei seguenti orari: 1 novembre – 31 marzo: 10.00/17.00, 1 aprile – 30 ottobre: 9.00/18.00. mail boscovanzago@wwf.it

Gruppo selvatici ENPA Monza. Per informazioni o consigli generici sui selvatici (NON per emergenze), o se siete interessati a collaborare con i volontari del gruppo selvatici dell’ENPA monzese, scriveteci a selvatici@enpamonza.it

Pubblicato il 25 Aprile 2022

Tempo di primavera, tempo di nidiacei

L’anticipo di primavera che ha caratterizzato il periodo tra fine febbraio e inizio marzo ha portato a un boom di nascite di germani reali (in alcuni casi incroci con specie domestiche) prima del tempo ed ENPA di Monza e Brianza ha dovuto far fronte alle numerosissime richieste di intervento.

Purtroppo le mamme germane non sempre depositano le uova nei posti giusti. Spesso il nido è posizionato lontano da fonti d’acqua. Quando le uova si schiudono e i piccoli nascono mamma germano, guidata da un istinto infallibile, si mette in marcia con i piccoli al seguito, verso il corso d’acqua più vicino. Solo nell’acqua, infatti, mamma e piccoli possono trovare cibo e riparo dai predatori. Quando, allora, è il caso di segnalare questi viaggi?

Quando intervenire o fare una segnalazione?

Ogni qualvolta mamma e piccoli siano effettivamente in pericolo: se per raggiungere l’acqua devono attraversare vie trafficate e molto frequentate, se si trovano all’interno di canali asciutti privi di acqua e con l’impossibilità di risalire le sponde.

Ma anche nell’acqua ci possono essere pericoli, dove la corrente è molto forte e i risucchi e i gorghi rischiano di inghiottire i piccoli (come succede in alcuni punti del canale Villoresi a Monza). Gli interventi richiedono comunque molta attenzione perché mamma germano può volarsene via abbandonando i piccoli. È quanto successo martedì 5 febbraio verso le 19, quando le operatrici ENPA Feddi e Lara, hanno recuperato 5 piccoli di germano all’interno del canale Villoresi in secca abbandonati dai genitori.

Nonostante il rifugio di via San Damiano 21 si sia dotato di una utilissima covatrice elettrica, può succedere che i piccoli di germano non sopravvivano. Non dimentichiamoci che sono animali selvatici molto soggetti a situazioni di stress.


Salvati dalla questura!

Avventura a lieto fine, lunedì 4 aprile, per una famigliola di incroci di germani che passeggiavano tranquillamente sullo spartitraffico del trafficatissimo viale Cesare Battisti di Monza. Gli agenti di una volante della Questura, giunti sul posto su segnalazioni dei una cittadina, hanno bloccato il traffico in entrambi i sensi di marcia per consentire a mamma e piccoli di attraversare la strada in totale sicurezza e li hanno “scortati” fino al Parco.

Parco e Villa Reale un paradiso? Non sempre!

Tanto verde e acqua a volontà. Sulla carta Parco e Villa Reale di Monza sarebbero un posto idilliaco per gli animali selvatici. Peccato che non sia, purtroppo, così, a causa di padroni irresponsabili che non solo lasciano i propri cani liberi e incustoditi ma arrivano anche ad aizzarli ad aggredire le “prede”.

Negli ultimi giorni ENPA ha ricevuto numerose segnalazioni relative a cani liberi che si gettano su oche e germani con i loro piccoli nel tentativo di predarli e costringendoli a disperdersi con li gravissimo pericolo di non ritrovare più la propria famiglia.


In questi ultimi anni abbiamo rivolto numerosi appelli ai proprietari di cani affinché tengano al guinzaglio i propri animali, in special modo nei pressi del laghetto e dei giardini della Villa Reale. Se questo appello al buon senso, all’educazione civica e al rispetto di tutte le forme viventi continuerà ad essere inutile, inviamo un ulteriore forte invito alle autorità (Consorzio Parco e Villa Reale, Polizia Urbana, GEV, Carabinieri a cavallo, Park Angels) affinché vengano incentivati i controlli nei giardini della Villa Reale con erogazione di multe ai proprietari che continuano volutamente a ignorare ogni invito al rispetto delle regole.

Il regolamento c’è, basta rispettarlo

I cani all’interno della Villa Reale devono rigorosamente stare al guinzaglio, mentre nel Parco possono stare al guinzaglio oppure liberi ma provvisti di museruola.

Purtroppo il regolamento non viene rispettato da tanti, troppi proprietari. Forse la situazione potrebbe migliorare con la realizzazione di aree dedicate dove i cani possano correre liberi in diversi punti del Parco. Richiesta questa formulata da tanti proprietari di animali e dalle associazioni animaliste ma che non ha mai avuto seguito.

Pubblicato l’8 Aprile 2022

Cornate, salva la minilepre catturata da un gatto

Brutta avventura per un piccolissimo cucciolo di minilepre a Cornate d’Adda (MB) finito tra le grinfie di un gatto, forse scambiato per un topo. Ma per fortuna il felino era privo di “istinto assassino”, e così, dopo averlo catturato senza fargli male, pensando di fare cosa gradita l’ha portato al padrone il quale, tramite il proprio veterinario, ha contattato l’ENPA di Monza e Brianza.

La minilepre non è una specie selvatica autoctona, e pertanto, non sarà possibile il suo rilascio in natura. Problema questo che l’ENPA si trova ad affrontare ogni volta che soccorre animali “alieni” che, dopo il soccorso e le cure, andranno collocati in luogo idoneo ma purtroppo in cattività.

Nel frattempo la piccola minilepre viene amorevolmente alimentata con mini biberon dall’operatrice Federica e dagli esperti volontari del gruppo selvatici dell’ENPA monzese.

La Wish List Primo Soccorso

In previsione dei numerosi arrivi primaverili di piccoli di ogni specie da svezzare, ENPA chiede ai propri sostenitori un prezioso aiuto donando confezioni di latte speciale “baby milk“.

Le donazioni possono essere effettuata tramite un’apposita Wish List su questa pagina, sulla piattaforma Amazon, nella quale troverete numerosi prodotti, fondamentali per il primo soccorso di tutti gli animali che arrivano all’ENPA.

Conosciamola un po’ meglio

La minilepre o silvilago (Sylvilagus floridanus) è una specie alloctona, originaria del Nord America e introdotta in Italia a scopo venatorio negli anni ‘70 del secolo scorso. Più simile al coniglio selvatico che non alla lepre, se ne differenzia per le orecchie più piccole e la tipica coda a batuffolo.

È una specie cacciabile e quindi continuamente rilasciata sul territorio, fattore che ha determinato una crescita della popolazione, in particolare in Piemonte, ma anche in Lombardia e in altre regioni del nord e del centro.

Quale specie alloctona, c’è chi propone la sua eradicazione (parola gentile che significa di fatto distruzione anche con metodi violenti), perché ritenuta colpevole sia dei danni che può causare alle colture agricole (soia, frumento e mais, ma anche giovani piante di vite e di pioppo e alberi da frutto) sia per le conseguenze di una possibile competizione con lepre europea e coniglio selvatico.

Pubblicato l’8 Aprile 2022

Monza: il parrucchiere, la mamma germano e i suoi otto anatroccoli

Ritrovamenti e soccorsi da parte di ENPA di germani con i loro piccoli sono ormai, in questi giorni, talmente numerosi da non fare quasi più notizia.

Quasi, appunto. Perché la vicenda di una mamma germano con relativa prole nel centro di Monza davanti a un salone di parrucchiere è subito rimbalzata agli onori delle cronache il 9 aprile con un bell’articolo di Rosella Redaelli, che ringraziamo, sulle pagine online del Corriere della Sera (milano.corriere.it). Talmente bello che abbiamo deciso di pubblicarlo integralmente sul nostro sito per spiegare cosa è accaduto.

Lo abbiamo solo “arricchito” di foto scattate per l’occasione e del filmato di un tenerissimo lieto fine, con il rilascio nel Lambro da parte del volontario ENPA Monza, Nicolò.

Nelle immagini, il parrucchiere Stefano Conte con il volontario Nicolò nel box condominiale del cortile; la famigliola appena recuperata e, nel video, il rilascio nel fiume Lambro in centro Monza.


Monza, il germano reale (mamma) con i suoi otto anatroccoli a spasso nel cortile del parrucchiere

di Rosella Redaelli

La femmina di germano reale e gli anatroccoli vagavano nel centro storico di Monza. Recuperati dai volontari dell’Enpa e accompagnati sulle rive del Lambro

Una femmina di germano reale ha scelto un cortile del centro storico di Monza per far nascere i suoi anatroccoli. La scena si è presentata sabato mattina (9 aprile, N.d.R.) agli occhi increduli di Stefano Conte, parrucchiere in via Moriggia e delle sue clienti che, dalle finestre del negozio, hanno seguito la scena e hanno allertato i volontari dell’ENPA. «Mai visto una cosa del genere — spiega Conte —. La mamma e otto anatroccoli giravano spauriti all’interno del cortile. Probabilmente la femmina di germano reale aveva scelto questo luogo per deporre le uova a pochi passi dal Lambro e nessuno se ne era accorto».

La nuova famigliola si è spostata poi verso la rampa dei box del condominio seguita dagli sguardi curiosi di chi ha lasciato phon e spazzole per immortalare la passeggiata dei sette anatroccoli dietro la loro mamma. «Ho chiamato subito i vigili del fuoco — racconta il parrucchiere — poi i volontari dell’Enpa che mi hanno detto cosa fare. Sono riuscito a far entrare mamma e anatroccoli nel mio box per metterli al sicuro, ho portato una bacinella d’acqua e un po’ di insalata che hanno gradito». In poco tempo sono arrivati sul posto i volontari dell’Ente Nazionale Protezione Animali di Monza che hanno preso in consegna l’allegra brigata per accompagnarla lungo le rive del Lambro.

Pubblicato il 13 aprile 2022

I dolci pasquali vi aspettano al rifugio!

Amici, ancora qualche pensierino di Pasqua da fare? Non impazzite, abbiamo noi la soluzione!

Colombe assortite (anche vegane), allegrissime borsette con sorpresa super golosa, pulcini di cioccolato e altro vi aspettano al rifugio di Monza per un regalo dolce e solidale.

Il nostro angolo di dolcezze è allestito al rifugio in via San Damiano 21, visitabile nei normali orari di apertura, tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 17.30.

Potete anche prenotarli o chiedere informazioni scrivendo a prenotazioni@enpamonza.it.

Ulteriori dettagli qui.

Pubblicato il 13 aprile 2022

Rifugi aperti 2022: è stata una splendida festa!

Domenica 27 marzo, in una splendida giornata di sole, il parco canile di Monza è stato invaso da una festosa folla di bambini e ragazzi accompagnati dai loro genitori. Finalmente dopo due anni di forzata assenza è tornato “RIFUGI APERTI“, giornata nella quale è stato possibile per tutti visitare i reparti del canile di Monza e conoscere da vicino i numerosissimi ospiti.

La presenza di tanti bimbi è stata anche l’occasione di regalare a tutti loro l’album Amici Cucciolotti 2022 e di allestire un banco dedicato allo scambio delle figurine.

Questa bellissima giornata di festa ha avuto anche un momento di commossa partecipazione al dramma che stanno vivendo tante mamme, papà, bimbi e anche animali nell’Ucraina sotto attacco. Nel canile di Monza, mentre sventolavano le bandiere dell’Unione Europea, della pace, dell’ENPA e dell’Ucraina, tutti hanno osservato un minuto di raccoglimento reso ancor più sentito dalle note del Và Pensiero di Giuseppe Verdi cantato dal coro lirico di Odessa già nei primi giorni di guerra.

Abbiamo voluto ricordare questa bellissima giornata con un album di fotografie che vi invitiamo a vedere.

Pubblicato il 7 Aprile 2022

Pasqua 2022, diciamo no alla mattanza di agnelli e capretti. Banco ENPA in centro Monza sabato 9 e domenica 10 aprile

La Santa Pasqua è ormai alle porte e anche se i pensieri di tutti, tra una pandemia da cui non siamo ancora usciti e una guerra dagli sviluppi assai incerti e preoccupanti, vanno in altre direzioni, resta intatto l’impegno di ENPA nel mantenere viva l’attenzione sul sacrificio di agnelli e capretti che si ripete ogni anno in questo periodo.

È vero che il consumo di carne di agnello è progressivamente diminuito (del 50% dal 2016 al 2020), ma è altrettanto vero che, nel 2020, sono stati uccisi circa 2 milioni di agnelli, di cui 300 mila nel solo periodo pasquale. Lo scorso anno ha registrato un ulteriore calo, ma sono ancora tanti, troppi, gli animali uccisi per servire come pranzo pasquale.

Mangiare carne di agnello o di capretto, è bene ricordarlo, significa essere responsabili dell’uccisione di cuccioli di pochi mesi di vita, strappati prematuramente alle loro madri per imboccare la via senza ritorno dei mattatoi dove molto spesso arrivano al termine di viaggi allucinanti e dove vengono uccisi davanti agli occhi smarriti dei loro fratelli di sventura.

Ecco perché ENPA si unisce alle altre associazioni animaliste nel sostenere una Pasqua etica senza carne e nel dire basta a queste crudeltà scegliendo, almeno per Pasqua, di non mangiare animali, di nessun tipo!

.

Banco pasquale in centro Monza

Per tenere viva l’attenzione sulla strage degli innocenti, l’ENPA brianzolo organizza il suo tradizionale banco pasquale in centro Monza. Per tutta la giornata di sabato 9 e domenica 10 aprile, dalle 9.30 alle 19 con orario continuato, i volontari saranno presenti nella centralissima via Italia, a due passi da Largo Mazzini e vicino alla Rinascente.

Potrete trovare materiale informativo, una nuovissima collezione di idee regalo primaverili a tema animale e soprattutto non mancheranno le nostre colombe pasquali solidali.

Una Pasqua solidale ma anche golosa!

Al banco potete scegliere tra le squisite ColomBÉE disponibili in quattro versioni – due classiche e due vegane – tutte da 750 g.

Ma non è finito, perché troverete altre goloserie come le gli agnelli di marzapane, i pulcini di cioccolato, e le simpatiche borsette a tema animale in lana cotta e ripiene di cioccolatini.

Oltre al banco, potrete trovare i nostri dolci anche presso l’angolo dedicato che abbiamo allestito al rifugio di via San Damiano 21, visitabile nei normali orari di apertura, tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 17.30. Ed è possibile anche fare le ordinazioni o chiedere informazioni scrivendo a prenotazioni@enpamonza.it

Tutte le informazioni qui!

Pasqua etica? Ecco le ricette ENPA Monza

ENPA propone una serie di suggerimenti per il vostro pranzo pasquale e golose ricette pasquali, con un menù vegano e uno vegetariano, dall’antipasto al dolce, adatte a grandi e piccoli.

Potete scaricare il PDF illustrato con i due menù cliccando QUI.

Pubblicato il 4 Aprile 2022

Una Pasqua solidale ma anche dolce. Disponibili le ColomBÉE ENPA e tante altre squisitezze.

Immancabili come ogni anno, anche per festeggiare questa Pasqua sono disponibili i buonissimi dolci targati ENPA Monza. Sono disponibili le squisite ColomBÉE in quattro versioni, tutte da 750 g, in coloratissime confezioni create da ENPA:

  • colomba tradizionale con glassa alle nocciole con un’offerta di 10 euro
  • colomba senza canditi con un’offerta di 10 euro
  • dolce vegano classico con canditi con un’offerta di 18 euro
  • dolce vegano con gocce di cioccolato fondente con un’offerta di 18 euro.

Ma non è finito, perché non mancheranno altre leccornie come:

  • gli agnelli di marzapane con un’offerta di 5 euro
  • i pulcini di cioccolato al latte con un’offerta di 3 euro
  • le simpatiche borsette a tema animale in panno lenci piene di cioccolatini con un’offerta di 5 euro.

Dove acquistare i dolci ENPA

  • all’angolo allestito al rifugio di via San Damiano 21, visitabile nei normali orari di apertura, tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 17.30;
  • al tradizionale banco pasquale presente in via Italia, centro Monza, per tutta la giornata di sabato 9 e domenica 10 aprile, dalle 9.30 alle 19 orario continuato;
  • è possibile anche fare le ordinazioni via email o chiedere informazioni scrivendo a prenotazioni@enpamonza.it.

Pubblicato il 3 aprile 2022

Andrea Cisternino, consegnati gli aiuti per animali e persone al rifugio Kj2 di Kiev. Erano da giorni senza acqua e senza cibo.

Il rifugio Kj2 Italia di Andrea Cisternino a Kyiv ha finalmente ricevuto i nostri aiuti. È finito un incubo per gli animali e per le persone. Siamo felici per l’esito di una missione lunga, difficile e rischiosa che ha richiesto impegno, passione e lucidità.” Lo ha dichiarato la Presidente Nazionale dell’ENPA, Carla Rocchi commentando l’esito di una iniziativa istituzionale del Ministero degli Esteri e dell’ENPA.

Andrea, cittadino italiano che a Kyiv ha fondato il rifugio per 400 animali circa, con lo scoppio della guerra ha deciso di non abbandonare i suoi ospiti: cani, gatti ma anche animali da fattoria e cavalli. Ma presto l’area attorno al rifugio è stata occupata dall’esercito russo e da quel momento è stato impossibile rifornirsi di cibo e acqua per animali e persone. Mentre le scorte stavano per esaurirsi, Andrea ha lanciato un appello che ENPA ha immediatamente accolto.

Ci siamo attivati immediatamente per rispondere alla disperata richiesta di aiuto – aggiunge Rocchi – e in due giorni abbiamo organizzato la missione per l’invio di ben dodici tonnellate di beni per animali e per le persone: pet food, farmaci, trasportini, accessori per animali ma anche acqua potabile, cibo in scatola, pasta, riso e articoli per la persona”.

Una missione complessa e articolata nella quale il ruolo dell’Unità di Crisi della Farnesina è stato fondamentale, di grandissima competenza e anche appassionato. Preziosissimo anche l’apporto del Comitato UnitiPerLoro e della Sioi

Partita dall’hub ENPA di Verona il 23 marzo scorso, la missione ha avuto il primo step a Olkusz, in Polonia, e da lì a Leopoli e infine alla periferia di Kyiv. Ma per giorni non è stato possibile completare l’“ultimo miglio”, cioè i pochi chilometri tra l’hub di SaveUkraine (Ong nostra partner in loco) e il rifugio di Andrea Cisternino. Il territorio intorno era infatti sotto il controllo russo e non era permesso entrare o uscire.

Anche in quei giorni è stato importante il lavoro del nostro Ministero degli Esteri, che ha tentato di trattare l’apertura di un corridoio ad hoc nell’impossibilità di far arrivare aiuti tramite – ad esempio – la Croce Rossa ucraina. E in attesa di un corridoio, l’esercito ucraino ha riconquistano 16 municipalità tra cui quella in cui si trova il rifugio. Il giorno prima eravamo riusciti a far passare tre piccole statole di farmaci richieste da Cisternino. 

“Desidero – conclude Rocchi – ringraziare l’Unità di Crisi del nostro Ministero degli Esteri e in particolare il suo Capo Nicola Minasi, le Ambasciate d’Italia in Ucraina e in Russia, la Sioi e il suo presidente Frattini, il Comitato UnitiPerLoro e in particolare i due portavoce Anna Raimondi e Riccardo Laganà e infine la ong SaveUkraine.city (in particolare Martyn Kovalto) che ha con efficacia garantito la logistica e le relazioni in zona di guerra.​ Desidero ringraziare Andrea per il sacrificio e per la sua grande testimonianza di amore per gli animali che non poteva lasciare ENPA indifferente.”

Pubblicato il 3 Aprile 2022

ENPA Monza, un lieto fine per tre cani anziani

Ci sono tante persone che cercano in canile un cucciolo o comunque un cane giovane. Ma ci sono anche persone che vanno in canile cercando espressamente un cane anziano, desiderose di dargli affetto e amore incondizionato negli ultimi anni della sua vita. È grazie a persone come queste che possiamo raccontarvi tre belle storie che hanno per protagonisti tre cani avanti con gli anni: Luna, Groucho e Yoghina.

Una nuova famiglia per Luna

Luna è un golden retriever di 11 anni, vissuta sempre in famiglia. I nuovi ritmi di vita e di lavoro, però, impedivano al suo proprietario di seguirla come avrebbe dovuto. Luna sarebbe dovuta rimanere tutto il giorno sola, così, dopo una valutazione della situazione, abbiamo deciso di metterla sulla nostra pagina Facebook ancor prima di farle vivere l’esperienza del canile.

E abbiamo fatto bene: una famiglia, alla sua prima esperienza e composta da mamma, papà e bimba, se ne è innamorata subito. Il colloquio conoscitivo al rifugio di Monza è andato benissimo e adesso Luna si gode il calore della sua seconda vita come cane di casa.

Groucho, il timidone

Groucho è uno degli ultimi breton provenienti dalla sezione ENPA di Pavia in seguito al maxi sequestro in un allevamento lager.

Il suo è stato un affido molto particolare: un giorno è arrivata in canile una signora che cercava un cane anziano che facesse compagnia a sua mamma, affetta dal morbo di Alzheimer. È stato scelto nonostante la sua timidezza e con la precisa intenzione di dare una chance a un cane anziano (Groucho ha quasi 9 anni).

Una volta in famiglia la sua riservatezza è pian piano sparita, si è aperto molto, gioca e si divide tra casa e giardino, riuscendo a conquistare pure la badante!

Yoghina, la calabresella

Yoghina arriva dalla sezione ENPA di Gioia Tauro, ritirata per facilitarne l’affido. È una simpatica meticcia di 11 anni, dolce ma con un bel caratterino, che sa farsi rispettare dalle altre femmine. Quando, però, si è presentata una famiglia interessata a lei, non si è lasciata scappare l’occasione, nonostante in casa ci fosse già una cagnolina di 14 anni, di nome Bruchina. Appena ha visto Bruchina, infatti, Yoghina si è comportata benissimo e la convivenza tra le due procede a gonfie vele.

Il rapporto di ENPA con questa splendida famiglia non è finito qui: se mamma e papà sono entusiasti di Yoghina, la loro figliola si è trovata talmente bene che ha deciso di diventare volontaria!

Loro aspettano ancora

Tre cani anziani sono i protagonisti di queste bellissime storie. Tre cani non più giovanissimi stanno ancora aspettando in un box: Bahamas, Roy e Bruce. Bahamas e Roy sono due american staffordshire, Bruce un rottweiler, tutti e tre di 8 anni.

Non sono cani propriamente “facili” ma siamo fiduciosi che prima o poi arriverà la famiglia giusta anche per loro!

Pubblicato il 3 Marzo 2022

Sabato 9 aprile torna la raccolta alimentare all’OasiPet di Seregno

Sabato prossimo, 9 aprile, ENPA di Monza e Brianza fa un gradito ritorno all’OasiPet di Seregno (MB) per una nuova raccolta alimentare.

I volontari vi aspetteranno al punto vendita in via Circonvallazione 76, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 19,30 per dare indicazioni e consigli a tutti coloro che volessero acquistare del cibo per gatti.

L’iniziativa ha lo scopo di raccogliere cibo soprattutto per i gatti delle colonie feline, tra cui la storica colonia composta da una trentina di gatti liberi che vivono nell’area del vecchio canile di Monza dismesso di via Buonarroti, seguiti dalle volontarie ENPA 365 giorni all’anno.

La nostra richiesta è pertanto principalmente di cibo per gatti preferibilmente “umido” di media qualità in lattine da 400g, ideale per riuscire a sfamare numeri elevati di mici. Vanno bene anche le bustine di umido da 85/100g.

.

.

Come funziona la raccolta?

Le modalità sono quelle di sempre. Mentre fate la spesa, potete mettere nel vostro carrello una o più scatole o buste di alimenti per mici. Vanno pagate alla cassa e poi consegnate ai volontari al banco ENPA all’uscita del negozio, dove verranno smistate e registrate.

Chi dona anche una sola scatola o busta di cibo potrà scegliere una delle figurine di ringraziamento che ritraggono alcuni dei numerosi gatti della colonia di Via Buonarroti di Monza, aiutati grazie alla raccolta.

ENPA ringrazia Oasipet per il sostegno costante, e naturalmente anche i clienti che vorranno dare una mano ai mici di nessuno.

.

La prossima raccolta alimentare

Dopo quello del 9 aprile a Seregno, il prossimo appuntamento sarà presso il punto vendita Oasipet di Albiate in Via Milano sabato 28 maggio.

Sito: www.oasipet.it


Pubblicato il 4 aprile 2022

Abbandonati dai profughi in fuga dalla guerra, ENPA salva 43 cani e 7 gatti ucraini.

Monika, Hanna, Muha, Dasha, Luntik, Rudi, Smurf, Nona, Linda, Knopa, Mimi, Chloe, Luna, Rich, Vita, Chita, Lola, Bobo e Eva. Sono solo alcuni dei nomi dei 43 cani e 7 gatti prelevati dall’Ente Nazionale Protezione Animali al confine con l’Ucraina e arrivati dopo un viaggio lungo e complicato ieri pomeriggio (24 marzo) a Milano.

Avevano tutti una famiglia, una casa. La guerra li ha privati di tutto noi ridaremo loro la vita che meritano.

Hanno tutti un microchip, un passaporto e un libretto sanitario che, oltre a raccontare la loro storia sanitaria, parla delle loro famiglie e della loro vita prima della guerra. Una vita fatta di semplicità, di coccole, di ciotole di acqua, di cibo, di visite dal veterinario per fare i vaccini, di passeggiate all’aperto per fare i bisogni. Una vita normale che ora non esiste più, cancellata dall’orrore di questa guerra.

Loro non sono tra i fortunati che abbiamo visto nelle tante foto circolate in questo mese, fuggiti con ogni mezzo di fortuna insieme ai loro proprietari. Loro sono rimasti lì, alcuni lasciati soli nelle case, ormai abbandonate, alla mercé dei bombardamenti, altri sono rimasti vicino alle abitazioni. La loro fortuna, però, è stata incontrare i volontari di Kyiv che nonostante il coprifuoco e i bombardamenti sono riusciti, uno per uno, a recuperare cani e gatti chippati rimasti indietro.

I volontari hanno poi contattato L’ENPA che ha organizzato una missione di recupero per portare i cani in Italia alla quale si è unito anche Luciano, veterinario di Rovigo con i suoi collaboratori per prestare soccorso durante il viaggio. 

L’arrivo in Italia

Una traversata lunghissima, durata tantissime ore anche a causa degli innumerevoli check point e controlli che la spedizione ha dovuto passare. I cani hanno bevuto più di 50 litri d’acqua e sono arrivati il 24 marzo in Italia, a Milano, stanchi ma in salute. Nonostante la comprensibile paura e preoccupazione, si sono mostrati socievoli e sono stati ospitati da diverse strutture: ENPA di Monza (in queste foto e nel video in fondo), ENPA di Val Della Torre (TO), l’Asilo del Cane di Palazzolo Milanese (MI), il rifugio Uai Milano in Via Salesina 9, e ai rifugi di Vita da Cani onlus.

Ora seguiranno tutti l’iter di osservazione sanitaria previsto dalla legge con relativa quarantena e, quando sarà possibile, per loro cercheremo una buona adozione, un nuovo inizio con una famiglia amorevole.

L’impegno di ENPA per gli animali dell’Ucraina

“Purtroppo ci sono anche i pet rimasti indietro – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale ENPA – per loro ENPA c’è e continuerà ad esserci. Stiamo lavorando per dare il nostro contributo in questa terribile emergenza muovendoci su più fronti: dall’invio di aiuti concreti, all’accoglienza degli animali provenienti dall’Ucraina, ad operazioni di concerto con le istituzioni. Ora è il momento del fare e serve il contributo di tutti. In questo senso abbiamo scritto anche insieme alla Federazione di cui ENPA fa parte al Ministro Speranza chiedendo di modificare la nota del Ministero che vieta di portare in Italia cani e gatti randagi ucraini che sappiamo essere tanti”.

Pubblicato il 25 Marzo 2022

Agrate, trovata gatta rinchiusa in un trasportino

Chi l’ha messo nel trasportino e perché, forse, non lo sapremo mai. E chissà per quanto tempo sarebbe rimasto lì, nel parcheggio deserto del Centro Direzionale Colleoni di Agrate Brianza (MB), se un autista di pullman non si fosse fermato per sgranchire le gambe quel sabato mattino, 19 febbraio. Perché, se durante la settimana c’è un via-vai continuo di lavoratori, nel weekend in quel luogo non c’è nessuno.

Con un occhio da lince l’uomo nota un trasportino di plastica infilato in un sacchetto del supermercato. All’interno del trasportino, sporco di cibo schiacciato sul fondo, c’è un gatto bianco e tigrato, le pupille dilatate e le orecchie abbassate per il terrore.

Che errore aprire il trasportino!

Pensando di soccorrerlo e dargli del cibo, l’autista commette l’errore di aprire la grata frontale e il gatto approfitta della via di fuga per ripararsi sotto una fitta siepe.

L’uomo allerta allora la Polizia Locale che, vista la difficoltà della situazione, richiede a sua volta il supporto di Franca Pritelli, volontaria “freelance” che opera da anni sul territorio per la cattura di gatti di colonia, la loro sterilizzazione e il successivo rilascio.

Un recupero rocambolesco

Il micio, fortunatamente, non si era mosso dal suo rifugio quando arriva Franca, ma non cede alla tentazione dello sgombro offerto come esca dalla volontaria esperta, infilatasi lei stessa tra le foglie secche sotto la siepe. L’immobilità del micio le permette però finalmente di calargli una gabbietta dall’alto e metterlo in sicurezza, consegnandolo poi al servizio di accalappiamento ATS.

Da dove viene? Un vero mistero

Visitato dai veterinari al gattiledi Monza, il micio si rileva essere una femmina anziana già sterilizzata, in condizioni di salute relativamente buone. Il carattere poco “amichevole” fa pensare che si tratti di un gatto di colonia spostato (illecitamente) dal suo habitat. Ma l’assenza del caratteristico taglietto a forma di mezzaluna che viene praticato nell’orecchio sinistro ai gatti di colonia al momento della sterilizzazione fa pensare, invece, che possa essere, o essere stata una volta, una micia di proprietà.

Per info

Chi avesse informazioni su questa gatta o sul suo abbandono è invitato a contattarci alla mail maltrattamenti@enpamonza.it. Garantiamo come sempre assoluta riservatezza.

Pubblicato il 24 Marzo 2022

Buon viaggio, dolce Tigra.

Ci sono le adozioni “normali” e ci sono poi le adozioni che noi chiamiamo “del cuore” perché riguardano animali con problematiche caratteriali, sanitarie o, più semplicemente, anagrafiche.

Tigra era una micia di 16 anni, entrata per ben due volte in gattile nell’arco della sua vita ma non per colpa sua: la prima volta nel 2016, perché il suo proprietario viaggiava molto per lavoro e non aveva tempo per accudirla; la seconda volta nel 2021, per problemi familiari accertati da ENPA.

Nonostante fosse una micia dolce e affettuosa, sapevamo che l’anagrafe non perdona e che proprio per questo la sua adozione sarebbe stata molto difficile. Proprio per questo motivo era stata inserita nel Progetto Famiglia a Distanza.

Finché un giorno arrivano in gattile Roberta e sua figlia Beatrice, ben decise ad adottare un micio anziano.

Un’adozione insperata

La scelta è caduta su Tigra, adottata con la consapevolezza che la sua vita in famiglia avrebbe potuto essere breve. Hanno speso tempo, soldi e attenzioni per darle il meglio nel suo ultimo spicchio di vita. Ma purtroppo la nuova vita di Tigra è durata appena 20 giorni. Resta la consolazione che non si è spenta in un box del gattile ma in una casa, amata fino all’ultimo.

Tigra è volata sul ponte lasciando un grande vuoto in Roberta e Beatrice e anche nei volontari che l’hanno conosciuta e amata. Vogliamo ringraziare le sue due splendide “mamme” per il bellissimo gesto di aprire la loro casa a un animale così anziano e a quanti hanno molte remore ad adottare cani o gatti avanti con gli anni ricordiamo che, anche se i sensi sono ormai appannati e i movimenti si fanno sempre più lenti, questi animali hanno ancora tanto, tanto da dare.

Pubblicato il 24 marzo 2022

2021: ENPA di Monza e Brianza dà i numeri!

Come ogni anno, ecco “Un anno in numeri”, lo speciale che racconta il 2021, 365 giorni di attività dell’ENPA di Monza e Brianza. È stato per l’ente un anno molto particolare perché, è bene ricordarlo, è stato quello del 150° anniversario, che abbiamo celebrato come si doveva.

In una decina di pagine troverete tutto quello che abbiamo fatto “tradotto” in numeri: gli animali, domestici e non, che abbiamo ospitato, quelli che abbiamo recuperato da situazioni allucinanti, quelli abbandonati, quelli trovati vaganti e riconsegnati ai proprietari, quelli ceduti.

E poi, ancora, le conferenze, i banchi istituzionali e quelli alimentari e gli eventi che rappresentano ormai un fiore all’occhiello della nostra sezione e sono diventati una tradizione, come la marcia “4 Passi a 4 Zampe” (ancora in versione virtuale come l’anno precedente) e la Benedizione degli Animali, tornata nella versione classica in presenza, abbinata al concorso Cane Fantasia 2021 e da quello fotografico, Web Star.

Il 2021 dell’ENPA di Monza e Brianza è tutto in queste pagine. Buona lettura!

Per scaricare il file PDF sulle attività ENPA Monza e Brianza nel 2021, clicca QUI.

Pubblicato il 21 Marzo 2022

Conferenza sulla pet therapy: c’è ancora tempo per iscriversi!

Ricordiamo che venerdì 1 aprile ENPA organizza un’imperdibile serata per scoprire tutto sugli Interventi Assistiti con gli Animali, meglio noti come pet therapy. Il coinvolgente incontro, a cura della Dott.ssa Tiziana Gori, medico veterinario specializzato negli IAA, è aperto a tutti, anche a quanti sono interessati a operare in questo affascinante settore.

È possibile partecipare in presenza presso la sala conferenza del rifugio di Monza oppure online in diretta.

Leggi qui il nostro articolo con tutte le informazioni. Per partecipare è necessario iscriversi compilando il Form d’Iscrizione qui.  

.

Pubblicato il 29 marzo 2022

Conferenza venerdì 1 aprile: “Quel Cane del mio Terapeuta. La pet therapy dalle origini ad oggi”.

ENPA di Monza e Brianza organizza per la serata di venerdì 1 aprile un interessante incontro per scoprire tutto sugli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA). Meglio noti come pet therapy, gli IAA si possono definire una co-terapia supportata dalla presenza, nel setting terapeutico, di un animale e basata sulla relazione interspecifica che si stabilisce e si consolida tra l’animale e l’uomo.

La relatrice sarà la Dr.ssa Tiziana Gori, Medico Veterinario, specializzata in IAA (vedi profilo sotto).

L’incontro, aperto a tutti, si svolgerà alle ore 21,00 sia in presenza sia in diretta online.

Il programma

  • nel corso della serata verrà tracciato un breve excursus storico della Pet Therapy, dalle origini ai giorni nostri;
  • saranno inoltre esaminati gli obiettivi, le finalità e le aspettative delle sedute di questa co-terapia a sostegno di bambini, adulti e anziani in difficoltà;
  • si parlerà delle cinque specie domestiche ammesse negli interventi assistiti: il cane, il cavallo, l’asino, il gatto e il coniglio;
  • saranno anche fornite le indicazioni per l’ottenimento delle qualifiche indispensabili per poter operare nell’ambito degli Interventi Assistiti con gli Animali.

Ci sarà naturalmente l’opportunità per il pubblico di porre domande alla relatrice.

Modalità di partecipazione

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

  • in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti. I partecipanti devono essere muniti di Green Pass rafforzato e mascherina FFP2;
  • online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

La partecipazione all’evento è a offerta libera. Il ricavato della serata sarà destinato interamente a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Chi fosse impossibilitato a partecipare alla serata può richiederne la registrazione, compilando lo stesso Form sul sito (che verrà inviata qualche giorno più tardi).

Identikit della relatrice

Laureata in Medicina Veterinaria all’Università di Milano, Tiziana Gori è esperta in Agopuntura Veterinaria (SIAV). È fondatrice di AT, Animali Terapeuti ONLUS, per gli interventi Assistiti dagli Animali; Medical Detection Dogs Italia ONLUS, per la ricerca oncologica tramite l’olfatto del cane; Veterinary Ethics and Relationships with Animals, a sostegno della bioetica animale. È docente e membro del Comitato Scientifico del Corso di Perfezionamento in Attività Assistite con gli Animali dell’Università Cattolica di Milano.

È autrice del libro “Prevenzione e salute per il tuo cane” e, con Aldo La Spina, del volume “Segreti per la lunga vita del cane. Esercizi, alimentazione e cure”. Ha inoltre pubblicato un saggio sui benefici della Pet Therapy nei malati di Alzheimer.

Pubblicato il 19 Marzo 2022

Torna la Giornata Rifugi Aperti!

Domenica 27 marzo presso il parco-canile in via San Damiano 21 dalle 14 alle 18 è in programma la Festa degli Amici Cucciolotti / Giornata dei Rifugi Aperti, promossa da ENPA di Monza e Brianza in collaborazione con Pizzardi Editore, che torna dopo due anni di assenza a causa del Covid.

L’ingresso è libero (tutto si svolgerà nel rispetto delle norme anticovid). Il rifugio di Monza aprirà le porte ai bambini e alle loro famiglie che potranno visitare i reparti dei cani, dei gatti e dei tantissimi altri animali ospitati: sarà una bellissima e festosa giornata dedicata a tutti gli amanti degli animali. Vi attende un ricchissimo programma dedicato soprattutto ai più piccoli, ai quali regaleremo il bellissimo Album Amici Cucciolotti 2022 e altro materiale offerto dalla Pizzardi Editore.

Torna il “ce l’ho, mi manca”!

Non poteva mancare il “Ce l’ho, mi manca”, l’ormai mitico scambio di figurine che permetterà ai più piccoli di completare più velocemente il proprio album Amici Cucciolotti 2022. Sarà allestito un tavolo molto lungo per lasciare ai bambini e ai loro genitori un adeguato distanziamento (solo in questo caso sarà obbligatoria la mascherina).

Altre sorprese per i più piccoli

Presso il gazebo Truccabimbi  i bambini potranno trasformarsi per un pomeriggio nel loro animale preferito. Oppure potranno impegnarsi nel  Gioco dell’oca ecologico (i segnalini sono realizzati con tappi di bottiglia riciclati), offerto da Pizzardi.

Come sempre le giornate organizzate da ENPA pensano al divertimento ma anche ad una corretta educazione verso il mondo animale e naturale.

Grazie a semplici immagini, realizzate sempre da Pizzardi e alla collaborazione di educatrici cinofile dell’ENPA di Monza e Brianza, bimbi e ragazzi, ma anche gli adulti impareranno a conoscere il linguaggio del cane e capire il perché di tanti suoi comportamenti. Perché è importante che il rapporto bambino-cane si instauri nel miglior modo possibile.

Sono in programma anche alcuni laboratori per imparare a riciclare al meglio alcuni materiali, ad esempio chi vorrà potrà imparare a costruire mangiatoie per uccelli con cartone e filo di ferro.


Un pensiero all’Ucraina

Sarà una giornata di festa, è vero, ma il pensiero non può non andare a quelle centinaia di migliaia di persone, bambini e adulti e anche animali, che vicinissimi a noi stanno vivendo la terribile esperienza della guerra. Ecco perché non mancherà anche un momento di riflessione e vicinanza all’Ucraina. Tutti ci riuniremo in un cerchio intorno all’ulivo (non a caso simbolo della pace) al centro del rifugio, con la speranza che la guerra in quella terra termini quanto prima.

Il sostegno all’Ucraina non finisce qui: è stato allestito un corner dove chi vuole può portare vario materiale (alimenti per cani e per gatti, medicinali e presidi sanitari, guinzagli, trasportini e altro) che sarà poi stoccato in vista di partenze sicure verso le zone di guerra.  Le offerte di denaro raccolte nel corso della giornata saranno interamente destinate a un fondo istituito da Enpa per aiutare tutti gli animali che ancora sono in Ucraina.

Un’anteprima pasquale

Con Pasqua ormai alle porte, saranno già disponibili le colombe solidali ENPA Monza (nelle due versioni con e senza canditi) con un’offerta di 10 euro. Sarà anche possibile acquistare i dolci vegani di Pasqua (classici o al cioccolato) con un’offerta di 18 euro.

Vi invitiamo a inoltrare questo messaggio a tutti i vostri amici e conoscenti per una straordinaria giornata di festa e di solidarietà.

Pubblicato il 21 Marzo 2022

Andrea Cisternino in Ucraina, il punto della Farnesina

Il Ministero degli Esteri italiano segue con molta attenzione la situazione di Andrea Cisternino, “in raccordo con Enpa”.

Pubblichiamo di seguito, integralmente, il comunicato ufficiale del Ministero

La Farnesina segue con la massima attenzione la situazione del connazionale Andrea Cisternino, che gestisce un centro per la protezione degli animali abbandonati vicino a Kiev. In particolare, nel contesto delle attività in corso per assistere gli italiani che ancora si trovano in Ucraina, l’Unità di Crisi, in raccordo con l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, si è attivata per facilitare, tramite contatti con le Autorità locali, l’arrivo di cibo e medicinali veterinari. Il “Rifugio Italia Kj2” di Kiev, fin dalla sua apertura, 10 anni fa, è in contatto con la nostra Ambasciata, che ne riconosce le attività e che, negli anni, ha sostenuto nei rapporti con le autorità locali. La struttura, a nord di Kiev, si trova ora sulla direttrice delle forze armate russe provenienti da nord. L’Ambasciatore Zazo aveva visitato il centro prima dell’inizio delle ostilità. La possibilità di fare giungere viveri nell’area è legata ad una sospensione dei combattimenti da parte dei belligeranti.

Pubblicato il 21 Marzo 2022

Emergenza Ucraina, il punto sulle iniziative di Enpa per aiutare animali e persone

Siamo impegnati sin dalle prime ore dell’invasione russa in Ucraina a fare la nostra parte per aiutare animali e persone. Tutta le rete di Sezioni e Delegazioni Enpa in Italia è impegnata su vari fronti e con varie iniziative, a cominciare dalla partecipazione a manifestazioni per la pace.

Sul piano operativo, Enpa – la Protezione Animali italiana – ha già inviato diverse tonnellate di aiuti per gli animali da compagnia in Polonia, Ungheria e nelle zone di confine con l’Ucraina della Romania. L’ultima consegna è di questa mattina: nel rifugio “Saved by the Vet” di Solca, in Romania, sono stati scaricati i tre bancali inviati dalla nostra Sezione di Arzignano. Nei giorni scorsi sono arrivati a destinazione gli aiuti inviati di altre Sezioni Enpa, tra cui SavonaMonzaTrevisoParma. Si tratta di aiuti che le Sezioni hanno raccolto a livello locale, poi affidati a ucraini rientrati nel loro paese.

Lunedì partirà da Verona il primo invio completamente gestito da Enpa che comprenderà gli aiuti raccolti da tutte le altre Sezioni Enpa e inviati all’hub logistico Enpa di Verona, appunto. Sarò il primo di diversi invii: i beni andranno a Tulcea, Romania, in un deposito Enpa a ridosso del confine. Al deposito Enpa di Tulcea potranno arrivare a rifornirsi i volontari ucraini della zona sud-occidentale del Paese, fino a Odessa. Secondo un protocollo già definito da Enpa con le associazioni locali, i volontari ucraini saranno accompagnati fino alla frontiera con la Romania da militari armati e poi scortati nella distribuzione degli aiuti nelle aree direttamente interessante dai combattimenti. La distribuzione avverrà insomma in sicurezza, se di “sicurezza” si può parlare in uno scenario apocalittico come quello ucraino.

Da Monza intanto…

Sabato 19 marzo sono partiti dal rifugio di via San Damiano due furgoni carichi di alimenti e altri materiali diretti a Verona, da cui partirà un primo invio diretto a Tulcea, in Romania.

Il materiale è stato raccolto dalle sezioni Enpa di Monza e BrianzaVoghera Merate e dalle associazioni Ti Affido Fido Aps di Gorgonzola (MI) e Nidia Odv di Novate Milanese (MI).

Grazie alla generosità di quanti hanno voluto dare il proprio sostegno al martoriato popolo ucraino, i due furgoni hanno portato a Verona 902 kg di cibo secco per cani e 410 per gatti, 47 kg di cibo umido per cani e 72 per gatti, 48 kg di materiale sanitario, 17 trasportini e un centinaio tra guinzagli e collari.

Altre iniziative Enpa

  • L’hub Enpa a disposizione dei profughi con animali in entrata in Italia, per i primi adempimenti sanitari e burocratici, è invece la nostra Sezione di Trieste, a disposizione con la sua struttura veterinaria.
  • Mercoledì sera è arrivata a Perugia Liuba con i suoi 19 cani. È stata la prima missione di Enpa in territorio ucraino, in collaborazione con NewWay, per portare in salvo i 19 cani di Liuba e Liuba stessa. Qui i dettagli
  • È a disposizione la casella mail ucraina@enpa.org sia per chiedere informazioni sia per offrire aiuto ai profughi e ai loro animali. 
  • Per sostenere Enpa in questo grande sforzo, è possibile fare donazioni qui.

Pubblicato il 19 Marzo 2022

Guerra in Ucraina, in Italia solo ingressi controllati, vaccinazione tempestiva e rigorosa osservazione sanitaria

Allerta su cani e gatti dall’Ucraina non accompagnati dai loro proprietari e movimentati da canali non verificati. I Presidenti ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) e ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) in un comunicato congiunto: “Testare e vaccinare tutti i cani e gatti tempestivamente. Al Ministero della Salute e alle Regioni offriamo il supporto dei Veterinari liberi professionisti e dei rifugi ENPA”.

Ogni guerra genera altri crimini e rischia di far venire meno le garanzie sanitarie. “Con la guerra in Ucraina c’è il rischio che i trafficanti di animali si inseriscano nelle movimentazioni lecite di cani e gatti che fuggono dalla guerra con i loro proprietari” – dichiara il Presidente dell’ANMVI Marco Melosi, che segnala il rischio di diffusione di virus che nel nostro Paese non sono più presenti da decenni.

“C’è il fondato timore – dichiarano congiuntamente il presidente dell’ANMVI Melosi e la presidente nazionale di ENPA, Carla Rocchi – che presunti cani e gatti “da salvare” dalla guerra siano in realtà oggetto di truffe o di movimentazioni irregolari da parte di volontari improvvisati o sedicenti tali. La nostra raccomandazione è di evitare, oggi più che mai, l’acquisto di cani e gatti dall’estero. Inoltre a chi vuole essere d’aiuto agli animali dell’Ucraina diciamo di affidarsi solo alle associazioni animaliste riconosciute”.

All’odioso crimine del traffico di animali si aggiunge il gravissimo rischio di importare il virus della rabbia in Italia. “E’ un virus mortale- avverte Melosi – per gli animali e per le persone. L’Italia è indenne, mentre l’Ucraina non lo è”. Infatti, se è vero che la Commissione Europea ha giustamente consentito l’ingresso d’emergenza negli Stati Membri senza la vaccinazione antirabbica, è anche vero che i cani e gatti provenienti dall’Ucraina devono essere regolarizzati nel Paese dove si sono rifugiati, Italia compresa.

“I cani e i gatti al seguito dei loro proprietari sono tutti generalmente ben accuditi – affermano Melosi e Rocchi – e all’ingresso in Italia vengono controllati e nel caso vaccinati. Ma il test e la vaccinazione antirabbica devono essere somministrati tempestivamente e capillarmente ad un numero di pets che si stima in decine di migliaia. I Servizi Veterinari regionali possono contare sui Medici Veterinari Liberi Professionisti. “In Toscana, spiega Melosi, lo stanno già facendo con test e vaccini gratuiti. E’ questo il modello organizzativo da seguire in tutte le regioni”- conclude Melosi.

“Inoltre – afferma Rocchi – la rete italiana di rifugi ENPA è a disposizione, in coordinamento con la sanità veterinaria pubblica e con i veterinari ANMVI, per l’accoglienza di cani e gatti e per la necessaria osservazione sanitaria”.

Pubblicato il 19 Marzo 2022

“Mongolfiera a primavera” a Caponago domenica 20 marzo

Se volete passare una domenica nel verde con tutta la famiglia non perdete l’appuntamento “Mongolfiera a primavera” in calendario il 20 marzo a Caponago presso il Parco della Pinetina dalle ore 9.00 alle ore 19.30.

L’evento vuole ricordare e celebrare la prima ascensione italiana in volo libero di un pallone aerostatico ad aria calda, avvenuta il 13 marzo 1784 da parte del nobile e viaggiatore Paolo Andreani, con una mongolfiera da lui stesso costruita, partendo da Brugherio con atterraggio a Caponago.

Ci siamo anche noi!

Nel corso della giornata sono in programma attività ricreative, culturali e promozionali e giochi per bambini (come il gioco dell’oca ecologico).

Sarà presente anche Enpa di Monza e Brianza con un gazebo con materiale informativo (in particolare sul lavoro fatto da Enpa nel comune brianzolo dalla convenzione a oggi) e gadget a tema animale e soprattutto i più piccoli potranno ricevere in regalo il bellissimo album degli Amici Cucciolotti 2022 e altro materiale della Pizzardi Editore.

E non è finita qui: alle 11 e alle 15.30 sono in programma due lezioni con un istruttore cinofilo dell’ENPA che con una cartellonistica donata da Pizzardi potrà spiegare ai più piccoli come interpretare il linguaggio corporeo dei cani e come interagire con loro, in special modo se sconosciuti.

Accompagnati da volontari Enpa, saranno anche presenti alcuni cani ospiti del rifugio di via San Damiano in cerca di famiglia.

Vi aspettiamo numerosi!

Pubblicato il 15 Marzo 2022

Conflitto in Ucraina, il punto – sintetico- di quanto stiamo facendo

Raccolta cibo e medicinali veterinari
L’Enpa ha aperto una mail dedicata – ucraina@enpa.org – per raccogliere tutte le richieste e offerte di aiuto e di informazioni riguardanti l’Ucraina.
Sono previste due partenze di carichi di aiuti che da Verona saranno portati ad Odessa, da dove si snodano passaggi sicuri per chi ritira.

Enpa sta raccogliendo:

  • 🦴cibo (cani, gatti e altri animali)
  • 🩺soluzione fisiologica; Betadine disinfettante; guanti, bende
  • 💊 antibiotici; antidolorifici; antiparassitari (per cani e gatti)
  • 🐕‍🦺trasportini e guinzagli (per cani e gatti)

Presso il Canile di Monza in via San Damiano 21 è a disposizione tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.30 un corner dove lasciare le vostre donazioni.

Sostegno a rifugi e canili ucraini e non

Fino ad oggi abbiamo voluto dirottare le offerte di donazione a Rifugio Italia di Andrea Cisternino soprattutto perché il suo conto è italiano e dunque ‘sicuro’, non rischia di venire bloccato. Vogliamo però sostenere anche il canile di Kiev e altri rifugi. In particolare stiamo aiutando: il Kyiv City Clinics (il canile municipale di Kiev), SAVE WILD Fund, Ukraine, Kyiv zoological park e BEAR SANCTUARY Domazhyr, nella Lviv region.

Raccolta fondi speciale Ucraina
Molte persone ci scrivono con la richiesta di donare proprio ad Enpa, sul sito www.enpa.it sarà a breve inserito un link dedicato alle donazioni per la guerra in Ucraina.

Accoglienza di animali provenienti dall’Ucraina

ENPA Monza, insieme ad altre sedi ENPA in tutta Italia, si prepara ad accogliere i primi animali dall’Ucraina.

Vaccinazioni per gli animali in arrivo

Ci aspettiamo che molti degli animali che entreranno in Italia non saranno vaccinati. Siamo in contatto con la Protezione Civile ed è stata indicata la sezione di Trieste come ingresso “triage” per le vaccinazioni. La Sezione di Trieste ha messo a disposizione il proprio ambulatorio, in collaborazione con l’azienda sanitaria locale, e concordato un protocollo che prevede l’inserimento o la lettura del microchip, la vaccinazione antirabbica e il rilascio di certificazioni. Inoltre, a tutti gli animali che effettueranno il triage sarà donato cibo in quantità necessaria per raggiungere la destinazione finale. Il coordinamento è gestito in loco dalla Presidente di Sezione di Trieste in collaborazione con la Sede Centrale Enpa.

Pubblicato il 10 Marzo 2022

Dall’Ucraina al rifugio di Monza: il viaggio di tre gatti

Remi, Elliott e Basho sono tre gattoni arrivati venerdì 11 marzo al Parco Canile-Gattile di Monza.

Ma non sono gatti qualunque. Per giungere fino a noi hanno percorso migliaia di chilometri, moltissimi dei quali con il pericolo di essere bombardati. Perché questi tre mici hanno viaggiato chiusi nei loro trasportini, tra le braccia della loro proprietaria dalla lontana Kyiv, circondata dall’esercito russo.

Iryna, la loro mamma umana, li aveva salvati dalla strada quando erano molto piccoli e aveva dato loro una casa sicura, affetto e cure. Ma Iryna ha dovuto abbandonare tutto in cerca di salvezza insieme ad altri milioni di Ucraini in fuga.

Un viaggio lungo e pericoloso

Con un viaggio pieno di pericoli durato tre giorni sono riusciti ad arrivare tutti in Romania dove Alex, il figlio di Iryna, è riuscito a trovarli e a portarli verso l’Italia.

Nel nostro paese la famiglia ha trovato ospitalità presso parenti a Lissone (MB), ma purtroppo non è stato possibile accogliere anche gli animali. E così Remi (affascinante gattone tutto nero), Elliott (bellissimo micio tigrato grigio) e Basho (stupendo micione tigrato rosso) hanno trovato casa nel rifugio di Monza gestito dall’ENPA.

Qui sono già stati visitati dal veterinario ATS Brianza per la loro regolarizzazione sanitaria.

Finalmente al sicuro!

I tre gatti dopo un comprensibile momento di incertezza hanno preso possesso della loro nuova casa, dimostrando di apprezzare la sistemazione e le cure che i volontari dell’ENPA di Monza hanno immediatamente prestato loro.

I gatti potranno ricevere le visite di Iryna e della sua famiglia che hanno manifestato un incredibile amore e dedizione verso questi animali e non li hanno abbandonati al loro destino.

Un esempio, questo, che dovrebbe far riflettere, e vergognare, quelle persone pronte ad abbandonare gli animali per i più futili motivi.

Pubblicato l’11 Marzo 2022

Anche il tuo amico può sostenere l’Ucraina!

Come sapete Enpa si è attivata in tutti i modi possibili per dare sostegno al paese martoriato da giorni da una guerra che sta colpendo non solo gli esseri umani ma anche gli animali.

Da qualche giorno l’associazione animalista ha lanciato sui social l’iniziativa #animaliprofughi alla quale chiunque può liberamente partecipare scattando una foto al proprio animale con un fiocco giallo e azzurro, i colori della bandiera dell’Ucraina. Una volta fatta la foto ENPA invita a postarla sui social con i seguenti hashtag: #animaliprofughi #UkraineRussiaWar #animali #ENPA #NoWar.

Nella foto: anche il piccolo Franklin, ormai un’istituzione del rifugio di via san Damiano, partecipa all’iniziativa!

Pubblicato l’08 Marzo 2022

Menta, l’ultimo dei breton, è finalmente a casa!

Menta è uno dei 38 epagneul breton di un maxi sequestro avvenuto per maltrattamento nel pavese a gennaio 2021 (link articolo): i cani venivano tenuti segregati in un’abitazione senza mai poter uscire o vedere la luce del sole, in un contesto di deprivazioni sensoriali e affettive inimmaginabili.

Dopo essere stati liberati, hanno trovato rifugio presso la sezione Enpa di Pavia in cerca di una nuova casa e di una nuova vita. Molti di loro, a piccoli gruppi, sono arrivati presso il canile di Monza. La nostra sezione può contare su un team di educatrici cinofile qualificate (aiutate nel loro operato da volontari esperti e preparati che fanno parte del “Gruppo di Lavoro“) che con pazienza e perizia li hanno aiutati a conoscere il mondo.

All’inizio ne sono arrivati sei (quattro maschietti e due femminucce di età diverse); tutti dopo qualche settimana di lavoro sono stati felicemente adottati. Ne sono arrivati poi altri due (un maschio e una femmina), un po’ meno problematici rispetto ai primi, che hanno trovato molto velocemente una bella casa.

Andati a casa loro, continuando la nostra collaborazione con la sezione di Pavia, sono arrivati a Monza altri due maschietti: Grana, che ha trovato una bella famiglia rapidamente, e Menta.

All’inizio era timido, diffidente verso le persone e l’ambiente, spaventato da ogni piccolo rumore. Nel box rimaneva, inizialmente, schiacciato in un angolo, rintanato nella sua cuccia, praticamente invisibile alle famiglie che venivano a visitare la struttura.

La politica dei piccoli passi

Le nostre educatrici, coadiuvate dalle volontarie del Gruppo di Lavoro, hanno iniziato un percorso quotidiano, fatto di piccoli passi, che gli permettesse di prendere fiducia e acquisire i suoi punti di riferimento. Menta manifestava il suo disagio in quella che, tecnicamente, viene definita “ipercinesi”: un continuo correre seguendo linee precise senza sosta.

All’inizio veniva liberato in recinto con un cordino leggero attaccato alla pettorina per favorire la ripresa al termine delle sessioni di lavoro, cosa che permetteva alle educatrici di iniziare a farsi conoscere e avvicinarsi senza invadere troppo il suo spazio.

Piano piano ha iniziato a rallentare le corse, ad accorciare le distanze, fino ad arrivare a prendere qualche boccone dalle mani e accettare le prime timide carezze. Quindi sono iniziate le prime uscite dal canile alla scoperta di un mondo fatto di persone, oggetti e rumori che non facevano più paura come prima.

Una mamma decisa e motivata

Un bel giorno è arrivata in Via San Damiano una signora che stava cercando un cane da amare e a cui donare una nuova vita. Mentre i nostri operatori le mostravano alcuni dei nostri ospiti, lei ha chiesto di vedere proprio Menta, dopo aver visto le foto sul nostro sito.

È stato amore a prima vista! Pur essendo consapevole delle difficoltà che comporta accogliere un cane spaventato, ma molto motivata e decisa a portarlo a casa, ha intrapreso un breve iter pre-affido, ha avuto modo di farsi conoscere, prendere confidenza con le problematiche che avrebbe dovuto affrontare una volta a casa e imparare a gestirle.

E così, poco tempo dopo, è finalmente arrivato anche per Menta, ora Freddie, il giorno dell’affido. Anche per lui, con un atteso lieto fine, comincia una nuova vita in famiglia.

Pubblicato il 05 Marzo 2022

La campagna tesseramento 2022 nata in ENPA Monza

La vera forza dell’ENPA, diciamolo, sono i soci, che attraverso i loro contributi e il loro sostegno morale permettono all’associazione animalista più antica d’Italia – fondata 151 anni fa da Giuseppe Garibaldi – di svolgere tutte le attività istituzionali. Non solo il quotidiano accudimento degli animali ospitati nei rifugi e nei centri di recupero in tutto il Paese, ma anche campagne mirate e progetti qualificati su tutto il territorio. Nelle attività quotidiane così come nelle situazioni di emergenza.

Essere Socio ENPA non vuol dire solo dare un semplice contributo economico, ma anche partecipare alla realizzazione di importanti progetti e credere in quello che facciamo.

La campagna 2022 “firmata” ENPA Monza

La campagna e la tessera stessa portano ancora una volta la firma creativa di Isabella Garlati, graphic designer e volontaria responsabile immagine dell’ENPA di Monza e Brianza, che già l’anno scorso aveva ideato la bellissima campagna 5×1000.

Sulla tessera 2022, le silhouette di diversi animali si fondono come in un abbraccio, mentre la testa del cane è avvolta dalle mani del volontario che li accudisce tutti, indistintamente.

La campagna ha la significativa headline “accudiamoci a vicenda” perché gli animali parlano e interagiscono con noi attraverso lo scambio reciproco di emozioni, mentre il concetto “prendersi cura gli uni degli altri” nasce dall’insieme dei vocaboli che più rappresentano il lavoro che ENPA svolge quotidianamente nei confronti degli animali: empatia, amore, cuore, cura e protezione.

La coppia di tartarughe in peluche

Per i soci 2022, a fronte di una donazione di 50 euro, è possibile richiedere la coppia di tartarughe di peluche (35 cm mamma tartaruga, 25 cm il suo cucciolo), tra le specie a serio rischio di estinzione. Sono realizzate con bottiglie di plastica riciclate, una delle minacce principali per le tartarughe. Con il loro acquisto, aiuterai a ripopolare l’intero habitat marino e terrestre e a sostenere i progetti educativi di ENPA volti alla tutela dell’ambiente.

Le quote sociali

Le quote sociali per l’anno 2022 sono:

  • Socio ordinario: 25 euro;
  • Socio sostenitore: 50 euro;
  • Socio giovanile (fino a 17 anni): 3 euro;
  • Socio perpetuo: 1000 euro (una tantum).

Aggiungere 50 € per ricevere la coppia di peluche di tartaruga.

Dove iscriversi o rinnovare l’iscrizione

  • presso il rifugio di Monza in via San Damiano 21 (pagamento anche con Bancomat o carta di credito), negli orari di apertura al pubblico (dalle 14.30 alle 17.30 tutti i giorni)
  • ai nostri banchi, conferenze ed eventi;
  • in posta, banca oppure online. Tutte le info qui.

Socio ENPA? Il tuo amico è assicurato!

ENPA di Monza e Brianza, in collaborazione con la compagnia Cattolica Assicurazioni, ha infatti stipulato una convenzione assicurativa per proteggere e tutelare i proprietari sotto l’aspetto economico, da eventuali danni a persone, animali o cose, causati dai loro amici a quattro zampe. Potete trovare tutte le informazioni qui. Un motivo in più per iscriversi o rinnovare l’iscrizione.

Pubblicato l’11 Marzo 2022

Conflitto in Ucraina. Enpa impegnata per aiutare gli animali

Li abbiamo visti tutti con dolore e commozione: mentre gli uomini rimangono per difendere la loro terra, donne, anziani e tanti bambini infagottati con una piccola valigia contenente le poche cose che sono riusciti a portare con loro, stanno cercando di raggiungere i confini dell’Unione Europea.

Li abbiamo visti fuggire dalle bombe e dalla guerra, e insieme a loro stretti al petto o tenuti vicinissimi tanti animali, cani e gatti, che gli Ucraini non hanno voluto lasciare al loro destino e che stanno portando con sé verso la salvezza.

Ci siamo chiesti subito cosa poter fare per aiutare persone e animali a sfuggire a questo terribile dramma.

L’Ente Nazionale Protezione Animali si è impegnata su più fronti per aiutare in queste ore drammatiche. In particolare le Sezioni – innanzitutto del Nord-Est con ENPA Trieste, Treviso, Arzignano, Verona e Venezia ma anche Torino, San Severo e Torremaggiore e Monza, – sono pronte ad accogliere cani e gatti di profughi ucraini diretti in Italia. Proprio dal rifugio monzese il 2 marzo è partita una prima spedizione alla volta dell’Ucraina, con 2 quintali di cibo per cani e gatti (foto sotto, pronto per la partenza).

La volontà di dare concretamente una mano non manca. Purtroppo non è facile far arrivare gli aiuti: le difficoltà logistiche sono tante e l’invio di alimenti con piccoli mezzi di trasporto organizzati dagli ucraini in Italia è attualmente l’unico sistema percorribile.

Anche la politica si muove

Abbiamo chiesto al Ministro degli Esteri la conferma della possibilità che i nostri connazionali nonché i rifugiati possano riportare in Italia gli animali senza la certificazione che al momento nessuna autorità locale è in grado di rilasciare (in molti Paesi, soprattutto confinanti con Ucraina, è già possibile portare i propri compagni di vita senza burocrazia). E siamo lieti di comunicare che martedì 1 marzo il Ministero della Salute ha firmato una nota che consente l’ingresso in deroga, in Italia, degli animali da compagnia provenienti dalle zone di guerra.

Ecco come aiutare

  • Appoggiamo la raccolta fondi di Andrea Cisternino che gestisce un rifugio di 450 animali a Kiev. Vi chiediamo di aiutarlo direttamente. In questo link tutti i riferimenti.
    In Ucraina esistono anche altre associazioni zoofile ma al momento non esiste garanzia che le offerte donate in loro favore riescano poi a raggiungerle.
  • Ci stiamo organizzando per inviare petfood e medicinali veterinari.
  • Abbiamo contatti costanti con l’Associazione Animals Asia per facilitare casi di spostamento di animali dall’Ucraina a Paesi confinanti come la Polonia.
  • Abbiamo aperto un canale di contatti diretti con soci e volontari ENPA di nazionalità ucraina per raccogliere ogni segnalazione e richiesta di intervento.

In questa situazione difficilissima e in continua evoluzione vi terremo aggiornati sui nostri interventi e sull’aiuto che anche voi tutti potrete dare.

Pubblicato il 2 marzo 2022

“Amici Cucciolotti”: a marzo in regalo nei rifugi ENPA!

Un’altra bellissima iniziativa di Pizzardi Editore che ogni anno pubblica una nuova collezione di figurine Amici Cucciolotti.

Dall’1 marzo, infatti, centinaia di migliaia gli album, con la prima bustina di figurine, saranno regalati ai bimbi di tutte le età nei rifugi ENPA, negli ospedali, nelle scuole e ai banchetti.

La tradizione cambia in meglio

Fino al 2020 l’album omaggio veniva distribuito davanti alle scuole, ma nel 2021, per evitare assembramenti e salvaguardare la salute di tutti, l’editore ha scelto di interrompere questa “tradizione”.

Per il 2022 ha pensato di dare un valore aggiunto: far regalare l’album anche dai volontari ENPA, che per i bambini sono dei veri Supereroi, con lo scopo di promuovere le visite presso i rifugi dell’Ente per far incontrare i bambini accompagnati dalle loro famiglie, o le classi guidate dai loro insegnanti, con i trovatelli accuditi amorevolmente dagli instancabili volontari.

Per vedere consultare la mappa interattiva di tutti i rifugi ENPA in Italia, regione per regione, dove ritirare gratuitamente il tuo album con la prima bustina di figurine, clicca QUI.

Vi aspettiamo tutti i giorni al rifugio di Monza!

Aspettiamo i piccoli animalisti in erba tutti i giorni al rifugio di Monza in via San Damiano 21 dalle 14.30 alle 17.30, sabati e domeniche compresi. Ricordiamo che bastano 8 bustine per riempire una ciotola, in vendita in tutte le edicole. La collezione Amici Cucciolotti 2021 ne ha riempite oltre 5 milioni, una cifra impressionante che, si spera, sarà superata quest’anno! Grazie al divertente “Ciotolometro” animato, tra l’altro, i più piccoli in ogni momento potranno scoprire il numero delle ciotole già riempite.

Amici Cucciolotti anche negli ospedali

Quest’anno gli “Amici Cucciolotti” non animeranno solo i rifugi ENPA: la Squadra degli Amici Cucciolotti, capitanata da Westie, porterà tutta la sua allegria e il suo mondo a colori anche negli ospedali di Roma, Caserta, Ispica (Ragusa), Milano, Frosinone, Napoli e Manfredonia (Foggia) insieme ai volontari ENPA e all’associazione di clownTeniamoci per Mano Onlus” che anima le strutture sanitarie.

Gli album con la prima bustina di figurine verranno regalati anche ai bambini che parteciperanno ai workshop organizzati con la collaborazione di ENPA in occasione della mostra “Animals” di Steve McCurry presso la Palazzina di Caccia di Stupinigi (Torino) ma anche a molti alunni delle scuole dell’infanzia e primarie che hanno aderito alle iniziative ENPA.  


Una matita speciale per i più piccoli

Ad ogni bambino che parteciperà alle iniziative con Amici Cucciolotti, inoltre, l’ENPA regalerà una matita eco green con dei semini e un messaggio: “Aiutaci a far crescere la nostra missione! Pianta questa matita e abbi cura di lei come simbolo dell’amore e del rispetto che puoi seminare intorno a te. Insieme possiamo cambiare il mondo!”

«Ringrazio l’ENPA e tutti i Volontari – afferma Dario Pizzardi – per aver aderito con entusiasmo e partecipazione a questa grande iniziativa. Amici Cucciolotti dal 2007 è orgogliosamente al fianco dei Volontari per aiutare insieme a loro gli animali. »

«Gli Amici Cucciolotti – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale ENPA – riempiono da sempre le ciotole dei nostri trovatelli e aprono la mente e il cuore delle bambine e dei bambini verso le altre creature che, come loro, hanno diritto alla vita, al rispetto e alla cura».

Leggi qui il nostro articolo del 21 dicembre 2021

Pubblicato il 2 marzo 2022

Autolocatelli e Discoradio a sostegno di ENPA.

Locatelligroup, conosciuto e apprezzato concessionario delle provincie di Monza e di Milano, ed ENPA, la più antica organizzazione operante nella tutela degli animali in Italia, uniscono le forze per ridurre l’impatto ambientale nella vita di tutti i giorni.

La collaborazione tra Autolocatelli e ENPA, inserita all’interno del progetto Green Generation di Discoradio, emittente radiofonica del gruppo RDS, ha come scopo quello di mettere in luce i benefici che un’auto elettrica porta in termini di sostenibilità ambientale, e di conseguenza, di tutela degli animali che vicino nel nostro ecosistema.

Sconti esclusivi sono riservati da Autolocatelli ai soci ENPA per l’acquisto di un’auto e primo tagliando gratuito! Visita il sito per scoprire di più!

Discoradio in visita al rifugio di Monza

Nel mese di febbraio Olga Comerio, speaker di Discoradio e conduttrice di Green Generation, ha fatto tappa al rifugio di via San Damiano 21, incontrando il presidente dell’ENPA monzese, Giorgio Riva e l’operatrice e istruttrice cinofila Stefania Crippa. Ne è uscita un’intervista con molti spunti e notizie interessanti per tutti gli amanti degli animali. 

Olga ha potuto vedere da vicino tutti gli animali ospitati, compresi l’oca Mario, ormai una star per via della sua particolare amicizia con un gruppo di cani maremmani; Franklin, il cucciolo con il carrellino per via di un tumore che gli ha paralizzato gli arti posteriori; e il maialino nano thailandese Peter, recuperato lo scorso dicembre a una fermata del pullman a Lissone.

Gli animali dell’ENPA di Monza sono i protagonisti della puntata di Discoradio Green Generation che potrai vedere qui sotto.

Nelle immagini, alcuni fotogrammi estrapolati dal video girato al rifugio di Monza.

Pubblicato il 2 marzo 2022

Sabato 5 marzo: raccolta cibo all’Oasipet di Albiate

Questo sabato ENPA torna per una nuova raccolta cibo “felina” al Oasipet di Albiate (MB).

I volontari ENPA vi aspetteranno sabato 5 marzo dalle 9,30 alle 18,30 orario continuato al supermercato per animali in via Milano 3. Nel cortile interno cè un comodo parcheggio per i clienti.

Obiettivo dell’iniziativa, come sempre, è quello di raccogliere alimenti per i numerosi gatti liberi delle colonie feline sul territorio seguite da ENPA e da diversi tutori, 365 giorni all’anno. La nostra richiesta è pertanto principalmente di cibo per gatti preferibilmente “umido” di media qualità in lattine da 400g, ideale per riuscire a sfamare numeri elevati di mici. Vanno bene anche le bustine di umido da 85/100g.

Come funziona la raccolta?

Le modalità sono quelle di sempre. Mentre fate la spesa, potete mettere nel vostro carrello una o più scatole di alimenti per mici. Vanno pagate alla cassa e poi consegnate ai volontari al banco ENPA all’uscita del negozio, dove verranno smistate e registrate.

Chi dona anche una sola scatola o busta di cibo potrà scegliere una delle figurine di ringraziamento che ritraggono alcuni dei numerosi gatti della storica colonia di Via Buonarroti di Monza, aiutati grazie alla raccolta.

ENPA ringrazia Oasipet per questa iniziativa solidale, e naturalmente i clienti che vorranno dare una mano ai mici di nessuno.

La prossima raccolta alimentare

Dopo quello del 5 marzo, il prossimo appuntamento presso Oasipet sarà sabato 9 aprile al punto vendita di Seregno in Via Circonvallazione 76.

Sito: www.oasipet.it


Pubblicato il 2 marzo 2022

Tre uccelli selvatici accolti al rifugio di via San Damiano

In pochi giorni il Parco Canile di Monza ha accolto ben tre importanti uccelli selvatici, giunti in condizioni di grave debilitazione.

Sabato 5 febbraio veniva segnalata a ENPA Monza la presenza a Lissone (MB) di un falco ferito. Testimoni dichiaravano di aver visto l’animale schiantarsi contro la parete a specchio di un grande palazzo, probabilmente mentre inseguiva una preda.

Immediatamente accorsi sul posto, i due volontari ENPA hanno ricevuto dalle mani del segnalante un falco che si è rivelato essere un esemplare di sparviero euroasiatico (Accipiter nisus). Il rapace, messo in sicurezza e al caldo in una scatola di cartone forata, già poche ore dopo dimostrava incoraggianti segnali di ripresa.

Nello stesso frangente di tempo, presso il rifugio di via San Damiano dei privati cittadini portavano un altro esemplare di falco raccolto a terra presso il supermercato Esselunga nel comune di Vimercate (MB). In questo caso si trattava invece di un esemplare di gheppio comune (Falco tinnunculus), un falco di piccole dimensioni molto diffuso nelle nostre zone, anch’esso con i postumi di un brutto schianto.

Entrambi gli animali, dopo essere stati visitati, sono stati idratati e nutriti, in attesa di essere consegnati all’indomani nelle mani dei veterinari del Centro Recupero Animali Selvatici di Vanzago (MI), gestito dal WWF.

Dopo i rapaci un trampoliere

Tutt’altro animale selvatico quello arrivato nella tarda giornata di venerdì 11 febbraio, ma identiche le gravi condizioni di salute. Un grande airone cenerino (Ardea cinerea), soccorso da un giardiniere presso la tenuta di campagna “La Lodovica” di Oreno di Vimercate (vedi post Instagram), era letteralmente rattrappito su sé stesso e presentava i segni di un dimagrimento preoccupante.

Immediatamente reidratato con flebo, l’animale ha dato immediati segni di ripresa, rialzandosi in piedi. Anch’esso, vista l’ora, è stato messo in condizione di passare la notte e il mattino seguente è stato portato da ENPA al CRAS di Vanzago per il proseguimento delle cure.

La struttura Parco Canile di Monza, gestita da ENPA, si conferma ogni giorno un fondamentale centro di aiuto per qualunque tipologia di animale in difficoltà sul nostro territorio.

Pubblicato il 16 Febbraio 2022

Un dono prezioso per tutti i mici randagi di Caponago

Una cerimonia davvero inusuale quella che si è svolta sabato 12 febbraio alle ore 11.00 presso il Comune di Caponago (MB). Alla presenza del Vicesindaco Maria Enrica Galbiati e del Comandante del Corpo di Polizia Municipale Gabriele Garberoglio è stato consegnato un ingente quantitativo di crocchette per gatti, pari a un controvalore di 500 Euro, alle volontarie che si occupano dell’accudimento delle colonie feline sul territorio comunale. Presenti alla cerimonia anche il Presidente dell’ENPA di Monza e Brianza Giorgio Riva e Milena Rosellini, coordinatrice per ENPA degli interventi sulle colonie feline del territorio della Brianza.

Un riconoscimento alle “gattare”

Il Comandante della Polizia Municipale e il Vicesindaco hanno chiarito, nel loro intervento, che questo aiuto viene fornito quale riconoscimento al preziosissimo e spesso misconosciuto lavoro delle “gattare” (epiteto usato troppe volte in senso negativo e dispregiativo) che a costo di grandi sacrifici personali alimentano, curano e gestiscono le colonie di gatti liberi sul territorio realizzando quanto previsto dal dettato della Legge 281/91 e dalla Legge Regionale 33/2009.

La lungimiranza dell’amministrazione di Caponago

Anche il Presidente dell’ENPA ha ringraziato queste generose volontarie e l’amministrazione comunale di Caponago. Questo ringraziamento è maggiormente dovuto in un momento in cui altre amministrazioni comunali della Brianza, in una visione miope del problema randagismo canino ma soprattutto felino, tendono a “sganciarsi” da convenzioni con associazioni che hanno fino ad oggi portato a risultati eccellenti nella prevenzione di tutte le problematiche legate al randagismo stesso.

Pertanto, ancora grazie da parte di ENPA Monza a questa amministrazione per la sua lungimiranza e attenzione ai problemi degli animali e anche dei propri cittadini.

LE FOTO: qui sopra a sinistra, il presidente ENPA, Giorgio Riva, con il Vicesindaco di Caponago, Maria Enrica Galbiati, e il Comandante del Corpo di Polizia Municipale, Gabriele Garberoglio. Foto di gruppo in alto, il presidente Riva con il vicesindaco Galbiati, il Comandante Garberoglio, alcuni agenti di Polizia Municipale, Milena Rosellini  (terza da destra) e alcune tutrici (questo il termine esatto per “gattare”) che operano sul territorio. Nelle altre foto, gatti di alcune colonie nel comune di Caponago.

Pubblicato il 20 Febbraio 2022

Svanito nel nulla il cervo del Parco di Monza

Bello, statuario e imponente (chi lo ha visto lo ha descritto alto due metri), il cervo del Parco di Monza sembra essersi volatilizzato.

Avvistato la prima volta il 2 novembre dello scorso anno, il Consorzio di Gestione Parco e Villa Reale aveva poi confermato la sua presenza con ritrovamento di tracce eloquenti, tenendo la situazione monitorata.

Mentre il cervo diveniva suo malgrado il simbolo della comunicazione della Reggia di Monza, il Consorzio decideva, per la sicurezza degli utenti dei due polmoni verdi monzesi, di coinvolgere per la sua cattura le Guardie Forestali del Parco Nazionale dello Stelvio, ma senza successo.

Le ultime immagini scattate con le fototrappole installate in diversi punti del Parco risalgono a novembre, mentre fino a metà gennaio erano state trovate ancora delle tracce organiche. Poi più nulla.

Dove può essere sparito un animale così imponente? Forse la risposta è molto semplice: il cervo se ne è andato per la stessa via usata per entrare, e cioè il fiume Lambro.

Cervi e daini per il diletto dei nobili

Nella prima metà dell’Ottocento i cervi erano “di casa” all’interno del Parco, anche se purtroppo per motivi tutt’altro che affettivi. Venivano infatti custoditi e allevati in un apposito recinto posto nelle vicinanze di Biassono, a cui si accedeva da una porta monumentale in stile neogotico progettata dall’architetto Canonica (nell’immagine). I cervi, insieme ai daini, venivano liberati in occasione delle battute di caccia organizzate per allietare gli augusti ospiti della Imperial Regia Villa di Monza, specie nel periodo asburgico. In queste occasioni venivano chiuse con reticolati gli accessi al Parco del fiume Lambro, per impedire che i cervi, inseguiti dai cacciatori, potessero fuggire da lì e ritrovare la libertà nei boschi della Brianza.

Se i cervi erano di casa per dilettare la passione venatoria di teste coronate e aristocratici durante i fasti delle corti asburgica e sabauda, in tempi più recenti il parco ha ospitato daini, mufloni e caprette tibetane, sistemati in un grande recinto che venne smantellato nel 1983.

Pubblicato il 16 Febbraio 2022

RETTIFICA: gallina appesa a testa in giù a Monza

Il 14 febbraio ENPA Monza ha dato notizia sul suo sito del macabro ritrovamento di una gallina appesa alla cancellata dell’ex mercato bestiame di Via Procaccini. Questa notizia è stata ripresa dalla stampa locale suscitando grande indignazione in moltissime persone.

Nel comunicare la notizia ENPA riportava anche alcune perplessità in merito all’intervento della Polizia Locale. Da un più accurato controllo dobbiamo chiarire che tali perplessità erano del tutto ingiustificate. La Polizia Locale di Monza, infatti, circa venti minuti dopo la segnalazione di un cittadino, era già sul posto, verificava l’accaduto stendendo un regolare rapporto e coinvolgeva la ditta incaricata per lo smaltimento dei corpi degli animali morti sul territorio del Comune di Monza.

Ci dispiace molto per l’equivoco dovuto sicuramente all’accavallarsi di notizie alimentato dall’emozione che il fatto stava suscitando nei segnalanti. ENPA di Monza ribadisce la propria fiducia nell’operato della Polizia Locale con la quale esiste da moltissimi anni un ottimo rapporto di collaborazione in tutte quelle situazioni nelle quali siano coinvolti animali e per le quali viene da noi richiesto, e sempre accordato, supporto e aiuto.

ENPA e Polizia Locale rinnovano l’invito a fornire informazioni utili a quei cittadini che siano stati in qualche modo testimoni di questo atto incivile e crudele.

Pubblicato il 18 febbraio 2022

Gighen e Ghemon, i fratelli più belli del mondo, cercano casa!

Oggi vi raccontiamo una storia iniziata l’inverno del 2020 nelle splendide isole Eolie quando un gruppo di volontari salva dalla strada una bellissima cucciolata di simil bracchi. Sperduti chissà dove sul territorio non avrebbero probabilmente avuto vita facile da soli, cosi piccoli e fragili.

Dalla Sicilia alla Brianza

Vengono subito recuperati, vengono prestate le prime cure e dopo la prassi sanitaria di norma, nel maggio del 2021 due di questi splendidi cuccioli arrivano al canile a Monza in cerca di fortuna.

Ebbene sì, stiamo parlando proprio di Gighen e Ghemon! Certo non è facile per due piccoletti cambiare vita, abitudini e trovarsi in un posto molto lontano da quello che probabilmente conoscevano come la loro “casa”.

Un po’ di paura ma tanti progressi

Le prime uscite nei nostri recinti e in passeggiata dal canile sono caratterizzate da tanta paura: si muovono solo insieme e, liberi in recinto, cercano quasi di nascondersi dietro ai fili d’erba. Cominciano i primi lavori con loro con educatori, istruttori e volontari, conquistati da quei cuccioloni cosi belli e così timidi.

Il primo obiettivo è fargli prendere fiducia nell’uomo che sicuramente hanno avuto poco modo di conoscere, e successivamente abituarli al meglio a quello che potrà essere il loro nuovo contesto di vita.

Inutile dire che, come sempre succede, i cani non mancano di stupirci e, in breve tempo, pur mantenendo un fondo di timidezza, fanno dei grandissimi passi avanti. Cominciano a rapportarsi con più persone, con altri cani, iniziano ad apprezzare i giochi in recinto, e chi più ne ha più ne metta.

Un’adozione difficile, ma non impossibile!

Passano i mesi e molti loro compagni di box – anche più “difficili” di loro -trovano famiglia, mentre Gighen e Ghemon aspettano fiduciosi il loro turno. E a maggio festeggeranno una non invidiabile ricorrenza: un intero anno passato nella nostra struttura!

A noi non sembra per niente giusto, e per questo vi chiediamo una mano per trovare a questi due giovani fratelli la famiglia e la casa che meritano, separatamente o, perché no, anche in coppia, visto che sono molto legati tra loro.

Aiutateci a cambiare il loro destino! Sul nostro sito trovate le loro schede qui e qui  con tutti i dettagli e sono anche adottabili a distanza.

Se pensate di poter essere il loro lieto fine, contattate il rifugio di Monza a canile@enpamonza.it o telefonare allo 039-835623 (tutti i giorni dalle 14.30 alle 17.30). Saremo lietissimi di darvi un appuntamento per venire a conoscerli.

In questo simpatico video, vedete i due fratelli al parco canile di Monza.

Pubblicato il 22 febbraio 2022

Monza, inquietante ritrovamento: una gallina appesa a testa in giù

ATTENZIONE: vi invitiamo a leggere l’importante rettifica a questo articolo QUI.

Mai avremmo pensato di vedere cose simili nella nostra città.

Domenica 13 febbraio una gallina morta è stata trovata a testa in giù, appesa al cancello dell’ex mercato del bestiame, in via Procaccini, proprio là dove fino a non molto tempo fa il giovedì mattina stazionava uno squallidissimo banchetto di vendita di pollame vivo.

A fare il macabro ritrovamento domenica pomeriggio, guardando dalla finestra di casa sua, è stata Cinzia. La ragazza è scesa subito a vedere, per verificare e arrivata all’altezza del cancello si è accorta che si trattava di una povera gallina, con le zampe e il becco legati da filo di ferro.

Cinzia ha immediatamente allertato la Polizia Locale, sentendosi rispondere che sarebbero passati di lì a breve. Non vedendo arrivare nessuno, dopo diverse ore, Cinzia li ha richiamati, ricevendo come risposta che il compito di ritirare animali morti sul territorio del Comune di Monza è stato appaltato alla ditta Sangalli, quella dei rifiuti. Risposta sicuramente corretta da un punto di vista tecnico ma altrettanto sconcertante, tenuto conto del fatto che qui non si trattava di un animale investito o a bordo strada ma esposto al pubblico e pertanto meritevole di un minimo di indagine.

Un’inutile crudeltà

Lascia infatti sconcertati la modalità dell’esposizione dell’animale, il luogo e il fatto che, dalla presenza del fil di ferro sul becco, l’uccisione sia stata effettuata con metodi dolorosi e crudeli.

ENPA non può fare ipotesi su quanto avvenuto, anche perché, i due volontari del Nucleo Antimaltrattamento inviati sul posto, appena avuta la notizia, non hanno più trovato il corpo dell’animale.

Possiamo invece chiedere a chiunque abiti nella zona di contattarci, anche in anonimato, nel caso abbia visto qualche cosa o qualcuno che ci possa aiutare a identificare l’autore di questa barbara bravata.

Mail: maltrattamenti@enpamonza.it.

Pubblicato il 14 febbraio 2022; aggiornato il 18 febbraio con la rettifica in alto.

Giornata del Gatto, ENPA si fa in due! Banco in centro Monza sabato 19 e domenica 20 febbraio

Il prossimo weekend ENPA di Monza e Brianza torna a celebrare la Giornata Mondiale del Gatto, che ricorre ogni anno il 17 febbraio, allestendo un doppio banco a tema felino in centro Monza. Già, perché i volontari saranno presenti sia sabato 19 che domenica 20 febbraio in Via Italia, a due passi da Largo Mazzini, nei pressi della Feltrinelli, dalle 9.30 alle 18.30.

Troverete il nostro banco stracolmo di imperdibili idee regalo per i vostri mici, con molte novità e una selezione di interessanti libri a tema.

Il mondo felino tra immagini e parole

Per festeggiare i nostri amici baffuti come si deve, al nostro gazebo in Via Italia potrete rivedere l’apprezzatissima esposizione fotografica Il mondo felino, tra immagini e parole”, realizzata per la Giornata del Gatto del 2021 (immagini sotto).

In sei grandi cartelloni troverete 36 ritratti di gatti, tra cui molti addottati al gattile di Monza o appartenenti alla colonia felina di Via Buonarroti. Ciascuna immagine pone l’accento su una caratteristica o un aspetto particolare della vita dei gatti, abbinando a ognuna un celebre aforisma, battuta o proverbio.

.

L’Asilo dei Cuccioli e consigli felini

Al banco troverete inoltre due cartelloni dedicati all’Asilo dei Cuccioli, importante reparto “virtuale” formato da volontari che, assieme alle loro famiglie, accudiscono a casa propria uno o più gattini di varie età, con il supporto dello staff ENPA. L’iniziativa ci permette di salvare, crescere e portare all’adozione tanti micini che spesso arrivano in Gattile terrorizzati e in bruttissime condizioni di salute. Se sei interessato a saperne di più, vieni a parlarci al banco!

Nelle foto qui sotto e in fondo, solo alcuni delle centinaia di gattini che sono passati per il nostro Asio dei Cuccioli!

Come è ormai nostra consuetudine, saranno a vostra disposizione per i due pomeriggi di sabato e domenica due volontarie ENPA, consulenti della relazione felina SIUA, che risponderanno alle richieste di informazioni e di consigli sul comportamento dei vostri gatti.

.

Iscrizioni e offerte

Naturalmente sarà possibile iscriversi (o rinnovare l’iscrizione) alla nostra associazione per l’anno 2022 o fare un’offerta libera per aiutare gli animali che proteggiamo e curiamo 365 giorni all’anno.

.

Social: tornano i video-slideshow con una simpatica novità

Da giovedì 17 febbraio sui nostri social (Facebook e Instagram) potrete visionare una nuova versione dei quattro mini video-slideshow realizzati con i ritratti dell’esposizione fotografica “Il mondo felino”. La novità? Abbiamo rieditato gli slideshow inserendo, in voiceover, la frase abbinata a ogni immagine. Ringraziamo la giovane attrice in erba, Zoe Salmi, che ha gentilmente prestato la voce.

.

Pubblicato il 14 febbraio 2022

Animali nella Costituzione Italiana: un evento storico!

Con il via libera definitivo della Camera, l’8 febbraio 2022 la tutela dell’ambiente edegli animali è entrata nella Costituzione italiana.

La Camera, infatti, ha approvato definitivamente (468 voti a favore, un contrario e sei astenuti) la proposta di legge costituzionale che modifica in tal senso gli articoli 9 e 41. Così si completa l’iter parlamentare necessario al varo della riforma che introduce tra i principi fondamentali della nostra Carta la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli animali.

«Penso che sia una giornata epocale», è il commento del ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, mentre Palazzo Chigi scrive di una «giornata storica per il Paese che sceglie la via della sostenibilità e della resilienza nell’interesse delle future generazioni».

Festeggiano le associazioni animaliste e ambientaliste per una vittoria che arriva dopo tanti anni di lavoro e di battaglie. La tutela degli ecosistemi e della biodiversità sono obiettivi che non si possono raggiungere se non attraverso la tutela delle specie animali. È un passo importante, una bella notizia a cui ora bisogna far seguire i fatti. Non è un punto di arrivo il risultato di oggi, ma di partenza, anzi di ripartenza, che darà a tutta l’Italia civile e alle associazioni di volontariato più forza e determinazione.

«Se c’è una cosa che questa emergenza sanitaria dovrebbe averci insegnato – commenta Carla Rocchi, presidente nazionale ENPA – è che il rapporto con la natura e la fauna è assolutamente da ripensare. Non esiste l’idea di salvare il pianeta senza pensare all’ecosistema. I politici devono capire che quando parlano di ecologia non possono considerare solo il paesaggio. Qualunque progetto o iniziativa deve comprendere anche gli animali, a partire dall’abolizione degli allevamenti intensivi, inaccettabili non solo da un profilo etico, visto la crudeltà che li caratterizza, ma anche da quello sanitario e ambientale.»

Una battaglia cominciata 24 anni fa

La lotta ebbe inizio nel lontano 1998 con la prima proposta di legge italiana per il riconoscimento degli animali nella Costituzione. La presentarono ventuno coraggiosi deputati di tutti gli schieramenti politici, a prima firma Annamaria Procacci (Verdi), oggi consigliere nazionale ENPA e responsabile Fauna Selvatica e Ambiente.

Vi invitiamo a leggere il commento del presidente della LAV, Gianluca Felicetti, anch’egli tra gli autori di quella prima proposta di legge, in cui traccia il contesto storico di questo importante risultato.

Vi consigliamo infine la lettura di questa articolata analisi costituzionale su Wired.

Pubblicato il 14 febbraio 2022

Sabato 19 febbraio: raccolta cibo all’Oasipet di Albiate

Ad appena due giorni dalla Giornata del Gatto, festeggiata il 17 febbraio di ogni anno, ENPA torna per una nuova raccolta cibo “felina” al Oasipet di Albiate (MB).

I volontari ENPA vi aspetteranno sabato 19 febbraio dalle 9,30 alle 18,30 orario continuato al supermercato per animali in via Milano 3. Nel cortile interno cè un comodo parcheggio per i clienti.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di raccogliere alimenti per i numerosi gatti liberi delle colonie feline sul territorio seguite da ENPA e da diversi tutori, 365 giorni all’anno. La nostra richiesta è pertanto principalmente di cibo per gatti preferibilmente “umido” di media qualità in lattine da 400g, ideale per riuscire a sfamare numeri elevati di mici.

Come funziona la raccolta?

Le modalità sono quelle di sempre. Mentre fate la spesa, potete mettere nel vostro carrello una o più scatole di alimenti per mici. Vanno pagate alla cassa e poi consegnate ai volontari al banco ENPA all’uscita del negozio, dove verranno smistate e registrate.

Chi dona anche una sola scatola o busta di cibo potrà scegliere una delle figurine di ringraziamento che ritraggono alcuni dei numerosi gatti della storica colonia di Via Buonarroti di Monza, aiutati grazie alla raccolta.

ENPA ringrazia Oasipet per questa iniziativa solidale, e naturalmente i clienti che vorranno dare una mano ai mici di nessuno.

La prossima raccolta alimentare

Dopo quello del 19 febbraio, il prossimo appuntamento presso Oasipet sarà sabato 5 marzo, sempre al punto vendita di Albiate.

Sito: www.oasipet.it



Pubblicato il 14 febbraio 2022

Orsi in Trentino: ancora nel mirino

Non c’è pace per gli orsi in Trentino. L’ENPA, infatti, è venuta a conoscenza delle gravissime dichiarazioni dell’assessore all’Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca della Provincia di Trento, Giulia Zanotelli, che, rispondendo a un’interrogazione parlamentare, ha affermato che «non è prevista la collocazione di altri esemplari nella struttura del Casteller ai fini della loro captivazione permanente. Eventuali ulteriori esemplari che mettano a rischio la sicurezza pubblica saranno rimossi mediante abbattimento».

Dunque ora che è stato dimostrato che la detenzione al Casteller è intollerabile e foriera di possibili ulteriori denunce, gli amministratori risolvono la questione con i fucili?

La reazione di ENPA

Non si è fatta attendere la risposta di ENPA: «Non lasceremo che continuino a portare avanti questa campagna elettorale sulla pelle degli orsi – afferma Carla Rocchi, presidente nazionale ENPA – è gravissimo che le istituzioni si abbandonino a proclami che servono solo ad alzare il livello dello scontro, in una politica feroce, che viola i pronunciamenti del Consiglio di Stato, contraria alla posizione europea e che non va incontro ai veri problemi dell’agricoltura; la marginalizzazione, l’aumento dei costi che ricadono per intero sui produttori, la scarsa attenzione per l’agricoltura di montagna a favore della più potente lobby dell’agricoltura di pianura».

Anche l’ora JJ4 a rischio

«Con grande indignazione – continua Carla Rocchi – apprendiamo anche che, nonostante le varie sentenze, e nonostante sia stato comprovato che JJ4 non è pericolosa per nessuno, quest’orsa anziana, elusiva, che ha vissuto sempre nascosta, lontana dall’uomo, è, contro ogni logica, monitorata, al fine di poterla abbattere.

Ma l’ENPA non starà a guardare – prosegue la presidente Rocchi -. Ci muoveremo con decisione nelle sedi preposte, sapendo di avere dalla nostra parte la ragione della verità. Posto che la presenza dei grandi carnivori non potrà mai più essere cancellata, come la Lega sa benissimo, nonostante le dichiarazioni meramente elettoralistiche, così la Provincia Autonoma di Trento non fa il bene di nessuno: né delle persone, né degli animali, né del nostro rapporto con l’Europa».

Pubblicato il 14 febbraio 2022

“Nonno Micio”: ultimi giorni per iscrivervi alla conferenza di venerdì!

Vi ricordiamo che venerdì 18 febbraio abbiamo organizzato un’interessantissima serata dedicata agli gatti anziani e alle loro famiglie – ma anche ai tanti volontari e operatori che si dedicano a loro presso gattili, oasi e a casa propria.

Le relatrici saranno Chiara Tocco, Consulente della Relazione Felina, e la Dott.ssa Anna Tomain, Medico Veterinario.

Si potrà partecipare o in presenza presso il rifugio di Monza o in diretta online su Zoom. In quest’ultimo caso vi manderemo via mail il link per collegarvi (non occorre scaricare il programma).

È comunque obbligatorio compilare il Form d’Iscrizione sul sito ENPA.

Per tutti i dettagli e il programma, leggete il nostro articolo qui.

Conferenza venerdì 18 febbraio: “Nonno Micio: gli anni del tramonto del nostro gatto e come aiutarlo a viverli bene”.

Per festeggiare degnamente la Giornata del Gatto, che ricorre ogni anno il 17 febbraio, ENPA di Monza e Brianza organizza per la serata di venerdì 18 febbraio un interessante incontro per scoprire come accompagnare serenamente il gatto senior nel suo ultimo spicchio di vita e affrontare alcuni problemi tipici della terza età.

L’incontro si svolgerà alle ore 21,00 sia in presenza sia in diretta online.

Le relatrici saranno Chiara Tocco, Consulente della Relazione Felina, e la Dott.ssa Anna Tomain, Medico Veterinario (vedi profili in fondo).

Programma della serata

Le relatrici affronteranno temi quali

  • cos’è l’invecchiamento e come differisce da quello umano
  • alcune malattie tipiche del gatto anziano e quando è opportuno rivolgersi al veterinario
  • l’importanza della prevenzione
  • i segnali comportamentali più frequenti dell’età che avanza e come agire
    • relazione: come migliorarla e rafforzarla
    • ambiente: eliminare barriere per renderlo più accogliente
    • giochi: stimolarlo in modo adeguato
    • alimentazione: come rendere appetibile il cibo
    • lettiera ed evacuazione
  • cause di stress per un gatto anziano e come evitarle.

Ci sarà naturalmente l’opportunità per il pubblico (sia quello presente in sala che chi partecipa online) di porre domande alle relatrici.

Modalità per partecipare

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

  • in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti. I partecipanti devono essere muniti di Green Pass rafforzato e mascherina FFP2;
  • online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.

La partecipazione all’evento è a offerta libera. Il ricavato della serata sarà destinato interamente a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

.

Identikit delle relatrici

Chiara Tocco: diplomata come consulente della relazione felina presso la Scuola di Interazione Uomo-Animale (SIUA), ha ottenuto inoltre la qualifica di consulente del benessere etologico del gatto presso il Centro Cultura Felina ed è iscritta al corso di Veterinary Nursing presso Abivet. Opera a Monza e sul territorio brianzolo come consulente comportamentale e catsitter professionale. Contatti: sito / mail chiara.tocco@gattastrofe.com /  telefono 327-0477905.

Dott.ssa Anna Tomain: laureata a pieni voti presso la facoltà di Medicina Veterinaria di Milano, fa parte dello staff medico della Clinica Veterinaria Nobili di Meda (MB). I suoi interessi comprendono l’oftalmologia e la citologia e ha svolto il tirocinio e tesi presso il Centro Recupero Animali Selvatici di Vanzago (MI). Figlia d’arte (papà Walter è direttore sanitario del rifugio di Monza), Anna si occupa pure lei degli ospiti del rifugio ENPA di Monza. Sito Clinica Nobili.


Le immagini: i gatti nelle foto sono tutti anziani ospiti o ex ospiti del gattile di Monza.

Pubblicato il 05 febbraio 2022

Recuperato al parco di Monza un coniglio XXL

Non è stato affatto facile il recupero di un coniglio bianco di razza New Zealand al parco di Monza. L’animale, con tutta probabilità sfuggito ad un allevamento di conigli da carne e destinato alla macellazione, è stato visto zampettare vicino alla cancellata del parco ma non ne voleva sapere di essere catturato.

Per fortuna uno dei Park Angels (le sentinelle volontarie che vigilano sul patrimonio verde e sugli animali selvatici del Parco e della Villa Reale di Monza), che ringraziamo per il tempestivo intervento, aiutato da due runners, è riuscito nell’intento. E il lagomorfo, finalmente sistemato in un trasportino, è arrivato al rifugio di Monza.

Foto sopra, il coniglio sistemato nel trasportino.

Video sotto, durante i tentativi di catturarlo.

Una casa per Jameson e gli altri giganti

Al rifugio di via San Damiano il coniglione bianco si è rivelato molto attivo ed è stato battezzato “Jameson“, prendendo il posto di Irlanda, anche lei una coniglia New Zealand, che era praticamente la sua fotocopia.

Già, perché Irlanda, insieme al suo amico Pico, coniglietto nano, ha trovato finalmente una famiglia che non si è fermata alle sue dimensioni (nella foto sotto, Pico e Irlanda al rifugio di Monza).

Troppo spesso, infatti, chi vuole adottare un coniglio lo cerca di piccola taglia, convinto che un coniglio di taglia extralarge sia troppo impegnativo. In realtà i “giganti” sono affettuosi quanto i cugini di taglia piccola e, proprio grazie alle dimensioni, meno delicati da gestire.

Info: Chi volesse avere notizie sull’adozione di Jameson o sugli altri conigli ospitati nella struttura di Via San Damiano 21 può scrivere a selvatici@enpamonza.it

Le schede dei conigli possono essere consultate QUI.

Pubblicato il 03 Febbraio 2022

Collier, una splendida favola: il primo anno in famiglia!

Collier, una femmina simil labrador di circa 5 anni, ha vissuto nella sua pur breve vita momenti veramente drammatici: nel novembre 2020, infatti, viene trovata accanto a una delle tante baracche tirate su nella piana di Gioia Tauro (RC), agonizzante a causa di una profonda ferita alla gola. (Leggi qui il nostro articolo)

Recuperata dai volontari della sezione ENPA di Gioia Tauro, viene sottoposta a un complesso intervento chirurgico (ben 260 punti di sutura) prima di cominciare una lunga convalescenza e arrivare al rifugio di Monza il 10 gennaio 2021, per darle più chance di adozione.

Un’adozione rapidissima

Speranze del tutto esaudite: dopo appena 12 giorni si presentano in canile Vito, Giovanna e la loro figlia Chiara, ben decisi a dare alla piccola Collier la casa e l’amore che merita.

È passato un anno e questa splendida famiglia ci manda una lettera altrettanto splendida di cui vogliamo farvi partecipi:

«Buongiorno, volevamo condividere con voi il primo “compleanno” di Collier con la sua nuova famiglia. È passato un anno da quando è cominciato l’affido. Siamo molto contenti della scelta fatta ma ciò che è più importante anche Collier sembra felice. La nostra esperienza è molto positiva e vogliamo ringraziare tutti i volontari dell’ENPA per il lavoro prezioso che svolgono a Monza e in tutta Italia».

E se loro ringraziano l’ENPA, siamo noi a ringraziare Vito, Giovanna e Chiara per la loro decisione che ha rivoluzionato in meglio la vita di Collier.

Pubblicato il 03 Febbraio 2022

Una Vita in Moto: tra ricordi, riflessioni e saggezza. I diritti d’autore destinati all’ENPA.

È un delizioso volume, quello del lissonese Mario Arosio, per la collana “Storie Positive”, una serie pensata principalmente per i giovani che entrano nel mondo del lavoro.

Nel libro Mario spazia dagli errori (propri e altrui) ai successi, dai comportamenti giusti e sbagliati ai cambiamenti culturali, con riflessioni sul lavoro di squadra e sulle doti del vero leader.

La Brianza degli anni ‘60 e ‘70

Ma Una Vita in Moto sarà apprezzato da lettori di tutte le età, compreso chi ricorda la Brianza di una volta dove l’autore ha trascorso la sua infanzia e gioventù. Classe 1950, Mario Arosio ci fa entrare infatti, nella quotidianità di quell’epoca, la vita in famiglia, i mestieri di una volta, i personaggi conosciuti nei quartieri di Lissone… I tanti ricordi sono raccontati con nostalgia e un tocco di humour, che non guasta mai. Impagabile l’aneddoto sul suo cane Keber, portato a casa dal padre al rientro dalla guerra, che durante una delle sue quotidiane fughe investì un ciclista che prontamente si presentò a casa Arosio con il dettagliatissimo elenco dei danni da risarcire, compreso il pettinino rotto, indispensabile accessorio che ogni uomo a quei tempi portava con sé.

L’autore e l’ENPA

Manager internazionale, imprenditore, presidente del Moto Guzzi World Cup, Mario da sempre è anche un appassionato di animali ed è stato per molto tempo segretario e tesoriere, negli anni settanta, della Protezione Animali monzese accanto a Giorgio Riva (tuttora presidente della sezione).

È padre di due figli e nonno di quattro nipotini, la figlia primogenita Elena ha ereditato il suo amore per gli animali, diventando una brava veterinaria e prestando servizio anche presso il rifugio ENPA di Monza. Nel libro non manca una riflessione sul rapporto dei bambini con il mondo animale.

Oggi Mario e la moglie vivono con un anziano cagnolino, Pascià (nelle foto), adottato piccolissimo, 14 anni fa, al canile di Monza, poche ore dopo il suo arrivo in seguito a un bruttissimo incidente stradale.

Il titolo del libro naturalmente si riferisce alla sua passione per le due ruote ma anche al fatto che non ha mai smesso di fare e creare nuove cose, perfino oggi che di anni ne ha 71.

“Prestare attenzione a tutto ciò che ci circonda significa osservare e riflettere. Sono una infinità gli scenari o i modelli disponibili, ma operare le scelte non è facile: gli errori sono sempre dietro l’angolo, ma non bisogna mai fermarsi, bisogna restare perennemente in moto.”

Info per l’acquisto

Una vita in moto.” Un’esistenza sempre attiva e le riflessioni sui valori e i comportamenti personali e professionali che l’hanno caratterizzata”. In vendita online al prezzo di €13 QUI.

I diritti d’autore sono destinati all’ENPA sezione di Monza e Brianza.

Le immagini: la copertina del libro; l’autore durante un evento del Moto Guzzi World Cup a Monza nel 2009; con i nipotini e con l’anziano cane Pascià.

Pubblicato il 3 febbraio 2022

Chiusa la stagione venatoria, uccisi per divertimento milioni di animali, già stremati dagli incendi

Il 31 gennaio si è chiusa la stagione venatoria 2021/2022. Purtroppo, però, non cessano gli escamotage per consentire al popolo delle doppiette di imbracciare comunque i fucili, complici le regioni che violano la legge nazionale 157 del 1992, le sentenze di Tar e Corte Costituzionale e i pareri scientifici.

«Neanche gli incendi devastanti che hanno ucciso milioni di animali e distrutto habitat di fondamentale importanza per la biodiversità hanno indotto le regioni a fermare la caccia o a posticiparne l’apertura. Come ogni anno ENPA, con le altre associazioni ambientaliste e animaliste, è dovuta intervenire per fermare questo scempio».

E nella regione lombarda?

Per quanto riguarda la nostra regione, non c’è di essere orgogliosi: la Lombardia, infatti, è stata bocciata dal Tar regionale per aver consentito calendari illegittimi, calpestando le indicazioni del Ministero dell’Ambiente, dell’Ispra e dell’Unione Europea.

«Ogni anno – continua ENPA – mentre la crisi del Pianeta, con i cambiamenti climatici, la cementificazione, l’inquinamento e la distruzione degli habitat, avanza, regioni e politici elargiscono favori alla caccia, alimentati dall’allarmismo sulla fauna selvatica, con concessioni palesemente illegittime e fotocopia di quelle già bocciate dalla Giustizia, il tutto per non perdere una manciata di consensi. Ci auguriamo che amministratori e funzionari paghino finalmente di tasca loro gli abusi perpetrati nel corso degli anni. Invitiamo le istituzioni a rispettare la legge nazionale 157/1992, mai applicata nella sua interezza ma che il fronte pro caccia vorrebbe stravolgere, cominciando dalla gestione faunistica, attualmente caratterizzata dallo sparo libero e svuotata dei contenuti scientifici e priva di metodi ecologici

Peste suina, altro regalo ai cacciatori

Ci voleva la peste suina. E così Coldiretti e Regione Lombardia hanno deciso di intensificare la caccia al cinghiale (ricordiamo che nel triennio 2019-2021 sono stati sterminati quasi 30.000 capi). La nostra regione inoltre, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi che ha del tutto ignorato i piani di contenimento proposti dall’Ispra, ha approvato una delibera che autorizza i contadini al controllo selettivo degli ungulati, considerati tra l’altro i principali vettori della peste suina. Gli agricoltori che subiranno danni, quindi, potranno indicare due operatori abilitati per uccidere i cinghiali che arriveranno sui loro terreni.

È davvero “colpa” dei cinghiali?

Ma sono davvero i cinghiali i responsabili della comparsa della peste suina? Stando agli esperti dell’Ispra sembrerebbe proprio di no: la comparsa del virus è totalmente indipendente dalle densità di cinghiale. Le popolazioni di cinghiale infette più vicine all’Italia vivono a diverse centinaia di km di distanza. La comparsa dell’infezione nel cinghiale in Piemonte e Liguria è sicuramente dovuta all’inconsapevole introduzione del virus da parte dell’uomo.

Un parere del tutto ignorato: troppo ghiotta l’occasione di fare ai cacciatori l’ennesimo regalo.

Pubblicato il 03 Febbraio 2022

LotterENPA 2022: ecco i fortunati vincitori!

È terminata la corsa ai biglietti della LotterENPA 2022, la lotteria benefica dell’ENPA di Monza e Brianza! Domenica 30 gennaio, presso la sede operativa dell’ENPA di Monza in Via Lecco 164, è stata effettuata l’estrazione dei cento biglietti vincenti. L’atteso evento si è svolto alla presenza di Cristina Pagani, funzionaria del Comune di Monza con funzione di notaio e lo specifico incarico di verbalizzare la regolarità dell’avvenuta estrazione (nella foto di gruppo, terza da sinistra), oltre al presidente ENPA Monza Giorgio Riva, al tesoriere Eva Giori e a diversi volontari della sezione.

LotterENPA sold out! 11.000 volte grazie!

Anche quest’anno la LotterENPA, lanciata in occasione della Benedizione degli Animali lo scorso ottobre, ha superato se stessa. Sì, perché tutti gli 11 mila biglietti della LotterENPA sono stati acquistati già con diversi giorni di anticipo!

Un grande contributo a questo risultato lo ha dato ancora una volta la vendita online: quasi un quarto dei biglietti (2.680 su 11 mila) è stato infatti acquistato tramite il nostro sito. Questo canale si conferma quindi una validissima alternativa, considerato il ridotto numero di eventi “in presenza”, le limitazioni per quanto riguarda gli spostamenti e, ancora, le persone costrette a casa in quarantena. La vendita online, inoltre, ci ha permesso di raggiungere numerose persone residenti fuori zona.

Grazie a tutti!

Il nostro caloroso GRAZIE va a tutti coloro che, malgrado il periodo difficile, hanno partecipato, consentendoci di accudire sempre meglio i tanti animali soccorsi e ospitati presso il nostro rifugio:

  • i commercianti, le aziende e i professionisti che hanno generosamente offerto i numerosi e ricchissimi premi
  • tutte le persone che hanno acquistato i biglietti
  • i negozianti, i volontari e anche i tanti sostenitori che si sono improvvisati venditori di biglietti, convincendo clienti, amici, parenti e colleghi a tentare la sorte.

VINCITORI E RITIRO PREMI

Ecco l’elenco dei cento biglietti vincenti con il relativo premio (cliccare sul numero a sinistra per visualizzare la cartolina virtuale). Complimenti a tutti i fortunati vincitori, che saranno comunque contattati telefonicamente nei prossimi giorni per ricevere indicazioni circa la riscossione del proprio premio.

01.  Biglietto n. 9905Cuccia-Divano “Wave” B.Pet, offerto da Bernardelli_Lissone

02.  Biglietto n. 1017Ritratto personalizzato di una persona o un animale, offerto da I Dalla Rovere_Luciana Tonetto

03. Biglietto n. 6573Stampante Laser Kyocera, offerto da StarX Srl_Lissone

04. Biglietto n. 7024Flama Lampada Danese Milano, offerto da Caprotti Luce_Monza   

05. Biglietto n. 10217Coppia di Guanciali in Myform Memory Air, offerto da Dorelanbed_Lissone

06. Biglietto n. 3924Orologio Swatch “Ocean Skin”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

07. Biglietto n. 4498Percorso Alimentare Dimagrimento 10gg, offerto da Diètnatural / Dott.ssa Maria Cristina Vichi_Monza

08. Biglietto n. 1422Servizio Fotografico Professionale con il tuo Pet a Domicilio, offerto da Simona Corsico, fotografa

09. Biglietto n. 7469Orecchini “Onda” in bronzo e pietre dure, offerto da Isabeau Gioielli_Monza

10. Biglietto n. 8125Pacchetto di 3 Lezioni Cinofile Personalizzate, offerto da Filippo Agretti, Istruttore ed educatore cinofilo FISC / Dog Gang_Seregno

11. Biglietto n. 5724Orologio Swatch “New Gent”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza   

12. Biglietto n. 902Orologio Swatch “New Gent”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

13. Biglietto n. 4010Test Intolleranze Alimentari, offerto da Diètnatural / Dott.ssa Maria Cristina Vichi_Monza

14. Biglietto n. 222Orologio Pryngeps da polso in acciaio, offerto da Castignoli Orologeria Gioielleria_Monza

15. Biglietto n. 10827Cena per 4 Persone, offerto da Spaltodieci_Monza

16. Biglietto n. 3518Consulenza Comportamentale Felina a domicilio, offerto da Juliet Berry, Consulente della relazione felina SIUA

17. Biglietto n. 8634Consulenza Comportamentale Felina a domicilio, offerto da Laura Tassi, Consulente della relazione felina SIUA

18. Biglietto n. 4567Adozione a Distanza per 6 mesi, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

19. Biglietto n. 4419Vaso Mosaico Artigianale Polimaterico, offerto da Rossella Riboldi, artista_Monza

20. Biglietto n. 5098Orologio Swatch “Quilted Time”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

21. Biglietto n. 9721Misuratore di Pressione Medel Sense, offerto da La Mia Farmacia_Lissone

22. Biglietto n. 10624Consulenza Nutrizionale Umana a Domicilio, offerto da Colombo Nutrizione / Dott. Mattia Colombo_Monza

23. Biglietto n. 6830Orologio Swatch “Countryside Edgyline”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

24.  Biglietto n. 2955Anello “Lustro” Swatch con cristalli Swarovski, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

25. Biglietto n. 1510Buono per Pranzo o Cena per 2 Persone, offerto da Osteria Da Bacco_Monza

26. Biglietto n. 1482Consulenza Cinofila “I 5 Sensi”, offerto da Daniela Cacciarru, Educatore ed istruttore cinofilo FICSS

27.  Biglietto n. 10358Ciondolo “Risveglio Nello Stagno” in bronzo e smalto traslucido, offerto da Isabeau Gioielli_Monza

28. Biglietto n. 5015Diffusore di Profumo Arhome con Bastoncini, offerto da Dorelanbed_Lissone

29. Biglietto n. 6868Tattoo di vostra scelta, offerto da DragonSpawn Studio_Bussero (MI)

30. Biglietto n. 1398Passeggiata Interattiva con il Proprio Cane, offerto da Silvia Ferrario, Educatore ed istruttore cinofilo SIUA FICSS

31. Biglietto n. 6618Orologio Flik Flak “Power Time”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

32. Biglietto n. 3103Abbonamento Digitale Annuale a un Settimanale a scelta, offerto dal Giornale di Monza / Gruppo Netweek

33. Biglietto n. 9021Abbonamento Digitale Annuale a un Settimanale a scelta, offerto dal Giornale di Monza / Gruppo Netweek

34. Biglietto n. 1223Cena per 2 Persone / Buono da 40 €, offerto da Heaven Door Pub_Seregno 

35. Biglietto n. 2221Cena per 2 Persone / Buono da 40 €, offerto da Heaven Door Pub_Seregno 

36. Biglietto n. 5753Consulenza Educazione Cinofila, offerto da Stefania Crippa, Educatore ed istruttore cinofilo SIUA FICSS

37. Biglietto n. 3260Seduta di Massoterapia, offerto da New Kinesis_Cabiate (CO)

38. Biglietto n. 8360Fotografia d’Autore, offerto da Samuele Parentella, Fotografo per Natura_Besana in Brianza

39. Biglietto n. 5885Candela Profumata Arhome, offerto da Dorelanbed_Lissone

40. Biglietto n. 2412Stampa Fotografica Personalizzata su tela 70×100 cm, offerto da FDF / Fotolaboratorio Digital Service_Monza

41. Biglietto n. 2067Orologio Flik Flak “Spooky”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

42. Biglietto n. 1356Orologio Flik Flak “Color Blast Green”, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

43. Biglietto n. 393Lezione di Mobility Dog in Natura, offerto da Cristina Ferrari, Educatore cinofilo SIUA FICSS

44. Biglietto n. 929Album “Ortensia” realizzato a mano, offerto da Hobby And Papers_Monza

45. Biglietto n. 9238Buono Acquisto Libri da 30 €, offerto da Virginia e Co._Monza

46. Biglietto n. 9450Cassa di Vino Cannonau, offerto da Cooperativa Agricola Gesuina Onnis_Monza

47. Biglietto n. 6585Cassa di Vino Vermentino, offerto da Cooperativa Agricola Gesuina Onnis_Monza

48. Biglietto n. 6066Aperitivo per Due Persone / Buono da 30 €, offerto da Moss_Monza

49.  Biglietto n. 8159Manicure con Gel Semi-Permanente, offerto da Naturalmente Beauty_Monza

50. Biglietto n. 8934Ingressi per 3 Persone alla Villa Reale di Monza, offerto da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza

51. Biglietto n. 1675Shampoo + Impacco + Piega, offerto da Sonia Hair_Monza

52. Biglietto n. 3811Cappello “KnotHat” Multicolore in Uncinetto, offerto da BiBi Fatto a Mano_Macherio

53. Biglietto n. 2652Cappello “KnotHat” Multicolore in Uncinetto, offerto da BiBi Fatto a Mano_Macherio

54. Biglietto n. 10634Bottiglia Termica Life Bottle, offerto da Alternativa Sfusa_Monza

55. Biglietto n. 9497Snack “Natures Taste”, 5 confezioni, offerto da Fido Village_Lissone

56. Biglietto n. 4901Tappetino Refrigerante 96 x 81 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

57. Biglietto n. 4490Tappetino Refrigerante 96 x 81 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

58. Biglietto n. 7740Bottiglia di Prosecco Extra Dry 70 cl, offerto da Shaker Club Café_Seregno

59. Biglietto n. 10990Buono Acquisto da 20 €, offerto da Alternativa Sfusa_Monza

60. Biglietto n. 5823Teglia di Pizza Margherita d’Asporto, offerto da Pizzeria–Birreria Il Coccio_Brugherio

61. Biglietto n. 1117Teglia di Pizza Margherita d’Asporto, offerto da Pizzeria–Birreria Il Coccio_Brugherio

62. Biglietto n. 10218Ingressi per 2 Persone alla Villa Reale di Monza, offerto da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza

63. Biglietto n. 434Buono da 20 € per Libri/CD/DVD/Cartoleria, offerto da Libraccio_Monza

64. Biglietto n. 3325Buono da 20 € per Libri/CD/DVD/Cartoleria, offerto da Libraccio_Monza

65. Biglietto n. 2294Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

66. Biglietto n. 3450Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

67. Biglietto n. 267Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

68. Biglietto n. 3145Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

69. Biglietto n. 615Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

70. Biglietto n. 10301Tappetino Refrigerante 90 x 50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

71. Biglietto n. 9349Set di Otto Calici da Liquore, offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

72 . Biglietto n. 9749Libro di Fotografia Naturalistica “Attimi Di Natura”, offerto da Samuele Parentella, Fotografo_Besana in Brianza

73. Biglietto n. 3493Libro di Fotografia Naturalistica “Attimi Di Natura”, offerto da Samuele Parentella, Fotografo_Besana in Brianza

74. Biglietto n. 5924Libro di Fotografia Naturalistica “Attimi Di Natura”, offerto da Samuele Parentella, Fotografo_Besana in Brianza

75. Biglietto n. 9481Birra Artigianale, Bottiglia da 75 cl, offerto da La Pentola Vegana_Monza

76. Biglietto n. 2708Snack “Natures Taste”, 3 confezioni, offerto da Fido Village_Lissone

77. Biglietto n. 5095Tappetino Refrigerante 65×50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

78. Biglietto n. 6354Tappetino Refrigerante 65×50 cm, offerto da Agriverde_Agrate Brianza

79. Biglietto n. 4636Abbonamento Digitale Annuale alla Rivista “Il Mio Cane”, offerto da Sprea Editori

80. Biglietto n. 9658Aperitivo Per Due Persone, Buono da 14 €, offerto da Shaker Club Café_Seregno

81. Biglietto n. 8837Mangime Secco per Cane ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

82. Biglietto n. 10225Mangime Secco per Cane ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

83. Biglietto n. 5134Mangime Secco per Cane ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

84. Biglietto n. 6492Mangime Secco per Cane ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

85. Biglietto n. 7031Mangime Secco Per Gatto ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

86. Biglietto n. 4918Mangime Secco Per Gatto ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

87. Biglietto n. 10171Mangime Secco Per Gatto ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

88. Biglietto n. 6853Mangime Secco Per Gatto ‘Amanova’, offerto da Oasipet_Seregno_Albiate

89. Biglietto n. 6959Gift Card da 10 €, offerto da Liquors_Unusual Bar & Tapas_Monza

90. Biglietto n. 1113Gift Card da 10 €, offerto da Liquors_Unusual Bar & Tapas_Monza

91. Biglietto n. 776Gift Card da 10 €, offerto da Liquors_Unusual Bar & Tapas_Monza

92. Biglietto n. 2922Gift Card da 10 €, offerto da Liquors_Unusual Bar & Tapas_Monza

93. Biglietto n. 4990Gift Card da 10 €, offerto da Liquors_Unusual Bar & Tapas_Monza

94. Biglietto n. 7792Cuffia Intra-Auricolare JBL T110, offerto da Leading Technologies Srl_Monza

95. Biglietto n. 2534Gift Card da 10 €, offerto da Gomez_Cocktail y Mexico_Monza

96. Biglietto n. 7405Gift Card da 10 €, offerto da Gomez_Cocktail y Mexico_Monza

97. Biglietto n. 4861Gift Card da 10 €, offerto da Gomez_Cocktail y Mexico_Monza

98. Biglietto n. 8819Gift Card da 10 €, offerto da Gomez_Cocktail y Mexico_Monza

99. Biglietto n. 6194Gift Card da 10 €, offerto da Gomez_Cocktail y Mexico_Monza

100. Biglietto n. 1532Abbonamento Digitale Annuale alla Rivista “Gatto Magazine”, offerto da Sprea Editori

PER INFO: lotterenpa@enpamonza.it

Pubblicato il 30 gennaio 2022

Sabato 22 gennaio: raccolta cibo all’Oasipet di Albiate

Questo weekend vede ENPA di nuovo ospite del supermercato per animali Oasipet di Albiate (MB).

I volontari ENPA e lo staff del punto vendita di via Milano 3 vi aspetteranno sabato 22 gennaio dalle 9,30 alle 18,30 orario continuato. Nel cortile interno cè un comodo parcheggio per i clienti.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di raccogliere alimenti per i numerosi gatti liberi delle colonie feline sul territorio seguite da ENPA e da diversi tutori, 365 giorni all’anno, Natale e Pasqua compresi. La nostra richiesta è pertanto principalmente di cibo per gatti preferibilmente “umido” di media qualità in lattine da 400g, ideale per riuscire a sfamare numeri elevati di mici.

Come funziona la raccolta?

Le modalità sono quelle di sempre. Mentre fate la vostra spesa, potete mettere nel vostro carrello una o più scatole di alimenti per mici. Vanno pagate alla cassa e poi consegnate ai volontari al banco ENPA all’uscita del negozio, dove verranno smistate e registrate.

Chi dona anche una sola scatola o busta di cibo potrà scegliere una delle figurine di ringraziamento che ritraggono alcuni dei gatti delle colonie aiutate grazie alla raccolta.

ENPA ringrazia Oasipet per questa iniziativa solidale, e naturalmente i clienti che vorranno dare una mano ai tanti animali che non hanno la fortuna di avere una famiglia.

La prossima raccolta alimentare

Dopo quello del 22 gennaio, il prossimo appuntamento presso Oasipet sarà sabato 19 febbraio, sempre al punto vendita di Albiate.

Ricordiamo inoltre che Oasipet ha offerto ben otto premi per la nostra LotterENPA 2022. L’estrazione dei 100 biglietti vincenti sarà domenica 30 gennaio – manca davvero poco!

Sito: www.oasipet.it


Pubblicato il 19 gennaio 2022

Befana degli Animali: appuntamento a Monza il 5 e 6 gennaio

Dopo lo stop forzato dello scorso gennaio, ritorna, anche se in forma ridotta, la tradizionale “Befana del Cane e del Gatto”. Per tutta la giornata di mercoledì 5 gennaio e la mattina di giovedì 6 gennaio i volontari ENPA saranno presenti in centro Monza sotto i portici dell’Arengario di Piazza Roma. Tutti i visitatori saranno accolti da una simpatica befana con tanto di scopa che offrirà caramelle ai più piccoli, pronta a posare per le immancabili foto! Ovviamente, per stare a passo con i tempi, la befana 2022 sarà dotata anche di mascherina FFP2.

ORARIO: mercoledì 5 gennaio, dalle 9,30 alle 18,30 circa; giovedì 6 gennaio, dalle 9,30 alle 14,00.

Come aiutarci?

Come sempre il nostro banco sarà ricco di oggettistica a tema animale e accessori da regalare ai vostri amici pelosi.

Troverete anche le composte bio “The Banker’s Jam” prodotte da un’azienda agricola di Besana in Brianza. In confezioni singole o multiple, sono senza zuccheri aggiunti e in tantissimi gusti. Fino a esaurimento scorte troverete inoltre gli squisiti frollini artigianali della Verde Grano, nei gusti cacao, zenzero e cannella, preparati nel laboratorio presso la Casa Circondariale di Monza. 

LotterENPA e CalENPAri 2022

Al banco potrete ancora acquistare i biglietti della nostra lotteria benefica (solo €1 uno) per tentare di aggiudicarvi uno dei 100 bellissimi premi in palio, prima dell’estrazione del 30 gennaio. Ricordiamo che è anche possibile acquistare i biglietti online. Per scoprire quali sono i premi e chi li ha donati, cliccare qui.

Chi ancora non l’avesse acquistato potrà regalarsi il CalENPArio 2022 in due versioni, da tavolo a €6 e da muro a €10, con le immagini di alcuni dei numerosi animali che sono, o sono stati, nostri ospiti al rifugio di Monza.

Iscrizioni, offerte e adozioni a distanza

Sono sempre gradite le offerte in denaro (i medicinali rappresentano la spesa più cospicua), oppure si può regalare l’adozione a distanza di uno degli ospiti del rifugio di Monza.

Chi volesse poi entrare a far parte della grande famiglia dei soci potrà sostenere le nostre attività con l’iscrizione all’ENPA di Monza e Brianza per il 2022 (50 € socio sostenitore; 25 € socio ordinario; 3 € socio giovanile, fino a 17 anni). Questa scelta vi farà sentire più coinvolti nella preziosa attività a favore degli animali svolta dalla nostra associazione. In più l’iscrizione garantirà la possibilità stipulare una polizza assicurativa che coprirà gli eventuali danni causati dai vostri animali (cani, gatti, cavalli, fino a tre animali per polizza) con un costo di soli 15 euro all’anno. Per informazioni cliccare qui.

Non c’è Befana senza calze!

Non mancheranno le nostre calze della Befana: con un’offerta minima di 10 € potete acquistare la simpatica calza degli animali piena di golosità e giochini per il vostro pet. Ogni calza è arricchita con un simpatico gadget in legno pirografato con l’immagine di un cane o un gatto o altri animali. Create esclusivamente per ENPA Monza, le bellissime calze saranno in due versioni, per cane e per gatto.

(NB. Le calze nelle immagini sopra sono di due anni fa.)

Punto raccolta cibo

Come è tradizione tutti potranno riempire la “calza virtuale” della befana dell’ENPA con alimenti per cani e gatti ospiti del rifugio.

Cosa serve maggiormente? Principalmente alimenti per gatti (soprattutto scatole di “umido”), scatolette specifiche per gattini (spesso denominate ‘kitten’), reperibili nei negozi specializzati per prodotti per animali, per gli ospiti del rifugio di Monza e soprattutto per i gatti delle colonie feline, ubicate sul territorio, come quella presso l’ex canile dismesso di Monza in Via Buonarroti.

Le stesse necessità per i cani, in particolare cibo umido per cani di buona qualità e per cuccioli e cuccioloni.


La befana vi aspetta anche al rifugio di Monza!

Per chi desidera portare i propri doni direttamente agli ospiti del canile-gattile di Monza, la struttura di Via San Damiano 21 sarà aperta al pubblico dalle 14,30 alle 17,30 anche giovedì 6 gennaio. Ricordiamo che le visite al canile-gattile sono ancora solo su appuntamento, ma per chi vorrà visitare il colorato mercatino allestito nella sala conferenze (foto sopra a sinistra), non è necessario prenotare. Per tutti però sono obbligatori Green Pass e mascherina.

Anche al rifugio il giorno dell’Epifania i visitatori saranno accolti da una simpatica befana che offrirà caramelle a tutti.

Pubblicato il 29 dicembre 2021

Accumulatore di gatti: aiuto per un maxi recupero

Nei giorni scorsi la sezione ENPA di Brescia è stata chiamata per intervenire in un contesto di grande disagio e di accumulo di animali (quello che in lingua inglese si chiama animal hoarding).

Già da subito la situazione è risultata drammatica e oltre ogni immaginazione, ma man mano che si procedeva i volontari si rendevano conto di essere di fronte a un recupero senza precedenti. Al 26 dicembre il “censimento” era di oltre 60 gatti, la maggior parte dei quali FIV positivi (ovvero affetti dalla sindrome dell’immunodeficienza felina), in condizioni igienico-sanitarie disastrose, fortemente disidratati e denutriti.

Il tempestivo intervento coordinato con i Carabinieri forestali e l’eccezionale collaborazione fra le associazioni sta permettendo la messa in sicurezza degli animali in tempi record, e la disponibilità da parte di tutti i veterinari interpellati è stata encomiabile.

Da dove arrivano i gatti?

I gatti sono frutto della mancata sterilizzazione all’interno di un appartamento che nel corso degli anni ha portato alla drammatica situazione che ENPA sta cercando di arginare oggi. Nessuno dei gatti è dotato di microchip e le informazioni raccolte sul posto rendono evidente che si tratti di un accumulo compulsivo dovuto alla riproduzione non controllata fra consanguinei.  Solamente al momento dello sfratto esecutivo degli occupanti dell’appartamento il proprietario dello stesso si è reso conto della situazione, allertando le associazioni zoofile del territorio.

Non si tratta, dunque, di animali prelevati sul territorio, smarriti o rubati e lo scriviamo consci di togliere ogni speranza ai numerosi proprietari che hanno smarrito il proprio animale. Ricordiamo che una delle garanzie per l’identificazione e la riconducibilità alla proprietà è il microchip, da quasi due anni obbligatorio anche per i gatti nella Regione Lombardia. 

I costi dell’operazione

ENPA sta lavorando per mettere tutti i mici in sicurezza con l’aiuto di volontari, veterinari, associazioni e forze dell’ordine. Questo maxi intervento, però, ha un costo elevato, si stima intorno ai 6.000 euro, una spesa che va a sommarsi alla normale attività di recupero e gestione degli animali che ENPA Brescia già svolge sul territorio di propria competenza.

Come dare una mano

ENPA di Brescia chiede a tutti gli zoofili una mano per affrontare questa situazione, per essere in grado di aiutare al meglio questi poveri animali che ora hanno bisogno di cure, terapie, esami, stalli, alimenti, e quant’altro.

Per contribuire potete donare quello che potete o tramite PayPal con questo link oppure tramite bonifico bancario con l’Iban IT47W0306909606100000178104. Causale: recupero gatti.

Naturalmente anche il più piccolo contributo è un grande aiuto, condivisioni comprese.

Guarda il VIDEO di alcuni dei gatti salvati su Facebook.

Per aggiornamenti, seguite la pagina Facebook di ENPA Brescia.

Leggi l’articolo pubblicato su Qui Brescia.

Pubblicato il 29 dicembre 2021

LotterENPA 2022: c’è ancora tempo per tentare la fortuna!

Non avete ancora acquistato dei biglietti della lotteria benefica dell’ENPA brianzolo? Cosa aspettate? C’è ancora tempo ma vi consigliamo di non aspettare oltre: sono proprio gli ultimi!

Partecipando alla LotterENPA 2022 non solo avrete la possibilità di vincere uno dei cento bellissimi premi, ma – cosa più importante – darete una mano a tutti gli animali che giornalmente accudiamo, curiamo e soccorriamo.



Quest’anno ci sono tante novità, a cominciare dal top prize, la raffinata cuccia-divano “Wave” della B.Pet realizzata in materiali pregiati, con uno stile contemporaneo, nella migliore tradizione dell’artigianato italiano, donata da Bernardelli di Lissone (cartolina sopra).

Per consultare l’elenco dei premi e le bellissime cartoline descrittive, come quelle in questa pagina, cliccate qui (articolo sul sito), o qui (Facebook).



Dove si possono comprare i biglietti?

I biglietti della LotterENPA (al costo di un euro l’uno) sono disponibili:

  • presso il rifugio di Monza in via San Damiano 21 tutti i giorni compreso l’Epifania (giovedì 6 gennaio), dalle 14.30 alle 17.30. (Attenzione, servono Green Pass e mascherina.)
  • in centro Monza in occasione della manifestazione “Befana del Cane e del Gattomercoledì 5 gennaio (9,30/18,30) e giovedì 6 gennaio (fino alle 14,00) sotto i portici dell’Arengario di Piazza Roma.
  • online sul nostro sito qui.   

L’estrazione dei 100 biglietti vincenti avverrà domenica 30 gennaio 2022 presso la Sede Operativa ENPA di via Lecco 164 alla presenza di un funzionario del Comune di Monza.


Pubblicato il 29 dicembre 2021

Festeggiare senza botti per proteggere animali e ambiente

Vietati ormai in moltissimi comuni, tra cui anche quello di Monza, castagnole, mortaretti e fuochi d’artificio sono da sempre fonte di stress e pericolo per moltissimi animali, sia domestici che selvatici. E ancor di più ogni anno provocano un considerevole numero di feriti, se non di vittime, tra gli esseri umani.

Lo scoppio dei fuochi artificiali, specie in piena notte, provoca negli animali danni inimmaginabili. Agli uccelli causano uno spavento tale da indurli a fuggire dai loro rifugi e volare nel buio anche per chilometri per poi andare a morire sfracellandosi su muri, alberi o cavi elettrici. Quelli che riescono ad atterrare o a posarsi su qualche albero spesso muoiono assiderati per le rigide temperature invernali o per la mancanza di un riparo. Senza contare i tanti animali selvatici che per lo scoppio dei botti possono morire per lo spavento.

Nei gatti e nei cani, dotati di un udito estremamente sensibile, gli scoppi pirotecnici sono fonte di un forte stress: il terrore provato è tale che li spinge a fuggire da giardini e recinti, per allontanarsi il più possibile dal rumore per loro insopportabile. Il destino di questi animali è purtroppo spesso segnato: lontano da casa non sono in grado di ritornare sui loro passi, e spesso finiscono coinvolti in incidenti stradali con gravi danni per loro e pericolo per gli automobilisti.

Negli animali di allevamento come mucche, cavalli e conigli, lo spavento provocato dalle esplosioni può provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto.

Come ogni anno, ENPA fa appello alle Autorità e al senso di responsabilità dei cittadini al fine di evitare dannosi spettacoli pirotecnici e invita tutti a festeggiare il nuovo anno in modo più rispettoso per tutti gli esseri viventi.

Qui sotto, il breve video realizzato da ENPA Monza e Brianza per sensibilizzare i cittadini sull’uso dei fuochi d’artificio.

.

Come proteggere il tuo pet: i consigli dell’ENPA

  • È sicuramente consigliabile avere la sicurezza della leggibilità del microchip del proprio cane (si può controllare presso il proprio veterinario) e verificare che riporti i vostri dati aggiornati (numero di telefono e indirizzo). Ricordiamo che in Lombardia, dal 1 gennaio 2020, il microchip è obbligatorio anche per i gatti
  • Utilizzare sempre una medaglietta identificativa o affine per i cani e per i gatti che sono abituati a uscire.
  • Portare il cane in passeggiata sempre al guinzaglio – non slegarlo mai.
  • Nei giorni cruciali delle feste, tenere gli animali (cani, gatti, conigli) temporaneamente chiusi in un luogo sicuro e protettivo, bloccando l’eventuale gattaiola o altro accesso all’esterno.
  • Assicurarvi che abbiano delle comode “tane” o rifugi dove ripararsi. Non costringeteli a stare vicino a voi se si sentono più al sicuro in un altro posto.
  • Se il vostro animale vive abitualmente all’aperto, sistematelo se possibile in un locale chiuso (taverna o garage) privo di oggetti che potrebbero ferirlo. Mettetegli a disposizione il suo giaciglio e alcuni oggetti a lui familiari (i suoi giochi preferiti, le ciotole e qualcosa da rosicchiare).
  • Se ha a disposizione un recinto, controllate che non possa scavalcarlo e che la chiusura sia integra.
  • Può essere opportuno tenere il volume dello stereo o della tv leggermente più alto del solito per coprire altri rumori esterni.
  • Mantenere un comportamento il più possibile calmo per non rinforzare le sue paure.
  • Nel caso un cane abbia già dato prova in passato di temere botti e fuochi d’artificio, è possibile prevenire il problema somministrando anche qualche giorno prima calmanti naturali che hanno grandi effetti benefici. Sono integratori, quindi possono essere assunti da animali di tutte le età senza problemi. In questo caso è bene quindi rivolgersi al proprio veterinario in anticipo per farsi consigliare la terapia più adatta al cane.
  • Infine, come raccomandazione generale, ricordiamo a tutti di non portare, per nessun motivo, i propri quattrozampe agli spettacoli pirotecnici. Oltre allo stress e allo spavento, può succedere di peggio. Un esempio per tutti? La morte della cagnolina Gemma il 31 dicembre del 2015 a Besana in Brianza (MB) per le ferite riportate in seguito allo scoppio di un petardo nel giardino condominiale.

Botti inesplosi: attenzione alla prima passeggiata dell’anno!

I danni che possono causare i festeggiamenti di San Silvestro non si esauriscono la notte del 31 dicembre: spesso sottovalutati, anche i botti inesplosi sono molto pericolosi sia per i cani sia per gli altri animali che mettono il naso fuori casa il primo giorno dell’anno. Fate molta attenzione a lasciar liberi i cani anche nelle aree cani e prestate molta attenzione a dove vanno ad annusare, allungando un occhio in modo da verificare che non vi siano nelle vicinanze botti inesplosi.

I danni all’ambiente

I botti di Capodanno sono nocivi anche per quanto riguarda l’inquinamento ambientale. Sebbene in modo temporaneo, infatti, apportano un consistente contributo alle concentrazioni di PM10 (le famigerate polveri sottili), registrando picchi significativi proprio dalla mezzanotte alle primissime ore del mattino del primo giorno dell’anno.

L’esplosione dei fuochi, inoltre, libera nell’aria una gran quantità di sostanze nocive come potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, cromo e piombo.

ENPA Monza e Brianza augura a tutti voi e ai vostri animali un fine d’anno sereno con la speranza di un nuovo anno ricco di “normalità”.

Pubblicato il 27 dicembre 2021

Buone feste e felice 2022

Ringraziando tutti i propri Soci e simpatizzanti per il sostegno e la fiducia ricevuti, la nostra sezione augura Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

Che il 2022 porti a tutti gli amici, a due e a quattro zampe, tanta serenità e amore reciproco.

.

Pubblicato il 23 dicembre 2021

Nutrie: il Comune di Villasanta fa una scelta di civiltà

La presenza nell’Area Feste di via Sauro a Villasanta (MB) di questi roditori di origine sudamericana, sfruttati come animali da pelliccia (chi non ricorda la pelliccia di castorino?) risale a settembre di quest’anno. Diverse segnalazioni, infatti, erano arrivate sia al Comune sia all’ENPA di Monza e Brianza. I volontari avevano immediatamente eseguito un sopralluogo per capire l’entità del problema e l’intervento migliore da eseguire.

Da tale sopralluogo era emerso che le nutrie, due esemplari adulti più due cuccioli, si erano insediati lungo un modesto corso d’acqua che fuoriesce dal parco di Monza, costeggia l’area feste per poi ritornare nel Lambro.

La sterilizzazione è l’opzione migliore

In un incontro tra l’Assessore all’ecologia Gabriella Garatti e il presidente dell’ENPA di Monza e Brianza Giorgio Riva è stata esaminata la situazione: la scelta proposta all’amministrazione comunale è stata quella di sterilizzare l’esiguo numero di esemplari individuati, anche perché l’area, circoscritta e dotata di cancelli per la chiusura notturna, presenta caratteristiche favorevoli all’attuazione di un programma di eradicamento non cruento. Tale opzione rispetta gli animali ed è considerata una soluzione efficace al problema delle specie alloctone infestanti: l’abbattimento infatti non esclude nuovi arrivi, mentre con la sterilizzazione gli animali presenti contrastano l’arrivo di altri esemplari e contemporaneamente non possono riprodursi.

Una scelta condivisa dall’amministrazione villasantese che si è immediatamente attivata per tutte le autorizzazioni necessarie a far partire la campagna di sterilizzazione, con il benestare del Consorzio Valle del Lambro e della Polizia Provinciale di Monza e Brianza. Al Sindaco Luca Ornago e all’Assessore Gabriella Garatti va il plauso di ENPA per questa scelta civile e intelligente.

Partita la “campagna simpatia”!

Per sensibilizzare i cittadini sulla presenza di questi roditori, del tutto innocui e simpatici (ma che hanno la sfortuna di assomigliare a enormi topi con tutte le paure che ciò comporta) e per informarli sulla campagna di sterilizzazione, il Comune ha già posizionato nella zona dove sono presenti alcuni cartelli “nutrie friendly” (sotto e in alto), realizzati in collaborazione con l’ENPA brianzolo. Ricordiamo che l’Unione Europea ha dichiarato valida la pratica di sterilizzazione e del rilascio in libertà di questi animali selvatici.

La campagna di sterilizzazione inizierà tra poco: all’ENPA il compito di prelevare gli animali, sterilizzarli e poi reinserirli sul territorio.

A parte il cartello, le altre foto sono di repertorio.

Pubblicato il 21 dicembre 2021

Lissone, un maialino alla fermata del bus.

Siamo purtroppo abituati a ogni tipo di abbandono e pertanto non ci dovrebbe sorprendere ciò che è accaduto la sera dello scorso 8 dicembre nel Comune di Lissone (MB). Il cane condotto a passeggio da alcuni cittadini si è fermato a fiutare con insistenza una scatola di cartone abbandonata presso la fermata di un autobus.

Dall’interno si sentivano i rumori tipici di un animale spaventato. Un’occhiata all’interno e la sorpresa… sdraiato sul fondo e terrorizzato, tra avanzi di mele c’era un piccolo maiale pezzato.

Immediatamente sono stati allertati i Carabinieri di Desio i quali hanno a loro volta attivato il servizio di zooprofilassi dell’ATS MB. L’animale è stato poi trasferito al rifugio di Monza gestito dall’ENPA.

L’ultimo arrivo

Il maialino, battezzato Peter, ha solo tre mesi, ed è un maialino nano thailandese (detto anche vietnamita o pancia a tazza).

È stato trovato in buono stato di salute e visitato anche dai veterinari ATS per gli obbligatori esami ematici. È comprensibilmente molto spaventato: gli è stato assegnato un box riscaldato con tanta paglia e segatura dove può giocare e nascondersi.

Federica, responsabile del reparto Animali Diversi del rifugio di Monza,  ha immediatamente impostato un menu personalizzato per farlo crescere bene e in salute. E ogni giorno i volontari passano con lui un po’ di tempo per socializzarlo e abituarlo alla presenza dell’uomo.

Nel filmato sotto, Peter mentre mangia.

I maiali sono di casa all’ENPA di Monza

Peter non è certamente il primo maiale arrivato all’ENPA di Monza.

Scrooge, Scroofy per gli amici (anch’esso un maiale thailandese), era arrivato nel dicembre 2014, accalappiato nel Bosco Urbano di Lissone dove si era rifugiato dopo una rocambolesca fuga da un circo in compagnia di un cammello. Aggredito dai cani, arrivato all’ENPA ferito e curato, era vissuto coccolato e viziato prima che un brutto tumore all’intestino lo portasse via nel marzo 2019.

Dopo Scrooge è arrivata Heidi (maialina vietnamita), ritirata in seguito alla scomparsa del suo proprietario in Brianza. Vive tuttora in un recinto tutto per lei ma ha imparato a interagire anche con gli altri animali della fattoria didattica.

Maiale: animale da compagnia?

Il più famoso maialino è stato sicuramente Max, il maialino nano di George Clooney, vissuto con la star hollywoodiana per ben 18 anni (sotto).

Ma è bene fare un po’ di chiarezza prima di farsi prendere dalla fretta di emularlo: l’aggettivo “nano”, infatti, è fuorviante, perché, mentre un maiale da carne può arrivare ai 200-300 chili (ma c’è chi arriva anche a 700), il maialino nano raramente si ferma a 30-40 chili, arrivando a pesarne anche 90.

Per quanto possa essere intelligente, curioso e affezionarsi ai membri della famiglia, è assolutamente inappropriato tenerlo in appartamento; ha bisogno di disporre di uno spazio all’aperto con un riparo adeguato e possibilmente una pozza d’acqua, perché, contrariamente a quanto si possa pensare, è un animale molto pulito.

Pubblicato il 22 dicembre 2021

Franklin, cucciolo sfortunato

Segnalazioni della sua presenza in un appartamento nel quartiere di San Fruttuoso a Monza e soprattutto di una presunta cattiva gestione erano arrivate a ENPA di Monza e Brianza.

Oggetto della segnalazione era un cucciolo di American Staffordshire Terrier. Come da prassi in caso di segnalazione, due volontari del nucleo Anti Maltrattamento di ENPA Monza si erano recati immediatamente sul posto, incontrando però l’aggressiva ostilità del proprietario a voler mostrare l’animale.

I volontari ENPA, non riuscendo a verificare lo stato di salute del cane –  anzi, non potendolo proprio vedere – si erano allora rivolti alla Polizia Locale e all’ATS, richiedendo ufficialmente un intervento congiunto.

Tale tipo di intervento abbisogna di tempi tecnici per trovare il giorno in cui entrambe le istituzioni preposte possano garantire la loro presenza. Nel frattempo le segnalazioni erano giunte anche a volontari dell’Oipa che con più fortuna riuscivano a vedere l’animale, paralizzato agli arti posteriori. Non riscontrando alcuna forma di maltrattamento, informavano di ciò Polizia Locale, ATS e ENPA, chiedendo un intervento risolutivo di soccorso sanitario.

Avviene il recupero

Giovedì 2 dicembre viene effettuato il programmato intervento congiunto tra volontari del Nucleo Antimaltrattamento ENPA, agenti del NOST di Monza (Nucleo Operativo Sicurezza Tattica) e Veterinario di ATS.

Effettivamente il povero cucciolo ha le zampe posteriori paralizzate, una condizione comunque che da un’attenta verifica non è stata determinata da maltrattamenti o cattiva gestione. Anzi, i proprietari hanno sottoposto il cucciolo a una visita veterinaria, senza però alcun riscontro risolutivo sulle cause. Occorrono altre indagini diagnostiche ed una gestione complicata che i proprietari non sono in grado di affrontare, e pertanto il cane viene ceduto a ENPA per essere trasferito al canile di Monza per le cure del caso.

Qui Franklin per la sua estrema dolcezza ha conquistato operatori e volontari: durante le ore lavorative sta con loro in ufficio, seguito e coccolato, mentre i veterinari dell’ENPA iniziano immediatamente una serie di visite e di esami accurati per giungere a una identificazione dei motivi della paresi. Nel frattempo viene fornito al cane un apposito carrellino per dargli la possibilità di interagire e giocare, compatibilmente con il suo handicap, con altri cani.

Un triste destino

Franklin la scorsa settimana è stato sottoposto ed accertamenti ematici, visita neurologica e Tac: purtroppo l’esito non poteva essere peggiore. È affetto da un tumore al midollo spinale inoperabile e soffre già di problemi al tratto urinario.

ENPA si sta impegnando in tutte le cure possibili per rendere la sua vita dignitosa e priva di dolore. Franklin dal canto suo fa di tutto per farsi amare! Nelle foto e video, si vede l’instancabile Franklin mentre gioca e corre!

Una vera adozione del cuore

Franklin (new entry del Progetto Famiglia a Distanza) è stato messo in adozione: sappiamo bene che non sarà facile trovare qualcuno disposto a prendersene cura e soprattutto a mettere in preventivo un’aspettativa di vita che purtroppo si preannuncia non lunghissima. Mai come in questo caso la sua adozione sarebbe davvero un’adozione del cuore!

Pubblicato il 22 dicembre 2021

In edicola l’album Amici Cucciolotti 2022!

Proprio così: la collezione delle figurine di Pizzardi Editore più solidale che c’è sarà in edicola già dal 21 dicembre.

Regalare l’album con le figurine Amici Cucciolotti 2022 significa donare un gioco divertente, un intrattenimento sorprendente che stimola la curiosità coinvolgendo il collezionista in un appassionante viaggio alla scoperta degli animali più belli e speciali del pianeta. Ma significa anche coinvolgere chi lo riceve in grandi iniziative di solidarietà.

Con otto bustine si riempie una ciotola

Anche nel 2022, infatti, Pizzardi Editore sostiene l’Ente Nazionale Protezione Animali riempiendo di cibo le ciotole degli oltre 30.000 trovatelli accuditi ogni giorno nei rifugi dai volontari. Bastano 8 bustine per riempire una ciotola; la collezione Amici Cucciolotti 2021 ne ha riempite oltre 5 milioni!

Torna anche il divertente Ciotolometro animato che vi permetterà in ogni momento di scoprire il numero delle ciotole già riempite. L’obiettivo del 2022 è superare il numero di ciotole riempite nel 2021 con il contributo di tutti i Cucciolotti d’Uomo che parteciperanno all’iniziativa completando il loro album.

Inoltre, Amici Cucciolotti 2022 mette a disposizione dei Plastic Busters, i ricercatori del progetto internazionale coordinato dall’Università di Siena, il Catamarano Salvadelfini attrezzato per la raccolta e lo studio delle microplastiche che inquinano le acque del Mediterraneo e mettono in pericolo la vita dei delfini, delle balene e degli altri animali marini.

Infine, come ogni anno, gli album e le figurine della collezione 2022 verranno regalati ai bambini ricoverati negli ospedali dove svolgono la loro attività i volontari Abio (Associazione per il Bambino in Ospedale).

In edicola l’album in due versioni

Quest’anno si può scegliere tra Album Classico e il nuovo Speciale Album Libro (sopra) con copertina esclusiva “soft touch”. Altra bella novità: nella bustina Amici Cucciolotti, oltre a 6 fantastiche figurine, c’è una nuovissima card da collezionare per divertirsi a giocare con gli amici.

16 anni di fianco all’ENPA

«Gli Amici Cucciolotti sostengono da 16 anni i trovatelli di cui ENPA si prende cura. Ogni figurina – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale ENPA – aiuta i nostri piccoli protetti ad avere una vita migliore e al tempo stesso sensibilizza generazioni di bambini e contribuisce a farne adulti consapevoli. Una formula rivoluzionaria che, nella sua semplicità, centra completamente l’obiettivo di coinvolgerli direttamente, comunicando il valore del rispetto per gli animali e per l’ambiente.»

Guardo lo spot trasmesso dalle maggiori emittenti.

Pubblicato il 21 dicembre 2021

“In vacanza con gli animali”: l’indagine dell’ENPA.

N.B. Nel video realizzato in cui sono sintetizzati i dati raccolti, le voci sono delle piccole Arianna e Sofia, le bimbe di Mara, volontaria dell’ENPA di Monza! (Potete visionare il video in fondo.)

Nonostante il periodo complesso e le numerose limitazioni causate dalla pandemia, sono tanti gli italiani che in questi giorni si stanno organizzando per passare qualche giorno di vacanza nel periodo di Natale e molti lo faranno insieme ai propri animali.

Secondo l’indagine effettuata dall’’Ente Nazionale Protezione Animali, tra fine agosto e metà settembre 2021, la scorsa estate il 78,5% dei proprietari di animali italiani ha deciso di portare il proprio amico a quattro zampe con sé mentre il 21,5% ha preferito lasciarlo a casa. Perché? Se il 43,2% non ha voluto sottoporre allo stress del viaggio il proprio animale, ben il 21,9% ha avuto problemi con strutture che non accettavano pet o ponevano molte limitazioni.

ENPA lancia quindi un appello agli operatori del settore turistico e ai sindaci affinché tengano in maggiore considerazione le esigenze delle famiglie in vacanza con animali al seguito.

“Sono tantissime – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale ENPA – le segnalazioni che ci arrivano da persone che si trovano in difficoltà durante le vacanze e non sanno come fare. A volte, ad esempio, le strutture che accettano magari gli animali in camera non permettono loro di usufruire degli spazi comuni. In altri casi, a fronte di strutture molto accoglienti, si trovano invece politiche dei comuni molto restrittive.

Quest’estate – prosegue Carla Rocchi – siamo intervenuti più volte, trovando anche accordi con i sindaci, per risolvere situazioni paradossali: vai in vacanza con il tuo cane, spendi 137 euro in più per portarlo e poi non puoi fare neanche una passeggiata sul lungo mare insieme a lui. L’indagine che abbiamo fatto nasce proprio dall’esigenza di capire come è andata durante le scorse vacanze per capire come migliorare la vita dei proprietari di animali in vacanza”.

L’indagine ENPA “In Vacanza con gli animali”

Effettuata per adesione volontaria, pubblicizzata sui canali web e social dell’Ente Nazionale Protezione Animali (sito istituzionale, Facebook, Twitter, Instagram) nonché sulla newsletter settimanale inviata ai soci ENPA. Sono stati compilati tra la fine di agosto e la metà di settembre 2021, complessivamente, 1.062 questionari completi. È evidente che ti tratta di una platea di persone sensibili ai diritti degli animali. Prevalgono le donne (84,3% del campione) e la fasce d’età 31-40 anni (27,1%) e 41-50 anni (30,2%).

Gli animali al seguito

Il 78,5% dei proprietari di animali ha portato i propri amici a quattro zampe in vacanza mentre il 21,5% ha preferito lasciarli a casa. Perché? Se il 43,2% non ha voluto sottoporre gli animali allo stress del viaggio, ben il 21,9% ha avuto problemi con strutture che non accettavano pet o ponevano molte limitazioni. Il 13,6% lo ha deciso perché l’animale non era in condizioni di viaggiare, l’8,8% perché non voleva limitazioni durante le vacanze, il 12,5% per altri motivi.

Con chi sono rimasti gli animali che non andati in vacanza con la propria famiglia? Il 16,7% ha lasciato i propri pet ad amici, il 14% con un pet sitter, il 9,3% in pensione ma la maggior parte, ha scelto i parenti (59,5%).

Le strutture ricettive

Le mete più scelte la scorsa estate con i gli animali al seguito sono state: Puglia, Veneto, Trentino e Toscana.

Le famiglie con animali a seguito hanno scelto: il 20% B&B o appartamenti, il 17,% alberghi, il 17,1 % la propria casa di famiglia, l’8,4% il campeggio, il 6,5% l’agriturismo, il 6% il residence, il 6,8% il villaggio turistico mentre il 18,1 non ha risposto.

Come era facilmente prevedibile, la presenza di un animale in famiglia condiziona le scelte, quindi orienta la spesa in una precisa direzione: il detentore di pet preferisce premiare le strutture che accettano animali e quelle che offrono anche servizi specifici, finanche a fronte del pagamento di ulteriori spese.

I mezzi di trasporto

Sul mezzo di trasporto la macchina è al primo posto delle preferenze dei proprietari di animali. A sceglierla è il 71,2% anche qui non solo per comodità ma anche per le tante limitazioni e i costi che si devono affrontare quando ci sono gli animali. Segue la nave (6%), il treno (5,5%), il camper (5%), la bici (1%) e l’aereo (0,8%). Il 53,3% ha affermato che la scelta del mezzo di trasporto è stata condizionata dalla presenza dei propri animali.

I costi

Il 32% dei proprietari di animali intervistati ha affermato di avere speso di più per portarli in vacanza, circa 137 euro in più. Come? Il 41% per il costo del soggiorno, il 37% per le spese di pulizia extra, il 15% per i mezzi di trasporto scelti e il 7% per le spese di disinfestazione.

Guarda il simpaticissimo VIDEO da cui sono tratte le immagini in questa pagina.

Leggi l’INDAGINE (12 slide).

Pubblicato il 22 dicembre 2021

Un’anatra muta recuperata sulle rive del Lambro

Comparsa all’improvviso, da diversi giorni vagava sulle sponde del Lambretto in via Aliprandi a Monza, in una zona solitamente frequentata da gallinelle d’acqua, morette, germani reali e qualche volta anche da gabbiani.

Lei è un’anatra muta dal piumaggio candido, un animale allevato dall’uomo a scopi alimentari e non certo “attrezzato” per vivere da animale selvatico nutrendosi solo di quello che il Lambro, fiume molto inquinato, può trasportare. Appena giunta la segnalazione della sua presenza, l’ENPA di Monza ha fatto uscire una propria operatrice per controllare le condizioni dell’animale: pure a distanza si è potuto notare che l’anatra muta aveva gravissime carenze di piumaggio sulle ali, che la rendevano inabile al volo.

Un lavoro di squadra

Per questi motivi ENPA decideva di effettuare il soccorso dell’animale, avvalendosi della preziosa collaborazione dei Vigili del Fuoco di Monza. Ed è così che sull’imbrunire del giorno 6 dicembre una squadra di Vigili del fuoco composta da Daria, Christian, Diego, PaoloEuprepio e Davide si è calata sulla riva del Lambro riuscendo a catturare l’anatra e consegnandola nelle mani dell’operatrice ENPA Federica che stazionava sul posto. ENPA ringrazia i Vigili del Fuoco di Monza per l’immediatezza dell’intervento che ha salvato la vita a un animale.

Una nuova vita per Daria

Portata nell’ambulatorio veterinario del canile di Monza, l’anatra, un giovane esemplare femmina (chiamata Daria in onore dell’unica rappresentante femminile della pattuglia di Vigili del Fuoco), ha chiaramente mostrato sul proprio corpo e nel piumaggio i segni di una lunga detenzione in un classico luogo di allevamento intensivo fatto da piccole gabbie. Come sia sfuggita dalla sua prigione e da una triste fine non lo sappiamo. Quello che è certo è che, appena terminato il periodo di quarantena, potrà vivere una vita “a misura d’anatra” nell’oasi del parco canile di Monza insieme ad altri undici animali della stessa specie.

Anche loro cercano casa!

Di questo nutrito gruppo, alcune di loro provengono da un grosso recupero di oltre 50 animali da cortile effettuato da ENPA a Monza a maggio di quest’anno. Altre sono state trovate vaganti da privati cittadini o recuperate da ENPA, come quella azzannata e gravemente ferita da un cane nei pressi di un lago, sempre a maggio, o l’anatra trasferitasi in un giardino condominiale ad Arcore a gennaio 2019.

Anche loro possono essere adottate, naturalmente potendo garantire una sistemazione adeguata, alimentazione corretta e veterinario aviario di riferimento.

Per info, leggi la loro scheda o scrivi a selvatici@enpamonza.it

Pubblicato il 12 dicembre 2021

Leggi le avventure di Artù e aiuterai ENPA

ARTÙperTU con Enrica al Museo”: una storia fantastica, per grandi e piccini, i cui personaggi esistono davvero!

Il protagonista è Artù, un cane giornalista che parla ai suoi lettori in prima persona. Star di Instagram con migliaia di followers, un giorno viene rapito, ma facendo affidamento sul suo fiuto (per il buon cibo) riesce a sfuggire ai sequestratori.

Vagando da solo per Milano, arriva al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, dove conosce la saggia gatta tutta nera Enrica, che lo aiuterà a ritrovare la sua famiglia, grazie alla medaglietta salvavita supertecnologica AIDmyPET.

Una storia per tutti, tra finzione e realtà

Artù nella vita reale è il golden retriever di Andrea Bertuzzi (insieme nella foto sotto), giornalista e autore del libro. Il loro profilo Instagram ha davvero migliaia di followers! 

Altrettanto reale è la micia Enrica che vive veramente, da circa 15 anni, al Museo Leonardo, servita e riverita, amatissima dai visitatori. Gironzola indisturbata per lo più nei padiglioni Aeronavale e dei Trasporti Ferroviari, dormendo spesso nel sottomarino Enrico Toti, nella zona notte dell’equipaggio.

Nel racconto ci sono anche i (veri) cani randagi incontrati per strada da Artù ed Enrica: Choco è stato trovato mentre vagava nel Sud Italia a soli cinque mesi; Margot è stata legata a un albero e abbandonata. Oggi sono felici e coccolati, grazie a ENPA che si è preso cura di loro e li ha fatti adottare da famiglie premurose e attente.

Un romanzo didattico … e solidale

L’obiettivo del libro è quello di sensibilizzare su importanti temi legati al mondo degli animali, quali la responsabilità che comporta l’adozione di un cane o di un gatto; l’importanza delle cure veterinarie; la tutela e la sicurezza degli animali da compagnia, anche attraverso l’uso della medaglietta innovativa AIDmyPET (nelle immagini sotto); e la lotta all’abbandono e al randagismo.

Il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto a favore delle attività di adozione a distanza effettuate da ENPA.

.

Dove trovarlo

ARTÙperTU con Enrica al Museo è acquistabile al prezzo di €6,90:

– al rifugio di Monza in Via San Damiano 21 (tutti i pomeriggi) e presso molte altre sedi ENPA.

– online su EnpaShop.

– online sul sito KPET.

– al Must Shop del Museo Leonardo in Via San Vittore 21 a Milano. 

Per ulteriori interessanti informazioni e interviste, vai sul sito della Audens, produttore della medaglietta AIDmyPET.

Pubblicato l’11 dicembre 2021

LotterENPA: un bel biglietto d’auguri per regalare … biglietti!

Tanti i soggetti diversi online da scaricare e stampare!

Col Natale alle porte, tanti di voi magari stanno pensando di fare dono ad amici, colleghi e parenti di qualche biglietto della LotterENPA 2022. Ma perché sia un regalo coi fiocchi perché non presentarli insieme a uno dei nostri simpaticissimi biglietti di auguri?

Potete scegliere tra ben sette soggetti che riproducono diversi animali (cane, due gatti, topo, coniglio, gallina, tartaruga) con una simpatica poesia in rima. Non solo: ciascun soggetto è disponibile in due versioni, a colori e in bianco e nero.

I soggetti in bianco e nero possono naturalmente essere colorati per creare un biglietto davvero unico. Non manca infine un apposito spazio per il vostro messaggio personale al destinatario del vostro bellissimo pensiero solidale.



Ecco come averli

I 14 soggetti sono scaricabili gratuitamente in PDF dal nostro sito QUI.

Sono in pratica fogli facilmente stampabili che, opportunamente piegati, diventano delle bellissime e originali confezioni per accludere i biglietti della lotteria. 

Troverete anche una pagina di istruzioni illustrate su come piegare il foglio per ottenerne un biglietto stampato sui quattro lati (ma vi assicuriamo che è davvero facile!).

Per info sulla LotterENPA 2022, compreso l’elenco dei 100 premi in palio e come acquistare i biglietti, leggi l’articolo QUI


Pubblicato il 14 dicembre 2021

Green Pass obbligatorio per chi visita il rifugio

Considerata l’attuale situazione e il probabile arrivo di una nuova epidemia, da sabato 18 dicembre i visitatori potranno accedere al rifugio di Monza in via San Damiano 21 esclusivamente esibendo il Green Pass.

Ricordiamo che il canile-gattile è già visitabile solo su appuntamento per evitare assembramenti.

Per visitare il mercatino natalizio presso il rifugio non occorre prendere appuntamento; ovviamente vale sempre l’obbligo del Green Pass e della mascherina.

Pubblicato il 17 dicembre 2021

Proseguono i mercatini di Natale targati ENPA: ecco gli orari.

Ricordiamo che per tutto il mese di dicembre saranno aperti i due mercatini natalizi:

 – Sotto i portici dell’Arengario nella centralissima piazza Roma a Monza (foto sopra). Sarà presente quasi tutti i giorni fino a venerdì 24 dicembre, dalle ore 10 alle ore 18 circa.

ATTENZIONE: per decisione delle autorità comunali, il mercatino sotto l’Arengario di Monza NON sarà presente il pomeriggio di sabato 18 dicembre né tutta la giornata di domenica 19 dicembre.

.

Presso il rifugio di Monza in via San Damiano 21 (foto sotto). Visitabile tutti i pomeriggi (sette giorni la settimana) fino a venerdì 24 dicembre. Orario: dalle 14.30 alle 17.30; sabato e domenica aperto fino alle 18.30.

Non occorre prendere appuntamento per visitare il mercatino presso il rifugio, ma bisogna essere provvisti di Green Pass e mascherina.

Per ulteriori informazioni, anche sulla bellissima scelta di idee regalo disponibile, leggi il nostro articolo del  27 novembre.

Pubblicato il 9 dicembre 2021

Sono salvi i mufloni del Giglio!

Niente inutile massacro sull’isola dell’Arcipelago Toscano (vedi il nostro articolo del 23 novembre). Il presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, Giampiero Sammuri, infatti, ha deciso di fermare gli abbattimenti dei mufloni nell’Isola del Giglio e consentirne lo spostamento in aree faunistiche.

L’Ente Nazionale Protezione Animali, dopo aver fatto notare il paradosso delle uccisioni (le pecore selvatiche erano stati portati al Giglio negli anni ’50 per salvaguardarli e preservare la specie), ha ovviamente accolto con grande soddisfazione la decisione. 

Le alternative esistono

Il caso dei mufloni dell’Isola del Giglio riporta l’attenzione sull’importanza di potersi avvalere di alternative moderne e incruente all’inaccettabile sterminio degli animali. ENPA ha più volte indicato una strada da percorrere, già adottata con successo in molti Paesi europei: l’immunocontraccezione. Di cosa si tratta? In pratica per il controllo di alcune specie selvatiche e, in determinati contesti ben verificati, vengono usati dei farmaci per impedire la riproduzione, che possono essere iniettati, oppure distribuiti attraverso mangiatoie specifiche e selettive.

Appello al Governo e al Parlamento

In Italia, però, questo farmaco specifico per gli animali non c’è: per importarlo dovrebbero essere coinvolti in primis il Ministero della Salute per l’importazione del farmaco e in seconda istanza, il Ministero dell’Ambiente e le università per l’applicazione progettuale. Sarebbe quindi un importante progetto sperimentale. Per questo l’ENPA si rivolge al Governo e al Parlamento affinché venga approvata al più presto l’introduzione in Italia del vaccino immunocontraccetivo GonaCon, utilizzato già da tempo con successo in altri Paesi. 

Pubblicato il 9 dicembre 2021

Un calendario dell’Avvento virtuale davvero speciale!

State seguendo sui nostri social l’esclusivo ed elegante calendario dell’Avvento firmato ENPA Monza e Brianza?

Sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram, per ogni giorno di dicembre fino al 25, il protagonista è un ospite del rifugio di Via San Damiano in compagnia di un volontario o operatore ENPA.

Voi dovete fare solo una cosa: aprire la nostra pagina Facebook o profilo Instagram e scoprire, giorno per giorno fino a Natale, chi abbiamo scelto come modello.

Intanto, eccovi alcuni dei primi protagonisti immortalati sul simpatico set allestito nella sala conferenza del rifugio!

Immagine in alto, protagonisti del 2 dicembre: il micione Abu con Umberto. Qui sopra, il 4 dicembre: Yoghina con Stefano; il 6 dicembre: il cincillà Cecio con Daniela; sotto, il 7 dicembre: Gighen e Ghemon con Costanza; l’8 dicembre, Bono con Anna Maria.

Ricordiamo inoltre che i nostri CalENPAri 2022 (cartacei!) in due versioni (da muro e da tavolo) sono disponibili presso il rifugio di Monza e al mercatino di Natale all’Arengario.

Pubblicato il 9 dicembre 2021

Al via domenica 28 novembre i mercatini di Natale targati ENPA!

I mercatini di Natale a Monza sono ormai da anni un appuntamento fisso che colorano e animano il centro di Monza nel mese di dicembre. E, come da tradizione, sarà presente anche quest’anno ENPA, con il suo banco sotto l’Arengario. Ma non solo, perché anche al rifugio di via San Damiano a Monza sarà allestito un allegro mercatino natalizio per dare la possibilità a tutti gli amici degli animali di trovare originali regali natalizi per parenti, amici e colleghi.

Dove e quando

Nel centro storico di Monza (foto sopra): il banco natalizio ENPA sarà presente nella suggestiva cornice sotto i portici dell’Arengario, nella centralissima piazza Roma, a partire da domenica 28 novembre. Sarà aperto quasi tutti i giorni (purtroppo, per decisione dell’amministrazione comunale non potremo essere presenti nei weekend 4-5, nel pomeriggio del 18 dicembre e il giorno 19 dicembre) fino a venerdì 24 dicembre, dalle ore 10 alle ore 18 circa. Voi tenete d’occhio la nostra pagina Facebook, vi informeremo di eventuali variazioni dell’ultim’ora.

Presso il rifugio di Monza (foto sotto): con la possibilità di usufruire di un ampio parcheggio, il mercatino in via San Damiano 21, con tanto di albero di Natale e ricchissimo di articoli da regalo solidale, sarà visitabile da domenica 28 novembre tutti i giorni (compreso il mercoledì) fino a venerdì 24 dicembre. Orario: dalle 14.30 alle 17.30, sabato e domenica aperto fino alle 18.30.

L’imbarazzo della scelta!

Siamo sicuri che anche quest’anno, tra le nostre proposte numerose e accattivanti, riuscirete a trovare il regalo più adatto a voi. Noi vi diamo qualche suggerimento:

– Per i golosi, proponiamo i dolci ENPA, in ben sette versioni, tra cui due vegane, che vi faranno leccare i baffi!

Ma le delizie gastronomiche non sono finite: direttamente dalle verdi colline brianzole, vi presentiamo le composte bio “The Banker’s Jam” prodotte da un’azienda agricola di Besana in Brianza. In confezioni singole o multiple, sono senza zuccheri aggiunti e in tantissimi gusti: lampone, fragola, mirtillo, mirtillo e lavanda, cipolle di Tropea, zucca e amaretti.

E non basta: vi proponiamo anche gli squisiti frollini artigianali della Verde Grano, nei gusti cacao, zenzero e cannella. Un prodotto davvero a Km zero, e doppiamente solidale, visto che sono preparati nel laboratorio presso la Casa Circondariale di Monza!

E finiamo con una produzione letteralmente a Km zero: il dolcissimo miele millefiori “Beenpa” (“bee” in inglese significa ape), dalle arnie nell’oasi di biodiversità adiacente al rifugio di Monza (foto sotto a sinistra). Rigorosamente animal-friendly, viene raccolto dalle nostre esperte e appassionate apicoltrici solo il miele prodotto in surplus rispetto alle necessità delle api, senza alcuna forzatura tipica dell’allevamento industriale. Viene proposto in barattoli da 125 gr. abbinati alle frolline in una elegante confezione a marchio ENPA.

– Per chi vuole fare un dono speciale, perché non regalare un’adozione a distanza? Con un contributo di 15 euro al mese, si può adottare a distanza un cane, un trio di gatti o la banda degli erbivori nel nostro Progetto Famiglia a Distanza, tutti animali presenti nel parco canile-gattile di Monza. Per ulteriori info, leggi qui.

– Per i più organizzati, ma anche come elemento di arredo, è un must il nostro calENPArio 2022 nelle due versioni da tavolo (6 euro) e da muro (10 euro).

– Per chi ha voglia di darci una mano, sostenendo le nostre attività a favore degli animali, ricordiamo l’importante significato simbolico dell’iscrizione all’ENPA di Monza e Brianza per il 2022 (quota sociale € 25 socio ordinario, € 50 socio sostenitore).

– Per chi vuole tentare la fortuna: sono sempre disponibili al costo di 1 euro i biglietti della nostra LotterENPA la cui estrazione sarà il 30 gennaio 2022. Ben 100 ricchissimi premi vi aspettano!

– Per i collezionisti: a ricordo dei 150 anni di fondazione dell’ENPA potrete trovare il francobollo celebrativo emesso per Poste Italiane dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e la medaglia celebrativa (sopra a sinistra), copia della medaglia originale che veniva portata dai primi soci della Reale Società Zoofila per la Protezione degli Animali nel 1871.

– Per chi ama lo shopping: troverete tantissimi gadget e idee regalo a tema animale adatti sia ad un pubblico adulto che più giovane per un dono simpatico, utile e ricco di solidarietà.

– Per chi ama leggere: una selezione di libri adatta ai più piccini ma anche agli adulti, con tante storie vere che vi commuoveranno come Peppo il gatto di Aleppo, Artù Per Tu con Enrica, La terza vita di Jasmine, Non ti porterà via il vento, Dylan Dog & Botolo incubo a Montiscuri e volumi utili quali Come far rendere felice il nostro gatto e Io e il mio gatto.

Come sapete ENPA è anche un’associazione ecologista impegnata contro l’abuso della plastica. Pertanto chiediamo a tutti i nostri amici che vorranno venire a trovarci di munirsi di borse riutilizzabili ove riporre tutti i loro acquisti. L’ambiente vi sarà grato di questa piccola attenzione.

Pubblicato il 27 novembre 2021

In arrivo i dolci natalizi ENPA!

State già pensando all’imminente Natale e come festeggiarlo? Noi abbiamo un’idea per addolcire l’atmosfera e festeggiare il Natale in modo goloso. Come? Con i tradizionali dolci solidali dell’ENPA di Monza e Brianza, da regalare o da gustare in famiglia. Acquistandoli, non solo vi leccherete i baffi, ma ci aiuterete ad accudire, curare e dare un rifugio sicuro a tutti gli animali bisognosi.

Anche quest’anno la scelta è molto ricca, con quattro dolci in versione “tradizionale”, due in versione vegana e, come golosa novità, il classico panettone meneghino.

I tradizionali…

I dolci tradizionali, disponibili sono presentati in un’elegante confezione arricchita da un simpatico ornamento natalizio inciso nel legno esclusivamente per ENPA.

Potete scegliere tra:

  • CANEttone – il panettone tradizionale con uvetta e canditi (750 gr), vostro con un’offerta di 10 €;
  • MICIOne – il panettone senza canditi (750 gr), con un’offerta di 10 €;
  • PanCONIGLIO – il pandoro classico (750 gr), con un’offerta di 10 €;
  • CUCCIOLOne – il morbido panettone Tutti Frutti con frutta esotica non candita (1 kg), con un’offerta di 15 €

… i vegani …

Anche quest’anno non mancano i dolci vegani, prodotti in modo artigianale da un’importante azienda dolciaria, presentati in un’esclusiva confezione, disponibili in due varietà con un’offerta di 18 € e del peso di 750 gr.

Potete scegliere tra:

  • PanRICCIOveg – il dolce natalizio vegano con uvetta e canditi;
  • PanGUFOveg – il dolce natalizio vegano con gocce di cioccolato.

… e quello dell’ENPA nazionale!

  • Panettone milanese Tre Marie – basso, in astuccio con pendaglio personalizzato ENPA, con un’offerta di 12€ e del peso di 750 gr.

Dove trovarli?

Potete trovare i nostri dolci:

  • al mercatino di Natale sotto l’Arengario di Monza a partire da domenica 28 novembre (vedi l’articolo per le date); 
  • presso il mercatino del rifugio di Monza in Via San Damiano 21 tutti i giorni dalle 14.30 alle 17.30 nei giorni feriali, e dalle 14.30 alle 18.00 nei giorni festivi;
  • in alternativa potete prenotarli online (consigliabile nel caso di richieste numerose) scrivendo a prenotazioni@enpamonza.it e ritirarli poi al rifugio di via San Damiano.

In caso di pagamento con bonifico o Paypal l’offerta sarà fiscalmente detraibile.

Pubblicato il 27 novembre 2021

Un’adozione a distanza sotto l’albero

Vuoi festeggiare il Natale in modo solidale? Con ENPA di Monza e Brianza è possibile, ad esempio scegliendo di regalare a una persona cara, un amico o un collega, un’adozione a distanza: il Progetto Famiglia a Distanza permette di dare visibilità e qualche attenzione in più agli animali che per vari motivi sono di difficile adozione, in modo che possano conoscere più persone e, magari, venire adottati in via definitiva.

A voi la scelta!

Ecco gli animali che potrete adottare: i nostri micioni (dalle nonnine Ivana e Pierina, adottabili in coppia, alla micia vagabonda mascotte del gattile Lola (foto grande in alto) al sornione Abu); l’allegra banda degli erbivori (i pony Gigio e Castagna, il cavallo Matteo e poi caprette, pecore e conigli); o, infine, uno dei cani scelti tra quelli anziani, con problemi fisici e/o comportamentali, di grossa taglia o di razza dalla “cattiva fama” o, più semplicemente, quelli un po’ sfortunati o che hanno bisogno di fare nuove esperienze.

I cani in adozione sono: Gwen e i suoi amici maremmani (Ghost, Lady e Cassandra), il tenerissimo tripode Garpez, gli aitanti fratelli Gighen e Ghemon (adottabili in coppia), la dolce Yoghina (foto sopra a sinistra), la piccola vecchietta Maya, gli inseparabili Zanna e Argo (adottabili in coppia) e l’atletico Roy.

Il contributo richiesto è 15 € al mese, anche se per garantire continuità al progetto consigliamo una durata minima di 3 o 6 mesi.

Regalando un’adozione per Natale il destinatario riceverà per mail un bellissimo biglietto di auguri (sopra, in versione ‘cane’ e versione ‘gatto’ da personalizzare) e l’attestato di adozione (sotto), anch’esso personalizzato, oltre agli aggiornamenti mensili e alla possibilità, previo appuntamento, di poter fare visita al proprio “protetto” presso il rifugio di Via San Damiano 21.

Info

Per saperne di più, consultare la pagina dedicata sul sito o scrivere all’indirizzo adozioni.distanza@enpamonza.it.

Pubblicato il 27 novembre 2021

OasiPet di Seregno: sabato 11 dicembre una raccolta cibo per i gatti.

Sarà sabato 11 dicembre l’ultima raccolta cibo dell’anno presso Oasipet, il supermercato per gli animali.

I volontari dell’ENPA di Monza e Brianza vi aspetteranno al negozio di Seregno (MB) in via Circonvallazione 76 al mattino dalle 9,30 alle 12,30, poi al pomeriggio dalle 15,00 alle 19,00.

L’iniziativa mira a raccogliere in particolare cibo per i gatti delle colonie feline ubicate sul territorio seguiti da volontari e da persone di buon cuore, spesso senza grandi mezzi economici. La nostra richiesta è pertanto principalmente di cibo per gatti preferibilmente “umido” di media qualità, in lattine da 400g, ideale per riuscire a sfamare numeri elevati di mici.

Come funziona la raccolta?

Le modalità sono quelle di sempre. Mentre fate la vostra spesa, potete mettere nel carrello una o più scatole di alimenti per gatti. Vanno pagate alla cassa e poi consegnate al volontario/a al banco ENPA all’uscita del negozio, dove verranno smistate e registrate.

Chi dona anche una sola scatola o busta di cibo potrà scegliere una delle figurine di ringraziamento che ritraggono alcuni dei gatti delle colonie aiutate grazie alla raccolta.

ENPA ringrazia OasiPet per questa iniziativa solidale, e naturalmente i clienti che vorranno dare una mano ai tanti animali senza famiglia.

In vendita anche i biglietti della LotterENPA 2022!

Anche quest’anno OasiPet offre tanti premi per la lotteria solidale ENPA Monza (estrazione il 30 gennaio 2022): ben otto sacchi di mangime di alta qualità Amanova per cani e gatti! (Sopra le cartoline descrittive.) Ed è possibile acquistare i biglietti della LotterENPA in entrambi i punti vendita: a Seregno e ad Albiate (MB) in Via Milano 3. Per conoscere i giorni e orari di apertura dei due negozi, visita il sito.


Pubblicato il 9 dicembre 2021

Guinzaglio e libertà, ecco il tema della conferenza ENPA del 9 dicembre. Relatore l’istruttore cinofilo Ivano Vitalini.

Dopo il riuscito incontro del 25 ottobre scorso, sarà di nuovo l’apprezzato istruttore cinofilo e docente formatore FICSS Ivano Vitalini il relatore della nuova avvincente conferenza che ENPA di Monza e Brianza propone giovedì 9 dicembre alle ore 21.00.

Basta il titolo, “La messa in libertà come forma di rispetto del cane”, per capire che tratterà di un argomento interessante e di stretta attualità: l’uso del guinzaglio e la gestione del cane in libertà.

La conferenza è aperta a tutti: ai futuri proprietari, a chi ha già un cane, ma anche agli operatori di settore e a tutti coloro semplicemente interessati al comportamento canino.

Libertà sì, ma nel rispetto della legge.

Durante la serata vedremo come la libertà debba essere costruita attraverso un percorso di crescita e conoscenza reciproche basato in primis sulla fiducia e sul rispetto.

Il tutto, ovviamente, nel rispetto della legge! Ricordiamo, infatti, che nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, il cane deve essere condotto con un guinzaglio non più lungo di 1.50 metri. Il cane può essere lasciato libero dal guinzaglio nelle aree cani.

Per quanto riguarda parchi e giardini comunali, ogni Comune è libero di legiferare come meglio crede; generalmente, come nel Parco di Monza, vige l’obbligo di guinzaglio o, in alternativa, della museruola.

Modalità per partecipare

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti, muniti di Green Pass e mascherina; oppure

online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

La partecipazione all’evento è a offerta libera. Il ricavato della serata sarà destinato a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Pubblicato il 23 Novembre 2021

Campagna ENPA e Prolife contro l’abbandono “Dona un pasto”: raccolti 50 mila pasti.

L’evento conclusivo presso il rifugio di Monza il 16 novembre

Nonostante per la maggior parte degli Italiani gli animali domestici facciano ormai parte della famiglia, arrivano segnali preoccupanti in questi ultimi mesi sui dati dell’abbandono. L’Ente Nazionale Protezione Animali calcola che in questi mesi il fenomeno di abbandono e cessioni dei cani, con relativa entrata in canile, è aumentato del 20%. Questo insieme ad un rallentamento nell’ultimo mese delle adozioni, soprattutto quelle che non riguardano cuccioli.

Anche per questo l’azienda di pet food cruelty free Prolife ha deciso di sostenere ENPA, da sempre in prima linea nella lotta contro l’abbandono, con la campagna “Dona un pasto per gli animali vittime di abbandono”.

Dal luglio 2021 a settembre 2021, attraverso l’acquisto dei prodotti Prolife Dog, sono stati raccolti 50 mila pasti destinati ai trovatelli curati dalle tante sezioni ENPA presenti sul territorio. E martedì 16 novembre si è tenuto a Monza l’evento di chiusura della campagna con la consegna dei primi bancali di cibo e dell’assegno simbolico dei 50 mila pasti raccolti.

Cinquemila kit per gli adottanti

La campagna “Dona un pasto per gli animali vittime di abbandono” sancisce la partnership tra ENPA e Prolife, che del benessere dei nostri amici a quattro zampe ha fatto la propria mission e ha deciso di sostenere l’attività dell’associazione.

La collaborazione continuerà con il supporto concreto da parte di Prolife alle adozioni. L’azienda di pet food donerà infatti 5.000 kit a chi deciderà di adottare un cane o un gatto attraverso l’ENPA. All’interno:

• una guida all’adozione
• un buono per una confezione di pet food
• un porta-libretto sanitario
• un bicchiere dosatore
• un osso porta sacchetti per gli adottanti di cani
• pet food per gatti.

Obiettivo primario: il benessere animale

«Il benessere – afferma Mauro Vitali, referente di ProLife – passa attraverso l’alimentazione ma non solo: il calore e l’amore di una famiglia costituiscono degli elementi imprescindibili. Adottare è un gesto di grande responsabilità che deve fondarsi su una scelta consapevole. Noi di Prolife crediamo che nutrire sia molto di più di somministrare un alimento, si tratta di un gesto di amore. Anche per questo, tutti gli alimenti della line dry sono prodotti in Italia dalle migliori materie prime di cui è possibile conoscere l’origine, per garantire la massima trasparenza».

«Nel quadro socio economico che stiamo vivendo – afferma Marco Bravi, presidente del Consiglio nazionale ENPA – la sinergia tra aziende profit ed enti no-profit è sempre più importante. Le famiglie italiane sono note per il loro gran cuore e il senso di ospitalità e questo ci porta a pensare che la maggior parte di loro vorrebbe adottare un amico a quattro zampe, ma che spesso a frenarli è l’impegno economico che l’adozione comporta. Creare un supporto che possa accompagnarli in questo importante impegno è un modo per incentivare le adozioni e far uscire dal canile delle creature che non desiderano altro che far parte di una famiglia».

Ospiti a quattrozampe

L’evento di chiusura dell’iniziativa si è tenuto presso la sala conferenza del rifugio ENPA di Monza in Via San Damiano 21, seguito da un aperitivo vegano.

Sono intervenuti, oltre a Marco Bravi e a Mauro Vitali, anche Giorgio Riva, presidente dell’ENPA di Monza e alcuni adottanti con i loro quattro zampe – Arena, Axel, Snoopy (ora Leo), e Barkley – che hanno raccontato la loro esperienza.

Pubblicato il 19 Novembre 2021

Mufloni al Giglio, ENPA: un inutile massacro

Quello che si consumerà al Giglio, isola dell’Arcipelago Toscano, «è un inutile massacro», dice all’agenzia di stampa Dire Andrea Brutti, dell’ufficio Fauna Selvatica ENPA.

Da lunedì 22 novembre le carabine e i fucili dei cacciatori cominceranno a eliminare, uno dopo l’altro, i circa 50 mufloni (pecore selvatiche) “alieni” presenti nell’isola. Alieni non perché di un altro pianeta, ma perché, trasportati dall’uomo in una natura non loro, sono “fuori contesto”.

La rabbia del mondo animalista

Si chiama Life LetsGo Giglio, progetto finanziato con 1,6 milioni di fondi UE, che ha avuto semaforo verde dal Parco dell’Arcipelago Toscano. Con la rabbia del mondo ambientalista, che fa notare quanto sia stridente il paradosso alla base di questa scelta:  «I mufloni sono stati portati al Giglio negli anni ’50 per salvaguardarli e preservare la specie. Sessantacinque anni dopo si sceglie la via del fucile, nonostante vivano ormai in armonia con gli agricoltori: i danni causati negli ultimi 20 anni non superano i 1.200 euro», racconta Brutti. »

Le alternative allo sterminio ci sono

Non solo, attacca Brutti, «nei parchi nazionali interventi di questo genere possono essere fatti solo in presenza di comprovati squilibri ecologici, che a noi non risultano visto che non c’è neppure uno studio recente che testimoni questa teoria. In ogni caso – continua Andrea Brutti – anche se fosse così (e per noi non c’è nessun tipo di urgenza e disequilibrio ecologico) invece di abbatterli si potrebbe tranquillamente mantenere questo gruppo di mufloni, che tra l’altro sono puri, con progetti più innovativi e tecniche più moderne.

Quali? Trovandoci in un’isola, quindi in un ecosistema chiuso, si potrebbe pensare a strade sperimentali come l’immunocontraccezione. In pratica per il controllo di alcune specie selvatiche, come i cinghiali, in altri Paesi vengono usati farmaci per impedirne la riproduzione. Farmaci che possono essere iniettati, oppure distribuiti attraverso mangiatoie specifiche e selettive. In Italia, però, questo farmaco specifico per gli animali non c’è; per importarlo dovrebbero essere coinvolti il Ministero della Salute, dell’Ambiente e le università. Sarebbe quindi un importante progetto sperimentale».

Pubblicato il 23 novembre 2021

Grazie a Espansione TV, gli appelli approdano al piccolo schermo

Il palinsesto di Espansione TV, emittente televisiva di Como, dal mese di ottobre si è arricchito di un nuovo programma pensato per aiutare i trovatelli ospitati in tutti i rifugi ENPA lombardi: si chiama “Salva un Amico” ed è realizzato in collaborazione con il Coordinamento Lombardo di ENPA.

La troupe di Etv visita i principali canili della regione per conoscere – e presentare ai telespettatori – gli animali in cerca di una nuova casa. Principalmente cani (ma anche gatti), salvati e accolti dai volontari ENPA, pronti per essere adottati da una nuova famiglia. Verrà sempre fornita una sintetica descrizione con le caratteristiche e la storia di ogni animale presentato, oltre ai contatti della sede Enpa di riferimento per candidarsi per l’adozione.

Salva un Amico va in onda ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 20, dopo il Tg sul canale 19, e in diretta streaming sul web e su YouTube.

Ci siamo anche noi!

Anche alcuni ospiti del canile di via San Damiano gestito dall’ENPA di Monza e Brianza hanno avuto l’onore di essere protagonisti del tubo catodico: Yoghina, Disney, Svelto, Menta, Rex, Ercolino, Pacioso, Bufalo e Repubblica. Gli ultimi quattro, nel frattempo, sono stati felicemente adottati.

E dal momento che la trasmissione presenta non solo cani ma anche gatti ospitato nei rifugi della regione, protagoniste di una puntata sono state due micie senior, le sorelle Pierina e Ivana, che cercano casa assieme. Qui sotto il filmato in cui l’operatrice del Gattile di Monza Lara spiega le loro caratteristiche.

Ed ecco i video di alcuni dei cani del rifugio di Via San Damiano 21 già trasmessi su Espansione TV.

Per info: chi fosse interessato ad adottare uno di loro può scrivere a canile@enpamonza.it o ad adozioni.gatti@enpamonza.

Ricordiamo che le visite e i colloquio si effettuano esclusivamente su appuntamento.

Pubblicato il 6 Novembre 2021

Oasi di Biodiversità: le Pantere regalano una mangiatoia agli uccelli

Le pantere sono tornate! Il gruppo Scout Brugherio, reparto Makalu, squadriglia delle Pantere, composto da Sofia Galli (classe 2008 e figlia di Mara, volontaria nel settore erbivori), Sara Varisco (2006, caposquadriglia), Daniela Vassallo (2006), Matilde Osmetti (2007) e Chiara Trento (2007) era infatti già stato al rifugio di via San Damiano per una visita guidata nel maggio scorso, per conoscere da vicino il mondo del volontariato.

Le ragazze avevano voluto dare anche una mano; infatti avevano trascorso il pomeriggio a dar da mangiare ai pennuti e dare una mano nelle cucine del rifugio, non senza riservare qualche carezza a cani e caprette. Una giornata educativa molto apprezzata, tanto che era nata l’idea di fare qualcosa di utile e di pratico per ringraziare della disponibilità offerta da ENPA.

Detto, fatto! Le Pantere sono tornate al rifugio di Monza domenica 31 ottobre, accompagnate dal capo reparto Mazinga, con un bellissimo regalo: una mangiatoia per uccelli realizzata da loro, che ha già trovato la giusta sistemazione all’interno del parco rifugio.

Regolarmente verrà rifornita di mangime che, ne siamo sicuri, troverà di suo gradimento nella stagione più fredda la nutrita popolazione di uccelli selvatici che popolano l’Oasi di Biodiversità, dalle cinciallegre alle cinciarelle, dai pettirossi ai codirossi, dai verdoni ai merli.

Nelle foto: la splendida mangiatoia costruita dalle Pantere e le ragazze al rifugio di Monza in compagnia dell’immancabile pastore maremmano Gwen e di alcuni degli ospiti del reparto erbivori del rifugio di Monza, tra cui la capra Timoteo, e la pecora Silvì.

Pubblicato il 12 Novembre 2021

Ivana e Pierina, l’appello del cuore per due inseparabili micie

Sono al gattile di Monza ormai da aprile e queste due anziane sorelle hanno visto arrivare e partire tanti gatti e gattini. L’ultimo a salutarle è stato un altro nonnino, il dolcissimo Piero (sotto vi raccontiamo il suo lieto fine!). E chi poteva prendere il suo posto nel nostro Progetto Famiglia a Distanza (PFD) se non loro, due splendide micie senior?

Pierina (bianca e nera) è molto affettuosa e non smetterebbe mai di farsi coccolare, mentre Ivana (tricolore), pur apprezzando la compagnia, è un pochino più riservata e ci mette più tempo a dare confidenza. Le due sorelle sono state protagoniste di una puntata di “Salva un amico” dell’emittente comasco Espansione TV. Qui sotto le potete vedere durante l’intervista! 

Per aumentare le loro chances di adozione definitiva, dando loro più visibilità, e per dar loro il piacere di incontrare personalmente qualche loro “genitore a distanza” sono state inserite nel PFD.  

Potete leggere la scheda adozione di Pierina e Ivana qui. Per info sulle adozioni a distanza, scrivi ad adozioni.distanza@enpamonza.it

Un lieto fine per Nonno Piero!

Per Marcella, nuovissima volontaria ENPA, è stato amore a prima vista. E quando quest’estate è venuta a mancare la sua anziana micia Poja, ha pensato naturalmente a dare una casa a lui, Piero, a 14 anni il nonno del Gattile di Monza. Ma come avrebbe reagito Camillo, l’altro micio di casa, spaesato e triste senza la sua amica?

Seguendo il saggio suggerimento del suo veterinario, Marcella ha aspettato due mesi prima di presentargli un nuovo compagno. Altrettanto preziosi sono stati i consigli delle operatrici del gattile sulla scelta del micio e sulle modalità di inserimento da fare in modo molto graduale, rispettando la complessa socialità felina.

Piero si è subito trovato bene nella nuova casa: esplora, salta e gioca come un matto, tant’è che Marcella è convinta che Piero “fa finta di essere vecchio”.

E, dopo un’iniziale perplessità, Camillo ha accettato di buon grado di condividere casa, giochi e famiglia con il nuovo arrivato. Camillo continua a dormire con Marcella, mentre Piero ha scelto il letto di suo figlio 21enne Tommaso.

E se siamo felici per il lieto fine di nonno Piero, aspettiamo con ansia quando potremo dare la notizia di un doppio lieto fine, quello delle due nonnine Ivana e Pierina!

Le immagini: in alto, Pierina e Ivana in gattile. Qui sopra, Piero con Marcella al momento dell’adozione al Gattile di Monza, e nella sua nuova casa. Nel video sotto, Piero e Camillo giocano, perfettamente a loro agio insieme.

Pubblicato il 23 Novembre 2021

“Convivenza animali e bambini”. Conferenza venerdì 12 novembre.

Saranno due relatori d’eccezione a tenere la conferenza organizzata da ENPA di Monza e Brianza dal titolo “Convivenza animali e bambini. Una preziosa opportunità da gestire correttamente”: la biologa e istruttrice cinofila Elisabetta Mariani e il formatore Ambrogio Varinelli.

L’incontro – che si effettuerà venerdì 12 novembre alle ore 21.00 sia in presenza che online – è rivolto in particolare a proprietari di animali già genitori o futuri genitori, ma anche agli operatori di settore e a tutti coloro semplicemente interessati al comportamento animale. Si parlerà soprattutto di cani, ma anche di gatti, conigli e piccoli roditori.

Gli animali sono sempre più presenti nelle nostre famiglie e sono quindi sempre più probabili i problemi causati da una scorretta convivenza. Nei casi più estremi, che spesso finiscono sulle pagine dei giornali, si può arrivare a lesioni da morsicatura di cani, anche gravi, nei confronti dei più piccoli.

Ma non sono solo i cani che possono creare problemi: anche i gatti possono risentire della presenza imprevista in casa di bambini e neonati e mostrare aggressività nei loro confronti. E non sempre i segnali di disagio sono facilmente e immediatamente riconoscibili.

Programma

Durante la serata i relatori approfondiranno diversi temi quali:

  • come preparare i nostri pet per l’arrivo di un pargolo
  • capire in che modo la nuova convivenza possa metterlo alla prova
  • come riconoscere il disagio dell’animale e aiutare a superarlo
  • la scelta e il corretto inserimento di un nuovo pet quando ci sono già bambini in famiglia
  • insegnare ai bambini il corretto approccio agli animali
  • i molteplici modi in cui la convivenza tra bambini e animali possa arricchire la vita famigliare e migliorare lo sviluppo psicofisico dei nostri figli.

Naturalmente ci sarà un ampio spazio dedicato alle domande del pubblico (a casa o in sala) alla fine della conferenza.

Modalità per partecipare

Sarà possibile partecipare alla conferenza, prenotandosi in anticipo, scegliendo tra due modalità:

  • in presenza, presso la sala conferenza del rifugio di Monza in Via San Damiano 21, con posti limitati per assicurare la corretta distanza tra partecipanti, muniti di Green Pass e mascherina; oppure
  • online in diretta, sulla piattaforma Zoom.

In entrambi i casi è obbligatoria l’iscrizione compilando il Form d’Iscrizione sul nostro sito.

Per informazioni, scrivere a prenotazioni@enpamonza.it.

La partecipazione all’evento è a offerta libera. Il ricavato della serata sarà destinato a ENPA Monza e Brianza a sostegno delle sue molteplici attività a tutela degli animali.

Pubblicato il 2 Novembre 2021

Un grande regalo da Amici Cucciolotti all’ENPA di Monza e Brianza!

Proprio così: venerdì 29 ottobre abbiamo ricevuto una bellissima sorpresa! Al rifugio di Via San Damiano 21, infatti, è avvenuta la consegna di una grandissima quantità di pet food. Così, grazie all’album Amici Cucciolotti 2021 di Pizzardi Editore, tutti gli ospiti a quattro zampe del rifugio di Monza avranno le ciotole (e la pancia) piene!

15 anni di solidarietà.

Di fianco all’ENPA in difesa degli animali ormai da 15 anni, Pizzardi Editore ha realizzato grandi iniziative di solidarietà a favore degli animali bisognosi di aiuto, sostenendo l’infaticabile lavoro quotidiano dei volontari e operatori che accudiscono gli oltre 30.000 animali che, ogni anno, approdano nei rifugi ENPA in tutta Italia.

Dietro al marchio delle “figurine che salvano gli animali” c’è la storia di un editore italiano che nel 2007 ha creato un innovativo prodotto editoriale capace di coinvolgere milioni di bambini e le loro famiglie.

ENPA ringrazia Pizzardi per la fiducia e per il supporto costante, e tutti i bambini e le loro famiglie che hanno partecipato all’iniziativa, aiutando gli animali più indifesi, una bustina di figurine dopo l’altra.

Le figurine ci sono ancora!

Ma c’è ancora tempo per completare la vostra collezione 2021: in edicola trovate le figurine per riempire le pagine del vostro album – bastano 8 bustine per regalare una ciotola pieno di cibo a un trovatello. E guardando l’esclusivo Ciotolometro animato, potete vedere in tempo reale ogni volta che viene riempita una ciotola!

Nelle foto: alcune volontarie ENPA in compagnia di Lady e Gwen, due dei Maremmani da guardiania del rifugio di Monza, e della micia mascotte Lola con il pet food donato da Pizzardi; le anziane sorelle Pierina e Silvana; la micia tricolore Brina; e il cagnolino Aldo.

Pubblicato il 30 Ottobre 2021

I vostri pet fotomodelli per Natale. L’iniziativa che aiuta ENPA!

Volete un’idea per festeggiare il Natale in modo artistico e anche solidale? Noi vi proponiamo l’iniziativa benefica Natale a 4 Zampe!

La fotografa Daniela Bellotti, grande amante degli animali, con studio a Cassago Brianza (LC) in Via Nazario Sauro 56, allestirà un servizio fotografico su misura per il vostro pet.

L’iniziativa, che si svolgerà sabato 6 e domenica 7 novembre, ha un costo di 55 euro che comprende:

  • uno scatto fotografico da 20 minuti con ambientazione natalizia per te e il tuo peloso
  • accessori
  • galleria privata delle immagini
  • 3 immagini in alta risoluzione con post produzione
  • un calendario annuale monopagina 30×40 cm.

Parte del ricavato dell’iniziativa sarà devoluto all’ENPA di Monza.

Per ulteriori info su Daniela e i suoi servizi, potete consultare il suo sito qui e la sua pagina Facebook qui.

Per prenotare direttamente un appuntamento, compila il FORM.

Pubblicato il 20 Ottobre 2021

Benedizione degli Animali: un successo in barba al maltempo

Sabato 2 e domenica 3 ottobre abbiamo festeggiato le Giornate degli Animali e come al solito l’ENPA di Monza e Brianza si è sdoppiata tra il banco di sabato e la Benedizione degli Animali il giorno successivo.

Sabato il banco in via Italia ha riscosso un grande successo di pubblico e i numerosi visitatori hanno potuto acquistare in anteprima i bellissimi calENPAri 2022 e i biglietti della LotterENPA 2022. Sono piaciuti tantissimo anche i nuovissimi gadget e le golosità, biscotti e confetture, che saranno nuovamente disponibili nei mercatini di Natale che verranno allestiti sia in centro Monza sia al rifugio in via San Damiano 21.

Il giorno successivo, a dispetto del tempo capriccioso, tanti amici dell’ENPA amanti degli animali hanno partecipato alla Benedizione degli Animali presso il rifugio, ovviamente nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.

I visitatori – con o senza animali al seguito – hanno potuto conoscere la variegata fauna presente nel parco rifugio di via San Damiano che, come ben sappiamo, ospita non solo cani e gatti ma anche conigli, cavalli, pony, capre, pecore, tartarughe, cavie, galline, oche, canarini e diamantini, tutti animali trovati abbandonati sul territorio e curati da ENPA.

Una divertente Caccia al Tesoro ha portato i bambini e le loro famiglie a scoprire tutti i settori della struttura, fino al giardino degli odori e ai tre alveari nell’Oasi di Biodiversità, dove le nostre apicoltrici Anna e Marinella hanno fatto conoscere ai visitatori tutto l’affascinante il mondo delle api.

Al banco istituzionale i visitatori hanno potuto acquistare alcuni articoli filatelici e numismatici per celebrare il 150° anniversario della fondazione della nostra associazione da parte di Giuseppe Garibaldi:

  • la medaglia celebrativa, copia della medaglia originale che veniva portata dai primi soci della Reale Società Zoofila per la Protezione degli Animali nel 1871,
  • il francobollo celebrativo emesso per Poste Italiane dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato,
  • la cartolina celebrativa con francobollo e annullo dedicato, (tutti ancora disponibili su richiesta presso il rifugio di Monza).

Altra novità della 46° edizione sono stati i pensierini e auguri scritti dai bimbi (con l’aiuto delle volontarie) che sono stati appesi con coloratissimi fili biodegradabili ai rami dell’Albero dei Desideri, ovvero il bellissimo ulivo nel centro del prato del parco rifugio. Tutti i messaggi sono stati successivamente letti ad alta voce dalla volontaria Elena prima dell’inizio della sfilata dei partecipanti al concorso Cane Fantasia 2021, con i giovanissimi autori raggruppati davanti all’ulivo.

Il concorso, aperto dal presidente dell’ENPA di Monza, Giorgio Riva, è stato preceduto da un intervento di Federico Arena, Assessore alla Sicurezza del Comune di Monza, che ha portato i saluti dell’Amministrazione comunale.

Il presidente Riva ha parlato dei 150 anni dell’associazione fondata da Giuseppe Garibaldi, un anniversario importante per l’ente che è stato ricordato anche musicalmente: le note dell’inno di Garibaldi, infatti, hanno ufficialmente dato il via alla manifestazione.

Tra uno scroscio di pioggia e un raggio di sole, una cinquantina di quattrozampe ha preso parte al concorso, sfilando davanti a un’attenta giuria. (In fondo i nomi e le foto di tutti i vincitori e i nomi dei giudici.)

Come da tradizione, all’inizio della competizione hanno sfilato alcuni cani ospiti della nostra struttura in cerca di adozione, in rappresentanza di ciascuna categoria in gara: Sasha per la categoria Maltrainsema; Skorpion per quella dei Gran gros e ciula; Yoghina per i Tufinel; Staff per i Burlunent; Musetto per gli Oregiatt; Rex per la categoria Bell e truvatell.

A fine giornata, dopo la premiazione dei vincitori, Padre Riccardo, grande amante dei gatti e tutore di una colonia felina, ha impartito la solenne Benedizione a tutti gli animali presenti.

CANE FANTASIA 2021: PARATA DEI CAMPIONI

Ecco i nomi dei cani e dei loro proprietari che si sono classificati ai primi tre posti per ciascuna categoria. Tutti i vincitori hanno ricevuto un bellissimo attestato, mentre i primi classificati delle sei categorie, e i vincitori dei premi speciali, hanno inoltre ricevuto un cesto stracolmo di giochi e golosità offerti da ENPA e dai nostri partner (vedi ringraziamenti sotto). Le foto di tutti i vincitori sono sulla nostra pagina Facebook.

El Maltrainsema – il cane più “fantasia”

1° premio: Dakota di Sara Gentile, di un anno e mezzo, che la descrive come “super attiva e appassionata di frisbee”. Adottata da un’associazione in provincia di Salerno.

2° premio: Trip di 9 anni, di Simona Caldirola, “molto affettuoso”, adottato presso la Maggiolina di Besana in Brianza (MB)

3° premio: Ciuffolo, 5 anni, di Laura Ornaghi. “appiccicoso e giocherellone”, è stato adottato al canile di Monza.

Gran Gros e Ciula – il cane più grosso e simpaticone

1° premio: Ares, 4 anni, di Bruno Rossi. Adottato al canile di Monza, Bruno ci informa che è “buonissimo, anche con i postini”!

2° premio: Eddie, 4 anni, accompagnato dalla piccola Angelica Castignoli. Adottato anche lui al canile di Monza, mamma Ilaria ci informa che è un “tenerone che ringhia sempre”. 

3° premio: Lyon, un anno e mezzo, di Carolina Quintanilla, regalato, è un gran giocherellone.

El Tufinel – il cane più piccolo e vispo

1° premio: Briciola sempre della bimba Angelica Castignoli. Adottata al rifugio di Monza, Briciola ha ben 14 anni e da quando ha dovuto togliersi i denti, le esce la lingua!

2° premio: Paco, di appena 5 mesi di età, di Gaia Cavanna. Arriva dalla Sardegna e la sua proprietaria ci assicura che è “dolcissimo”.

3° premio: Max, 8 anni, di Patrizia Lamberti. Arriva dalla Romania. La sua proprietaria lo definisce “il biondo che fa impazzire il mondo”! 

El Burlunent – il cane più piccolo grassoccio

1° premio: Poldo, 8 anni, di Maria Grazia Fumagalli. Adottato al rifugio di Monza, la sua proprietaria lo riassume con due parole: “mangione” e “coccolone”!

2° premio: Asia, 5 anni, di Alessio Ferrara. Adottata presso un’associazione “è paurosa di tutto ma ha un cuore grande”.

3° premio: Mina, 11 anni, di Tania Caem. Adottata tanti anni fa al canile di Monza; Tania dice che è una mangiona e si fa fatica ad alzarla!

L’Oregiatt – il cane con le orecchie più vistose

1° premio: Blondie, 11 anni e sorda, di Moira Zagato. Adottatta presso il rifugio dell’associazione Animare di Limbiate (MB). Moira dice che è “tutta storta e vive nel suo mondo”.

2° premio: Aloe, 2 anni, di Cristina Passoni, adottata al canile di Monza. È “coccolona e obbediente”.

3° premio: Pamela, 7 anni, di Roberto Rossi. Adottata presso il rifugio di Monza, è “molto socievole ma non ama i rumori”.

Bell e Truvatell – il più bel cane di razza purché trovato o adottato presso un canile o rifugio

1° premio: Lola di Emiliano Bonassi, Arrivata dalla Romania, ha 5 anni ed è “un po’ fifona”.

2° premio: Leo di Silvana Mauri, 16 anni compiuti. Ricevuto come regalo, Leo sa cantare, non ama stare da solo, è senza denti ma mangia tutto!

3° premio: Gas di Betty Somaschi, di 7 anni e mezzo. Adottato dopo aver trascorso 5 lunghi anni in un canile di Caserta, ha paura di stare da solo.

I premi speciali

I giudici hanno inoltre assegnando tre premi in categorie “extra”:

Il premio per il cane più anziano è andato a Vicky, ben 16 anni compiuti che ha sfilato nella categoria “El tufinel”, adottata presso il canile di Monza. La sua proprietaria, Patrizia Lamperti, ci assicura che nonostante l’età Vicky è molto arzilla!

Il premio “Tenerezza” è andato a Pepito, 2 anni, della dolce bambina Cecilia Colombo di 9 anni. Adottato in Sicilia, Pepito è “amante delle palline”.

Infine, il premio “Due Gocce d’Acqua” si sono aggiudicate Pepita, 13 anni, assieme alla sua proprietaria Cinzia Mandalari. Anche Pepita “adora le palline”!

RINGRAZIAMENTI SPECIALI

La giuria / presentazione dei premi:

  • Rosella Panzeri, ex sindaco di Monza e da sempre amica dell’ENPA di Monza
  • Enrica Galbiati, vice sindaco di Caponago (MB), Comune animal-friendly convenzionato con ENPA di Monza e Brianza
  • Dr Walter Tomain, medico veterinario, storico direttore sanitario del canile di Monza

Ringraziamo i nostri Partner per aver contribuito con ENPA a riempire i cesti dei vincitori:

  • Oasipet, il supermercato per gli animali, ad Albiate e Seregno (per le crocchette)
  • Dogtor House Wet&Vet, toelettatura e altri servizi, di Monza (per i buoni per il lavaggio)
  • Invidia Italia, azienda di prodotti per la cura degli animali (per lo shampoo professionale per cani e lo spray sciogli-nodi).  

La Floricoltura dei Fratelli Gavazzi di San Damiano di Brugherio per i fiori e l’allestimento del palco

La Provincia di Monza e Brianza e il Comune di Monza per il patrocinio concesso alla manifestazione

LE FOTO: sulla nostra pagina Facebook potete trovare una bella selezione di foto scattate durante la manifestazione.

Pubblicato il 17 ottobre 2021

Concorso Webstar 2021, ecco i vincitori!

Domenica 17 ottobre abbiamo annunciato sui nostri social i vincitori della seconda edizione di Webstar. Anche quest’anno il concorso fotografico aperto a tutti i pet e i loro proprietari ha riscosso un ottimo successo, vedendo gareggiare per i titoli di Cat Star, Dog Star e Pet Star ben 27 gatti, 13 cani e 7 “altri” animali (prevalentemente conigli).

La giuria, composta da operatori e volontari ENPA, ha avuto il suo bel da fare per scegliere i vincitori: un compito così arduo che abbiamo deciso di assegnare alcuni premi extra.

I vincitori

Ecco le foto e i nomi dei vincitori a quattrozampe assieme alle caratteristiche con cui i proprietari hanno voluto descriverli.

Tutti i vincitori riceveranno un attestato personalizzato, quelli delle tre categorie principali riceveranno inoltre la stampa su tela della propria foto offerta da FDF Fotolaboratorio Digital Service di Monza, Via Solferino 33.

  • Cat Star: Mike, 11 mesi, di Valentina Corbelli. Recuperato sotto un cespuglio durante due giorni di nevicate incessanti a poco più di un mese, aveva una clamidiosi felina che stava compromettendo entrambi gli occhi. Tramite ENPA, Valentina lo ha tenuto in stallo, rendendosi conto di quanto fosse affettuoso, vivace (a volte troppo), intelligente e assillante con gli altri animali di casa, e decidendo di tenerlo con sé. Da allora ha completamente recuperato la vista, resta solo un piccolo velo opaco sull’occhio destro.
  • Dog Star: Varg di Alessandra Recalcati. 2 anni, adottato. In svedese Varg significa “lupo”. Nonostante il suo aspetto imponente, è un vero tenerone che ama le coccole, i biscotti, le copertine e stare in braccio.
  • Pet Star: Tamburino di Tania Giorgio. Quando questo adorabile coniglio ariete di 4 anni viene coccolato, digrigna i denti e per dimostrare il suo affetto dà i baci sulla mano.

I premi speciali

La giuria ha deciso inoltre di attribuire i seguenti premi speciali:

  • Senior Dog Star: Achille e Cleo (13 anni entrambi) di Emanuela Colombo. Adottato al canile di Monza 4 anni fa, qui Achille è ritratto nascosto nelle foglie autunnali. Dice Emanuela di lui: “è unico nel trasformarsi da cane coccolone a iena in caccia. Il suo motto è: in caso di dubbio io mordo sempre!” La piccola Cleo (ritratta in un momento di relax) è giocherellona, cacciatrice instancabile, affettuosa e guardiana indomita.
  • Senior Cat Star: Gedeone (15 anni) di Federica Cantrigliani che dice di lui “è il gatto dell’amore, dolce e coccolone con tutti”.
  • Premio Simpatia: gatto Milo di 8 anni di Jennifer Ferrarese. A realizzare la divertente foto si è impegnato il figlioletto della proprietaria e la famiglia ha tenuto un mini concorso per scegliere i due scatti da inviarci (l’altro lo potete vedere sulla nostra pagina Facebook!)
  • Premio della Giuria: il cane Leo, 2 anni, di Serena Grumi, che lo definisce “escursionista provetto amante delle avventure in alta quota”.
  • Premio Tenerezza: cane Jack e gatta Blu di Betti Somaschi. La foto ritrae il setter inglese assieme all’amica micia di 9 mesi a cui ha fatto da “mammo” per i suoi ultimi 5 mesi di vita. Trovato nel bosco nel 2004 a 3 anni, Jack purtroppo se n’è andato l’anno scorso all’età di 18 anni; questa è la loro ultima foto insieme. Per tanti anni Jack e Betti sono stati un’immancabile presenza a tutte le manifestazioni ENPA, in ogni condizione meteo: dalla 4 Passi a 4 Zampe alla Benedizione degli Animali, fino ai nostri banchi in centro Monza.

Oltre all’attestato personalizzato, i vincitori delle categorie Senior Dog Star, Senior Cat Star, Premio Simpatia e Premio della Giuria riceveranno un piccolo cesto pieno di golosità e giochi. Alla proprietaria della coppia che si è aggiudicata il Premio Tenerezza andrà la stampa su tela della fotografia.

Grazie a tutti coloro che ci hanno sostenuto partecipando e condividendo l’evento, e un ringraziamento speciale a chi ha inviato più foto facendo così iscrizioni multiple.

Le foto di tutti i partecipanti sono pubblicate nell’apposito album sulla nostra pagina Facebook.

LE FOTO dall’alto: Leo (foto grande in alto); Mike, Varg, Tamburino; Achille, Cleo, Gedeone; Milo, Jack con Blu.

Pubblicato il 21 ottobre 2021

LotterENPA 2022, premi sempre più numerosi!

Torna anche quest’anno, per la quinta volta, la lotteria benefica dell’ENPA di Monza e Brianza che vi permetterà di tentare la sorte e allo stesso tempo aiutare gli animali. Perché l’obiettivo della lotteria, che partirà con l’inizio di ottobre, è quello di raccogliere fondi per aiutarci a sostenere le spese sempre crescenti per tutti gli animali che soccorriamo, curiamo e accudiamo.

I premi quest’anno sono ben cento, tra cui tante novità, a cominciare dal top prize, la splendida cuccia-divano “Wave”, realizzata artigianalmente in materiali pregiati, offerta da Bernardelli di Lissone. Dallo stile contemporaneo e sofisticato, Wave è unautentico oggetto di design nella migliore tradizione dell’arredamento Made in Italy.

Altri premi “new entry” sono: una stampante laser multifunzione; voucher per la visita agli appartamenti della Villa Reale di Monza; un servizio fotografico a domicilio con il tuo pet; e l’originale vaso artigianale realizzato dall’artista monzese Rossella Riboldi. Poi ci sono orologi e gioielli; cene e aperitivi; il misuratore di pressione e le sedute di benessere e bellezza. E, ancora, libri, abbonamenti a giornali, per non parlare di preziose lezioni di educazione cinofila impartite da professionisti del settore.

Insomma ce n’è per tutti i gusti!

Quando e dove acquistare i biglietti

La LotterENPA 2022 è stata lanciata in occasione delle Giornate degli Animali 2021 e i biglietti, al prezzo di un euro l’uno, sono in vendita:

  • al rifugio di Monza in via San Damiano 21 ogni pomeriggio dalle 14,30 alle 17,30 (senza appuntamento)
  • online sul nostro sito
  • presso alcuni negozi e altre attività commerciali a Monza, nella provincia di Monza e Brianza e perfino a Bussero (MI)! Per l’elenco completo, leggi QUI.

L’estrazione dei biglietti vincenti avverrà il 30 gennaio 2022 presso la Sede Operativa ENPA di via Lecco 164.

______________________________________________________________________________________________________________

I PREMI DELLA LOTTERENPA 2022

Qui sotto l’elenco di tutti i premi in palio.

Cliccando sul numero a sinistra potrete scoprire le cartoline virtuali con la descrizione e immagine di ognuno dei 100 premi in palio. A destra troverete invece sito web, pagina Facebook, profilo Instagram e/o indirizzo mail di chi gentilmente lo ha offerto.

01. CUCCIA-DIVANO “WAVE” B.PET_Materiali pregiati, stile contemporaneo Made in Italy_Offerto da Bernardelli_Lissone   Sito   FB

02. RITRATTO PERSONALIZZATO_Ritratto da fotografia in primo piano di una persona o un animale_Offerto da I Dalla Rovere_Luciana Tonetto  FB

03. STAMPANTE LASER_Sistema multifunzione monocromatica Kyocera FS-1320MFP, scansione a colori_Offerto da StarX Srl_Lissone  Sito  Sito store

04. FLAMA LAMPADA DANESE MILANO_Lampada a led che si trasforma in porta candela. Design Martì Guixé_Offerto da Caprotti Luce_Monza   Sito  FB

05. COPPIA DI GUANCIALI IN MYFORM MEMORY AIR_Modello Sense Low 40x70x11 cm. Traspirabilità e freschezza_Offerto da Dorelanbed_Lissone  FB

06. OROLOGIO SWATCH “OCEAN SKIN”_Gamma Swatch Irony. Ultra sottile, movimento al quarzo_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

07. PERCORSO ALIMENTARE DIMAGRIMENTO 10gg_Consulenza nutrizionale_Offerto da Diètnatural_Dott.ssa Maria Cristina Vichi_Monza   Sito  FB

08. SERVIZIO FOTOGRAFICO PROFESSIONALE CON IL TUO PET_Nell’intimità di casa vostra_Offerto da Simona Corsico_Fotografa   FB

09. ORECCHINI “ONDA_Pendenti in bronzo e pietre dure, leggeri e raffinati, realizzati a mano_Offerto da Isabeau Gioielli_Monza    Sito FB 

10. PACCHETTO DI 3 LEZIONI CINOFILE PERSONALIZZATE_Secondo le esigenze del cane/proprietario_Offerto da Filippo Agretti_Istruttore ed educatore cinofilo FISC_Dog Gang_Seregno    Sito  FB  

11. OROLOGIO SWATCH “NEW GENT”_Cinturino in silicone. Meccanismo classico a vista_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza   

12. OROLOGIO SWATCH “NEW GENT”_Cinturino in silicone. Meccanismo classico a vista_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

13. TEST INTOLLERANZE ALIMENTARI_Valutazione composizione corporea, impedenziometria_Offerto da Diètnatural_Dott.ssa Maria Cristina Vichi_Monza Sito  FB

14. OROLOGIO PRYNGEPS DA POLSO IN ACCIAIO_Qualità e design Made in Italy_Offerto da Castignoli Orologeria Gioielleria_Monza    Sito  FB

15. CENA PER 4 PERSONE_Buono per 4 pizze + 4 birre medie (o 4 bibite o 1 bottiglia di vino) + 4 dessert + 4 caffè_Offerto da Spaltodieci_Monza   Sito  FB

16. CONSULENZA COMPORTAMENTALE FELINA_Incontro di valutazione a domicilio_Offerto da Juliet Berry_Consulente della relazione felina SIUA  Mail:  juliet.berry.17@gmail.com

17. CONSULENZA COMPORTAMENTALE FELINA_Incontro di valutazione a domicilio_Offerto da Laura Tassi_Consulente della relazione felina SIUA  Mailezec27@yahoo.it

18. ADOZIONE A DISTANZA PER 6 MESI_A scelta tra gli ospiti del Rifugio di Monza nel Progetto Famiglia a Distanza_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza  FB 

19. VASO MOSAICO ARTIGIANALE_Vetro con mosaico polimaterico. Pezzo unico realizzato a mano_Offerto da Rossella Riboldi_Artista_Monza    Sito

20. OROLOGIO SWATCH “QUILTED TIME”_Cinturino silicone con design patchwork. Movimento al quarzo_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

21. MISURATORE DI PRESSIONE MEDEL SENSE_Memorizzazione dei valori per 4 diversi utenti_Offerto da La Mia Farmacia_Lissone    FB

22. CONSULENZA NUTRIZIONALE UMANA A DOMICILIO_Analisi antropometrica_ Offerto da_Colombo Nutrizione_Dott. Mattia Colombo_Monza   Sito  FB

23. OROLOGIO SWATCH “COUNTRYSIDE EDGYLINE”_Quadrante bianco con indici multicolore e datario_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

24. ANELLO “LUSTRO” SWATCH_Con cristalli Swarovski in acciaio colore argento_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

25. BUONO PER PRANZO O CENA PER 2 PERSONE_Nel piccolo e accogliente osteria_Offerto da Osteria Da Bacco_Monza    Sito   FB

26. CONSULENZA CINOFILA “I 5 SENSI”_Come il cane percepisce il mondo attraverso i sensi_Offerto da_Daniela Cacciarru_Educatore ed istruttore cinofilo FICSS  Mail:  daniela.cacciarru@gmail.com

27. CIONDOLO “RISVEGLIO NELLO STAGNO_In bronzo e smalto traslucido_Offerto da Isabeau Gioielli_Monza    Sito  FB 

28. DIFFUSORE DI PROFUMO ARHOME CON BASTONCINI_Essenza Amber Cocoon, 500 ml_Offerto da Dorelanbed_Lissone    FB   

29. TATTOO_Buono da utilizzare per un tatuaggio di vostra scelta_Offerto da DragonSpawn Studio_Bussero (MI)   Sito  FB

30. PASSEGGIATA INTERATTIVA CON IL PROPRIO CANE_Offerto da Silvia Ferrario_Educatore ed istruttore cinofilo SIUA FICSS_Tecnico mobility dog  Mail: silviaferrario78@gmail.com

31. OROLOGIO FLIK FLAK “POWER TIME”_Modello bambino/a con cinturino in silicone_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

32-33. ABBONAMENTO DIGITALE ANNUALE A UN SETTIMANALE_A scelta tra le 5 testate della provincia MB_Offerto dal Giornale di Monza_Gruppo Netweek  Sito  FB

34-35. CENA PER 2 PERSONE_Buono da 40 € per 2 hamburger (tradizionali o vegan) + 2 patatine + 2 birre bionde_Offerto da Heaven Door Pub_Seregno   FB

36. CONSULENZA EDUCAZIONE CINOFILA_Per comprendere il mondo del cane e i suoi bisogni di specie_Offerto da Stefania Crippa_Educatore ed istruttore cinofilo SIUA FICSS   Mail:  ste_soul@hotmail.it

37. SEDUTA DI MASSOTERAPIA_Massaggio a scelta tra decontratturante,rilassante o linfodrenante_Offerto da New Kinesis_Cabiate (CO)   Sito   FB 

38. FOTOGRAFIA D’AUTORE_Stampa su pannello PVC 30×42 cm a scelta fra le immagini del libro “Attimi di Natura”_Offerto da Samuele Parentella_Fotografo_Besana in Brianza  Sito   FB

39. CANDELA PROFUMATA ARHOME_Essenza Wild Comfort in cera di elevata qualità in contenitore di vetro colorato_Offerto da Dorelanbed_Lissone   FB

40. STAMPA FOTOGRAFICA PERSONALIZZATA_Su tela 70×100 cm di una fotografia a tua scelta_Offerto da FDF / Fotolaboratorio Digital Service_Monza    Sito

41. OROLOGIO FLIK FLAK “SPOOKY”_Modello bimba/o con cristalli Swarovski, fantasmi e arcobaleni_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

42. OROLOGIO FLIK FLAK “COLOR BLAST GREEN”_Modello bambino/a. Vivace cinturino in tessuto verde e arancio_Offerto da ENPA Sezione di Monza e Brianza

43. LEZIONE DI MOBILITY DOG IN NATURA_Valorizza la relazione tra proprietario e cane_Offerto da Cristina Ferrari_Educatore cinofilo SIUA FICSS Mail: criferr66@gmail.com

44. ALBUM “ORTENSIA”_Realizzato a mano. Copertina in tessuto avorio con decori, 30 fogli avorio_Offerto da Hobby And Papers_Monza   Sito    FB 

45. BUONO ACQUISTO LIBRI DA 30 €_Da spendere nella libreria indipendente_Offerto da Virginia e Co._Monza  FB Sito

46. CASSA DI VINO CANNONAU_Sei bottiglie da 75 cl di vino Cannonau “Nois” doc di Sardegna_Offerto da Cooperativa Agricola Gesuina Onnis_Monza    FB

47. CASSA DI VINO VERMENTINO_Sei bottiglie da 75 cl di vino Vermentino “Arci Luci” doc di Sardegna_Offerto da Cooperativa Agricola Gesuina Onnis_Monza   FB

48. APERITIVO PER DUE PERSONE_Buono da 30 € per aperitivo con tagliere tradizionale o vegetariano / vegano + 2 consumazioni alcoliche o analcoliche_Offerto da Moss_Monza    FB

49. MANICURE CON GEL SEMI-PERMANENTE_Applicazione di smalto gel, lucido e resistente, colore a scelta_Offerto da Naturalmente Beauty_Monza     Sito  FB

50. INGRESSI PER 3 PERSONE ALLA VILLA REALE DI MONZA_Visita agli interni della storica Reggia_Offerto da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza  Sito  FB

51. SHAMPOO + IMPACCO + PIEGA_Trattamento completo per un nuovo look_Offerto da Sonia Hair_Monza   FB

52-53. CAPPELLO “KNOTHAT” MULTICOLORE_Pezzo unico in uncinetto, 100% cotone_Offerto da BiBi Fatto a Mano_Sovico IG

54. BOTTIGLIA TERMICA LIFE BOTTLE_Acciaio inox, capacità 50 cl, fantasia a scelta_Offerto da Alternativa Sfusa_Monza   FB 

55. SNACK “NATURES TASTE”_5 confezioni da 100 gr di prelibati snack per cani preparati a mano_Offerto da Fido Village_Lissone  Sito FB

56-57. TAPPETINO REFRIGERANTE_96 x 81 cm. Adatto sia per cani che per gatti, colori assortiti_Offerto da Agriverde_Agrate Brianza  FB

58. BOTTIGLIA DI PROSECCO EXTRA DRY 70 cl_Prodotto da una pluripremiata azienda italiana_Offerto da Shaker Club Café_Seregno   FB

59. BUONO ACQUISTO DA 20 €_Utilizzabile per tutte le specialità alimentari e prodotti zero waste nella bottega_Offerto da Alternativa Sfusa_Monza   FB

60-61. TEGLIA DI PIZZA MARGHERITA D’ASPORTO_Impasto artigianale senza additivi chimici_Offerto da Pizzeria–Birreria Il Coccio_Brugherio   Sito  FB

62. INGRESSI PER 2 PERSONE ALLA VILLA REALE DI MONZA_Visita agli interni della storica Reggia di Monza_Offerto da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza  Sito   FB

63–64. LIBRI/CD/DVD/CARTOLERIA_Buono da 20 € spendibile nei 2 punti vendita Libraccio di Monza_Offerto da Libraccio_Monza  Sito FB

65–66–67–68–69–70. TAPPETINO REFRIGERANTE_90 x 50 cm. Adatto sia per cani che per gatti, colori assortiti_Offerto da Agriverde_Agrate Brianza  FB

71. SET DI OTTO CALICI DA LIQUORE